Motore Rover serie K

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Serie K 1.4 bialbero a 16 valvole di una Rover 214 Si

Il Rover serie K è un motore per automobili progettato dal Gruppo Rover (precedentemente denominato Gruppo Austin Rover) durante gli anni Ottanta, e utilizzato per la prima volta sulla Rover serie 200 del 1989. Si tratta di un propulsore benzina a 4 tempi con 4 cilindri in linea, prodotto inizialmente nelle cilindrate 1.1 e 1.4, poi anche nelle 1.6 e 1.8. Nel 1996, in collaborazione con la KIA, fu realizzata una variante 2.5 con 6 cilindri a V, il Rover KV6.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I motori utilizzati dal Gruppo Austin Rover, in particolar modo il BMC serie A, entro l'inizio degli anni Ottanta erano diventati ormai osboleti ed era chiaro che sarebbe stata necessaria una sostituzione in tempi brevi. La progettazione di un motore completamente nuovo iniziò a metà degli anni Ottanta, quando l'Austin Rover riuscì ad ottenere i fondi necessari dal governo inglese[1]. La prima applicazione fu sulla seconda serie della Rover 200 nel 1989.

A partire dal 1994 il corpo farfallato del motore venne costruito con un materiale plastico per ridurre costi di produzione, peso e rumorosità[2].

Affidabilità[modifica | modifica wikitesto]

Il motore Serie K può andare incontro ad un problema noto come H.G.F. (sigla dell'inglese Head Gasket Failure, "collasso della guarnizione di testa"). A causa del particolare funzionamento del suo sistema di raffreddamento, che tende a raffreddare i cilindri piuttosto tardi e in modo poco graduale, fino al raggiungimento della temperatura di esercizio le guarnizioni di testa dei cilindri sono sottoposte a un continuo stress dovuto al susseguirsi di dilatazioni e restringimenti delle guarnizioni stesse, causati dagli sbalzi di temperatura. A lungo andare la guarnizione rischia di rompersi o di scollarsi, mettendo in comunicazione olio motore e liquido di raffreddamento: la miscela color maionese che si viene così a creare può causare seri danni al motore se lasciata in circolazione troppo a lungo, e rende necessaria un'attenta operazione di pulizia (oltre che la sostituzione della guarnizione).

La diffusione del problema e la frequenza con cui si verifica non è facilmente inquadrabile: mentre alcuni sostengono che si tratti di un difetto come tanti altri, e che la sua diffusione sia stata ingigantita rispetto alla realtà, per altri si tratta di un grave e grossolano errore di progettazione, nel quale qualsiasi esemplare prima o poi inevitabilmente incappa. In realtà, se è cosa certa l'esistenza di numerosi esemplari che anche ad alti chilometraggi non manifestano alcun segno di HGF, va detto che l'incidenza aumenta notevolmente se si sforza il motore a freddo (cosa che causa sbalzi termici più elevati). Risentono maggiormente del problema le versioni 1.6 e 1.8 (in quanto possiedono lo stesso sistema di raffreddamento dell'1.1 e 1.4 a fronte di una maggiore produzione di calore) e le vetture che montano il propulsore in posizione posteriore centrale (dove il raffreddamento è più difficoltoso), come ben sanno i possessori di modelli MG e Lotus.

Il Gruppo MG Rover stava lavorando ad una modifica dell'impianto di raffreddamento che avrebbe risolto il problema, ma a causa del suo fallimento, nell'aprile del 2005, tale modifica non vide mai la luce e non poté essere messa in produzione.

Altri tipi di modifiche alla guarnizione della testa dei cilindri sono state messe a punto dalla Ford, che al momento dell'acquisizione di Land Rover ha dovuto mettere mano al problema sui Freelander (fino al 2006 equipaggiati con i Serie K 1.8 e 2.5 V6), e nel 2008 dalla SAIC motors, che ha rilevato MG ed ha rinnovato il Serie K, rinominandolo "Serie N" (ma con la piena compatibilità dei ricambi principali).

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

1119 cc[modifica | modifica wikitesto]

La versione 1.1 (1119 cm³) fu realizzata in diverse varianti:

Veicoli equipaggiati con la versione 1.1:

1396 cc[modifica | modifica wikitesto]

Un Rover serie K 1.4 in una MG ZR

La versione 1.4 (1396 cm³) fu realizzata in diverse varianti:

Veicoli equipaggiati con la versione 1.4:

1588 cc[modifica | modifica wikitesto]

La versione 1.6 (1588 cm³) fu realizzata in diverse varianti:

Veicoli equipaggiati con la versione 1.6:

1795 cc[modifica | modifica wikitesto]

Un Rover serie K 1.8 in una MG 7 del 2008

La versione 1.8 (1795 cm³) fu realizzata in diverse varianti:

Veicoli equipaggiati con la versione 1.8:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) K-series: myths and facts in austin-rover.co.uk. URL consultato il 31-03-2010.
  2. ^ (EN) Rover K-series: the revolutionary four in www.rover-v8.nl. URL consultato il 31-03-2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]