Orchestra di piazza Vittorio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Orchestra di Piazza Vittorio)
Orchestra di piazza Vittorio
Paese d'origine Italia Italia
Genere Musica etnica
Periodo di attività 2002 – in attività
Album pubblicati 2
Studio 2
Live 0
Raccolte 0

L’Orchestra di Piazza Vittorio è un'orchestra multietnica nata nel 2002 all’interno dell’Associazione Apollo 11, un progetto sostenuto da artisti, intellettuali e operatori culturali che hanno voluto valorizzare il rione Esquilino di Roma, dove gli Italiani sono una minoranza etnica. L’Orchestra rappresenta una realtà unica: è la prima e sola orchestra nata con l’auto-tassazione di alcuni cittadini che ha creato posti di lavoro e relativi permessi di soggiorno per eccellenti musicisti provenienti da tutto il mondo e promuove la ricerca e l’integrazione di repertori musicali diversi e spesso sconosciuti al grande pubblico, costituendo anche un mezzo di recupero e di riscatto per artisti stranieri che vivono a Roma talvolta in condizioni di emarginazione culturale e sociale.

Il gruppo nasce da un'idea di Mario Tronco, componente della Piccola Orchestra Avion Travel, e del documentarista Agostino Ferrente che ne filma in diretta la nascita e debutta il 24 novembre 2002 con il concerto di chiusura del Romaeuropa Festival.

Dalla sua nascita ad oggi l'Orchestra di Piazza Vittorio ha realizzato numerose esibizioni nei cinque continenti, inizialmente anche al seguito dell'omonimo film nella modalita' "cine-concerto" e a seguire con 3 spettacoli teatrali, nonché 3 album.

Nel 2014 l'Orchestra consta di diciotto musicisti che provengono da dieci paesi e parlano nove lingue diverse che, partendo dalla musica tradizionale di ogni paese, mischiandola e intingendola con rock, pop, reggae, e classica, danno origine ad una sonorità unica. Tra musicisti che partono e altri che arrivano, il suono dell’orchestra cambia senza mai tradire la vocazione iniziale a sfide nuove e orizzonti aperti al mondo intero.

Il Flauto Magico secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio[modifica | modifica wikitesto]

Lo spettacolo, presentato in una prima fase con la sua sola overture nel 2007 e che ha visto il suo debutto mondiale nel 2009 al Festival Les Nuits de Fourvière a Lione, è la rilettura de Il flauto magico di Wolfgang Amadeus Mozart, raccontato come fosse una favola musicale tramandata in forma orale e giunta in modi diversi a ciascuno dei musicisti.

Al debutto Italiano al Romaeuropa Festival seguono spettacoli in teatri e festival italiani e internazionali, tra cui quelli di Parigi, Atene, Barcellona, Bahrein, Helsinki, Aix en Provence, Amsterdam e Rotterdam (dove l’Orchestra incide il live incluso nel libro Il Flauto Magico secondo l’Orchestra di Piazza Vittorio, Elliot Edizioni).

Il Giro del Mondo in 80 Minuti[modifica | modifica wikitesto]

Il Giro del Mondo in 80 minuti è un concerto scenico che racconta di un viaggio nell’umanità attraverso il modo di fare e vivere la musica dell’Orchestra di Piazza Vittorio.

Una nave in partenza per destinazione ignota, l’unica condizione per potersi imbarcare è portare con sé una canzone. Il tempo stringe, tra mille peripezie e colpi di scena, i viaggiatori-musicisti salgono a bordo e si raccontano con melodie di luoghi e ricordi lontani. Ogni storia è un mondo che l’Orchestra accoglie in un emozionante mosaico di suoni ed immagini per scoprire infine che abbiamo tutti una storia da raccontare.

Il film[modifica | modifica wikitesto]

Agostino Ferrente finalizza nel 2006 il documentario L'Orchestra di piazza Vittorio, che racconta, in chiave diaristica, la storia di questa inconsueta formazione musicale. Il film viene presentato con grande successo in numerosi festival internazionali tra cui il Festival di Locarno e il Tribeca Film Festival[1] di New York, per poi essere distribuito nelle sale cinematografiche italiane da Luckyred, in quelle americane da Netflix e in numerosi altri paesi. Nel 2007 si aggiudica numerosi premi, tra cui il Nastro d'Argento e il Globo d'Oro come migliore documentario.

Membri dell'orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Ex-componenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Orchestra of Piazza Vittorio. Tribeca Film Festival. URL consultato il 4 novembre 2013

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 2004 - L'Orchestra di Piazza Vittorio - Vincitore del 'German Record Critics' Award" 2005 per la sezione Worldmusic
  • 2006 - Sona
  • 2013 - L'isola di legno

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]