Mauro Moretti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mauro Moretti
Mauro Moretti 2012.jpg

Amministratore delegato di
Finmeccanica
In carica
Inizio mandato 15 maggio 2014
Predecessore Alessandro Pansa

Mauro Moretti (Rimini, 29 ottobre 1953) è un dirigente pubblico italiano.

Attualmente è amministratore delegato e direttore generale del gruppo Finmeccanica (2014) e Presidente della Fondazione FS Italiane (marzo 2013) [1]. A livello internazionale Mauro Moretti è stato vicepresidente della Union internationale des chemins de fer[2] e Presidente dello European Management Committee della UIC (Union Internationale des Chemins de Fer) da dicembre 2013. Da settembre 2012 ha ricoperto il ruolo di Co-Chairman dello Italian Egyptian Business Council.[3]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si è laureato con lode in ingegneria elettrotecnica presso l'Università degli Studi di Bologna nel 1977.

Nel 1978, a seguito di concorso pubblico esterno, ha assunto la qualifica di ispettore e ha lavorato presso l'Officina Trazione Elettrica di Bologna, attuale ONAE. È poi diventato dirigente e ricoperto numerosi incarichi: Vice Direttore Divisione Tecnologie e sviluppo di Sistema (dicembre 1991), Direttore Divisione Sviluppo Tecnologico e Materiale di Sistema (marzo 1993), Amministratore Delegato di Metropolis -la società del gruppo Ferrovie dello Stato che controlla e gestisce i beni immobiliari- (febbraio 1994), Direttore Area Strategica di Affari "Materiale Rotabile e Trazione" (luglio 1996), Direttore area Strategica di Affari "Rete" (novembre 1997), Consigliere di Amministrazione di Ferrovie dello Stato (febbraio 2001), Amministratore Delegato di Rete Ferroviaria Italiana (luglio 2001), Presidente del Consiglio di Amministrazione di Grandi Stazioni (2008-2014) e dal 2006 al 2014 è stato Amministratore Delegato di Ferrovie dello Stato Italiane.[1]

Nel maggio 2014 viene nominato dal Consiglio di Amministrazione di Finmeccanica nuovo amministratore delegato e direttore generale del Gruppo.[4]

L'esperienza di sindacalista[modifica | modifica sorgente]

Iscritto alla Cgil dai primi anni ottanta, Moretti scala i vertici sindacali fino a diventare segretario nazionale della Cgil Trasporti dal 1986 al 1991[5][6].

La nomina ad amministratore delegato di Ferrovie dello Stato[modifica | modifica sorgente]

Mauro Moretti (a sinistra) in compagnia di Giorgio Napolitano e Innocenzo Cipolletta, all'interno della cabina di un Eurostar.

Nel 2006 l'allora ministro del Tesoro Tommaso Padoa-Schioppa nominò Amministratore Delegato Moretti, il quale rifiutò la carica di presidente perché riteneva che il presidente e i consiglieri dovessero essere persone indipendenti e di garanzia[7].

Pochi mesi dopo il suo insediamento ai vertici della compagnia ferroviaria, in una relazione al Parlamento italiano ha descritto come catastrofica e sull'orlo del fallimento la situazione dell'azienda e tre anni dopo, il 21 aprile 2009, dichiara che Ferrovie dello Stato chiude il 2008 con un utile di 15-20 milioni di euro, primo risultato positivo nella storia di FS[8]; secondo le prime stime annunciate, anche l'esercizio 2009 si è chiuso in leggero attivo.

Il risanamento dei conti è stato frutto sia di un taglio agli sprechi, come ad esempio la rimozione delle auto blu per i dirigenti o il taglio dei servizi senza profitto e senza sussidi, sia attraverso la riorganizzazione dei "Contratti di Trasporto" con le regioni come, ad esempio, la differenziazione del costo dei treni a seconda del numero dei posti a sedere o dell'anzianità del convoglio.[7]

Durante il periodo della sua gestione, le FS, il 13 dicembre 2009, completano il grande progetto italiano della Ferrovia ad alta velocità. Inoltre durante il secondo mandato di Moretti, il Gruppo Ferrovie dello Stato, sigla un accordo con Veolia Transport per l'effettuazione di servizi passeggeri a lunga percorrenza in Europa e acquisisce la società ferroviaria Arriva Deutschland che gestisce alcuni servizi locali in Germania. Veolia Transport e Arriva Deutschland sono, rispettivamente, primo e terzo operatore ferroviario privato europeo.

In data 20 novembre 2009 il giornalista Gigi Riva de L'Espresso, riferendosi ad un disagio avvenuto durante un viaggio in treno, gli dedica una lettera "Egregio Mauro Moretti, amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, con la presente le chiedo di dimettersi."[9]

Hanno destato polemiche le sue dichiarazioni fatte dopo le forti nevicate del dicembre 2009, durante le quali, in seguito a forti disagi che interessarono tutta la rete ferroviaria[10], consigliò agli utenti FS di portarsi in treno "panini e coperte".[11].

