Monaldi & Sorti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rita Monaldi (1966) e Francesco Sorti (1964) sono una coppia di scrittori italiani di romanzi gialli storici, marito e moglie nella vita.

Protagonista dei loro romanzi è l'abate Atto Melani, vissuto tra il 1626 e 1714, che fu cantante castrato, diplomatico e spia (era uno degli agenti segreti preferiti del Re Sole), amico di papi, principi e re.

Nel 2002 il loro primo romanzo, Imprimatur, inizialmente pubblicato da Arnoldo Mondadori Editore, fu dichiarato fuori catalogo poco dopo la pubblicazione[senza fonte]. Il caso editoriale è stato presentato alla Fiera del libro di Francoforte nel 2006.

I successivi libri dei due autori sono stati pubblicati esclusivamente tradotti e presso case editrici straniere. Nel 2006 l'editore olandese De Bezige Bij ha realizzato un’edizione in italiano di Imprimatur, ristampata nel 2009.

Le edizioni originali Mondadori (Omnibus 2002 e poi la ristampa tascabile nella collana I Miti) sono scomparse dal mercato dei libri di seconda mano e sono diventate oggetto di collezionismo.[senza fonte]

Sono gli stessi autori nella prefazione alla ristampa in italiano dell'editore olandese De Bezige Bij ad accreditare la teoria secondo cui la repentina uscita del volume dai cataloghi sia un esplicito boicottaggio dovuto alla cattiva luce in cui viene rappresentato Papa Innocenzo XI nel romanzo anche sulla base di documenti originali[senza fonte].

Negli anni successivi i due autori hanno pubblicato - sempre esclusivamente all'estero - altri romanzi: Secretum nel 2005 e Veritas nel 2006.

Nel piano originale dell'opera erano previsti altri quattro volumi che non hanno visto la luce.

Monaldi e Sorti vivono a Vienna.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi polizieschi storici (in italiano)[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi polizieschi storici (in olandese)[modifica | modifica wikitesto]

  • Imprimatur - De Bezige Bij, 2002.
  • Secretum - De Bezige Bij, 2005.
  • Veritas - De Bezige Bij, 2006.
  • Mysterium, 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]