Lista di trovatori e trobairitz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questa lista di trovatori e trobairitz, suddivisa per nazionalità, comprende quei poeti e compositori medioevali che hanno scritto liriche e poemi in occitano. I "trovatori" in lingua galiziano-portoghese sono elencati altrove

Alvernia[modifica | modifica sorgente]

Aragona, Catalogna e Valenza[modifica | modifica sorgente]

Delfinato[modifica | modifica sorgente]

Guascogna e Bordolese[modifica | modifica sorgente]

Italia[modifica | modifica sorgente]

Limosino[modifica | modifica sorgente]

Linguadoca[modifica | modifica sorgente]

Périgord[modifica | modifica sorgente]

Poitou[modifica | modifica sorgente]

Provenza e Forcalquier[modifica | modifica sorgente]

Rouergue e Quercy[modifica | modifica sorgente]

Rossiglione[modifica | modifica sorgente]

Saintonge[modifica | modifica sorgente]

Tolosano e Foix[modifica | modifica sorgente]

Trovatori e joglars sconosciuti, dubbi o di origine incerta[3][4][modifica | modifica sorgente]

In questa sezione vengono inclusi i nomi di trovatori e joglars la cui origine è incerta o le cui fonti documentali non sono sufficienti ad attribuirne l'identita precisa. Di molti si conosce solo il nome. Riportiamo qui anche i nomi o senhals che celano qualche trovatore o trobairitz o joglars.

Bernardon

  • Tomas I de Savoia
  • Tomas II de Savoia - (1235-1259)
  • Tomas Loys - (1462-1465) partecipante ai Jeux floraux
  • Torcafol
  • Tribolet
  • Trobaire de Villa Arnaut - (1251-1257) contemporaneo di Guiraut Riquier
  • Uc - (1200-1280) identificabiole forse con Uc del Bautz
  • Uc IX le Brun, conte di La Manche - (1190-1219); identificabile forse con Uc Brunenc
  • Uc de Lobevier - identificabile forse con Guilhem de Lobevier o Guilhem de l'Olivier
  • Uc del Bautz o Uc dels Baus o Ugo del Bautz, detto anche Bauçan o Lo Baus; Ugo di baux - nel ruolo di giudice in una tenso fra Aimeric e Peire del Poi
  • Uc del Valat o Huc del Fossat o Huc del Vala - una canso-dansa (1372)
  • Uc de Maensac o de Manzat - di Manzat; una cobla indirizzata a Peire Cardinal; identificabile come Peire de Maensac
  • Uc de Murel o de Muret - di Muret (Haute-Garonne); un sirventese morale
  • Uc de Vilaret - prete; autore di una traduzione provenzale
  • Ugo de Lobieres - (fl. 1200-1220) di Lubières, periferia di Tarascon;
  • Uc Pageza - (fl. 1453-1461) partecipante e mantenitore ai Jeux floraux
  • Uc Roguier o Huc Roguier - (1513) partecipante ai Jeux floraux
  • Uguet - confuso probabilmente con Uc de Mataplana; una tenso con Reculaire
  • Valensa o Lo Prebost de Valensa - di Valence (Drôme)
  • Vaquier - una tenso con Catalan
  • Vesques de Basaz (lo) o Raimon, vescovo di Bazas - successore di Arnaut des Pins (1230-1261)
  • Villa Arnaut o Lo Trabaire de Villa Arnaut - (1257); due serventes
  • Vincent Ferrer - (1355-1419)
  • Vescoms de Torena, visconte di Turenna - forse Raimon IV, visconte dal 1214 ca. al 1243; una tenso con Uc de Saint-Circ e una cobla

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Contrariamente a quanto afferma il Canale, annoverandolo fra i poeti provenzali insieme a lui citati, Ursone sembra abbia forse scritto solo in latino e non in lingua occitana.
    « E questi è appunto quell'Ursone notaio di Genova, cui l'Oldoino afferma (Athen.ligust. p.542) "aver in versi eroici celebrata la vittoria che nell'anno 1243 riportarono i Genovesi contro l'armata navale di Federigo II, e altre composte di favole morali...

    Unum de multis mea delibare trophaeis
    Musa stude, variis habuit quae Ianua terris; »

    P. Gio. Battista Graziani, Vittoria de' Genovesi sopra l'armata di Federico II. Carme di Ursone Notaio del Secolo XIII illustrato e volto in Italiano, Genova, 1857, p. 332. URL consultato il 13 febbraio 2013.
  2. ^ a b c Alais, Yselda e Alaisina sono coautrici di una tenso
  3. ^ (FR) Alfred Jeanroy, La poésie lyrique des troubadours, 1934, pp. 329 e segg.. URL consultato il 14 febbraio 2013.
  4. ^ (FR) Camille Chabaneau, Les biographies des troubadours en langue provençale. URL consultato il 14 febbraio 2013.
  5. ^ Anche Peire Cardinal cita certo Aenac
    (OC)
    « Qu'a Aenac fetz tres tracios
    Que no feira Judas ni Guaynelos... »
    (IT)
    « Che Aenac fece tradimenti
    che neanche Giuda nei Vangeli fece »
  6. ^ In De mots ricos no tem Peire Vidal, al v.5 Ni de gabar sos chans n'Arnaut Romieu
  7. ^
    « Bernado, la genser dona que s mir
    en tot lo mon ni anc fos ni er mais
    Dieu prec que gar de mal e de falhir,
    e m do s'amor e m tragua d'est pantais
    e dels peccatz c'a faitz mortals e lais,
    me do, s'il play, de tot be far ayzina,
    car dels peccatz be es hora que lais,
    e prec ne lui a cui lo mon s'aclina.

                                 Bernado la. »
  8. ^ viene citato in un verso di un Cour d'amour, poema anonimo del XIII secolo:

                  Que l'autrer nos dis Joanitz
                  que leons aucis la formitz

  9. ^ (FR) Eliza Miruna Ghil, L'Age de parage: essai sur le poétique et le politique en ..., 1989 pagine=401. URL consultato il 13 febbraio 2013.
  10. ^ (FR) René Lavaud, Poésies complètes du troubadour Peire Cardenal (1180-1278), 1957, p. 620. URL consultato il 13 febbraio 2013.
  11. ^ In De mots ricos no tem Peire Vidal, al v.7 Ni-n Pelardit de contrafar la gen
  12. ^ (EN) William Doremus Paden, Frances Freeman Paden, Troubadour Poems from the South of France, 2007, p. 180. URL consultato il 14 febbraio 2013.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]