Paolo Veneziano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paolo Veneziano (1300 circa – 1365 circa) è stato un pittore italiano.

È stato definito "il più importante pittore veneziano del XIV secolo"[1] e il precursore della pittura veneta, che ha inizio nel Trecento. Si inserì nel dialogo tra i movimenti pittorici dell’epoca realizzando un equilibrio unico tra i temi suggestivi bizantini della sua formazione e l'influenza di Giotto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque da una famiglia di artisti e lavorò con i suoi figli Marco, Luca e Giovanni. Fu il pittore ufficiale di Andrea Dandolo, per il quale dipinse la Pala Feriale.

La prima opera certa del Veneziano è il polittico con la Dormitio Virginis datata 1333, conservata presso i Musei Civici di Vicenza.[2]

Il polittico di San Severino Marche

Dal 1340 le sue opere rivelano un inizio di cesura col mondo bizantino e l’emergere di maggiori tendenze gotiche. Si vedano ad esempio le cadenze delle vesti e l'espressività dei volti di alcune sue opere quali:

Nel museo liturgico del Duomo di Caorle sono conservate sei tavole raffiguranti apostoli (che costituivano l'antica iconostasi) attribuite a Paolo Veneziano ed alla sua scuola.

A partire dal 1347 è di rilievo la sua produzione di mosaici (ad esempio visibili nella cappella Dandolo nel battistero di San Marco), ma anche delle pale d'altare (bellissima la Madonna in trono, visibile nella parrocchiale di Carpineta e l’Incoronazione, attualmente parte della collezione Frick a New York). Infine è di rilievo la produzioni di polittici come quello presente nella Basilica di San Giacomo Maggiore a Bologna e quello delle Gallerie dell'Accademia a Venezia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Opere firmate[modifica | modifica wikitesto]

Opere attribuite[modifica | modifica wikitesto]

Vergine Maria e Bambino, 1354, museo del Louvre.
Il Crocifisso di Trau

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Random House Library of Painting and Sculpture: Dictionary of artists and art terms David Piper, Random House, 1981 ISBN 0-394-52131-5
  2. ^ Musei Civici Vicenza: Dormitio Virginis, San Francesco d’Assisi, Sant’Antonio da Padova

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rodolfo Pallucchini, Paolo Veneziano e il suo tempo, Fratelli Fabbri Editore, Milano 1966.
  • Michelangelo Muraro, Paolo da Venezia, Milano 1969.
  • Michelangelo Muraro, Paolo Veneziano in Jugoslavia, Editore Beograd 1973.
  • Filippo Pedrocco, Paolo Veneziano e il polittico di San Giacomo Maggiore a Bologna, Bologna 2000
  • Ettore Vio, St. Mark's: the art and architecture of church and state in Venice, Riverside Book Co., New York 2001. ISBN 1-878351-58-3
  • Il Trecento adriatico. Paolo Veneziano e la pittura tra Oriente e Occidente, catalogo della mostra a cura di Francesca Flores D'Arcais e Giovanni Gentili, Silvana Editore, Cinisello Balsamo (Milano) 2002.
  • Filippo Pedrocco, Paolo Veneziano, Società Veneta Editrice, Milano 2003.
  • Francesca Castellani, Paolo Casadio, Histria: opere d'arte restaurate da Paolo Veneziano a Tiepolo, Civico museo Revoltella, Electa, Milano 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]