Inoltre, Moretti è stato criticato riguardo alla razionalizzazione ed al taglio dei servizi, in particolare al servizio merci. A questo proposito Moretti afferma durante il Meeting per l'amicizia fra i popoli 2010:

« Il settore delle merci nelle Ferrovie dello Stato era identico a quello del 1905 come se i camion non fossero mai esistiti. Si continuava a mantenere tutto anche tutto quello che non era utilizzato mai, o quasi mai, che, naturalmente, doveva essere gestito, mantenuto e costava un botto di soldi. La ricchezza prodotta era equivalente a zero[12]»

Il 16 dicembre 2010 la procura di Lucca ha iscritto nel registro degli indagati per la Strage di Viareggio 38 persone fra le quali Moretti.[13]. Il 18 luglio 2013 Moretti assieme ad altri 32 indagati è stato rinviato a giudizio ed è ora in attesa dei tre gradi di giudizio prima che si arrivi al verdetto.

In una audizione al Senato Moretti definì la Strage di Viareggio uno "spiacevolissimo episodio", mancando di sensibilità a detta del sindaco di Viareggio, Luca Lunardini, e dell'associazione dei parenti delle vittime[14]. Tuttavia Moretti ha sempre ribadito che si trattava di una parola presa fuori dal contesto.

L'elezione a sindaco[modifica | modifica sorgente]

Nel 2004 diventa sindaco di Mompeo dove possiede una seconda casa. Viene eletto con la lista civica Torre Merlata tre colli e bandiera con il 56% dei voti[15]; nel 2009 si ricandida ottenendo il 51,5%[16] e rimane in carica fino a maggio 2014. A causa degli impegni lavorativi con le Ferrovie dello Stato, Moretti si occupa dell'amministrazione del piccolo comune via telefono, recandosi nel paese della provincia di Rieti (non essendovi residente) nel tempo libero. Alcuni cittadini si lamentano della assenza del sindaco, altri invece sostengono che è "come se fosse presente" sottolineandone l'impegno nell'amministrazione del paese. Durante il suo mandato, Moretti riesce ad ottenere il primo Piano Regolatore Generale per il suo paese[17]. Il paese non è servito da ferrovia e dista ciarca 19 km dalla più vicina stazione[18][19].

Altri ruoli[modifica | modifica sorgente]

  • Presidente Onorario di AIAD, Federazione Aziende Italiane per l’Aerospazio, la Difesa e la Sicurezza, dal 2014. [20]
  • Presidente della Fondazione FS da marzo 2013
  • Presidente della Community of European Railway and Infrastructure Companies da gennaio 2009 a dicembre 2013.
  • Presidente del Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani dal 2004[1]
  • Vice presidente dell'Unione industriali di Roma (rinnovato dicembre 2008 con delega alle infrastrutture, logistica e mobilità).[1] In carica fino a settembre 2012.
  • Componente della giunta di Confindustria da ottobre 2006.[1]
  • Componente elettivo del Consiglio Direttivo e del Comitato Tecnico Europa di Confindustria dal 2012.
  • Rappresentante di Federtrasporto all’interno della medesima Giunta da fine maggio 2007 ad aprile 2012.[1]
  • Componente di Giunta Assolombarda.[1]
  • Da luglio 2013 entra a far parte del Consiglio Direttivo dell'Associazione Amici dell'Accademia dei Lincei per il triennio 2013 - 2016.
  • Membro del consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.[1] Fine incarico nel 2006.
  • Membro della ANIE (Federazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) da gennaio 2003 a maggio 2014.[1]
  • Vicepresidente con delega alle Grandi Infrastrutture dell'Unione Industriali Napoli da dicembre 2010 a giugno 2014.[21]
  • Da ottobre 2012 è componente del Consiglio Direttivo e della Giunta di Unindustria, di cui è stato Vice Presidente fino a settembre 2012.[22]
  • Membro Comitato Scientifico Fondazione Politecnico di Milano per quadriennio 2011/2014[23]
  • Consigliere Generale Fondazione SLALA da febbraio 2008 a novembre 2013 [24]
  • Presidente della Consulta del progetto FIGI - Facoltà Ingegneria Grandi Imprese - dell'Università La Sapienza di Roma da gennaio 2013.[25]
  • Membro del Consiglio di Amministrazione dell'Associazione CIVITA da Febbraio 2007[1].
  • Membro del Comitato d'Onore del Coro Polifonico Romano Oratorio del Gonfalone. In carica dal 2010.[26]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana
— 2 giugno 1995[27]
Cavaliere del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del lavoro
— 31 maggio 2010[28]
Laurea Honoris Causa in Ingegneria Meccanica[29] - nastrino per uniforme ordinaria Laurea Honoris Causa in Ingegneria Meccanica[29]
— Università degli studi di Cassino
  • Moretti è stato premiato a Milano nell'ambito dei Finanza Company Awards 2008 come manager dell'anno.[30]

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello Stato Successore
Elio Catania dal 2006 - 2014 Michele Mario Elia
Predecessore Sindaco di Mompeo Successore Mompeo-Stemma.png
Francesco Valentini dal 2004 - in carica

Controllo di autorità VIAF: 90309318 SBN: IT\ICCU\RAVV\493284