Innocenzo Cipolletta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Innocenzo Cipolletta
Innocenzo Cipolletta al Festival dell'economia di Trento nel 2013

Innocenzo Cipolletta al Festival dell'economia di Trento nel 2013


Presidente delle Ferrovie dello Stato Italiane
Durata mandato 2006 - 2010

Innocenzo Cipolletta (Roma, 8 dicembre 1941) è un economista e dirigente d'azienda italiano. Fra i vari incarichi è stato, dal 2006 al 2010, presidente delle Ferrovie dello Stato.[1][2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureato in scienze statistiche presso l’Università di Roma nel 1965.

È stato direttore generale di Confindustria dal 1990 al 2000, presidente della Marzotto S.p.a.(dal 2000 al 2003), del Sole 24 ORE (dal 2004 al 2007) e di Ferrovie dello Stato (dal 2006 al 2010).

Ha ricoperto inoltre ruoli di funzionario e di dirigente all’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) e all’ISCO (Istituto nazionale per lo studio della congiuntura).

Come docente universitario ha avuto incarichi di insegnamento all’Università la Sapienza di Roma, Facoltà di Scienze Statistiche, alla LUISS - Guido Carli di Roma, alla Cesare Alfieri di Firenze e all’Università di Reggio Calabria.

È consigliere di amministrazione della Fondazione Censis, della Fondazione Musica per Roma e della Fondazione Lars Magnus Ericsson. Partecipa, tra gli altri, ai comitati scientifici di “Economia Italiana” della “Rivista di Politica Economica” e della “Fondazione del Nord Est”.

È socio di enti morali quali la Società italiana di statistica, la Società italiana degli economisti, la Società italiana di economia, demografia e statistica, l’Istituto Adriano Olivetti di Studi per la gestione economica e della azienda (ISTAO), la Fondazione Italia USA e l’Istituto affari internazionali (IAI). È inoltre pubblicista e commentatore economico di quotidiani, oltre ad aver firmato numerosi articoli scientifici e libri.

Incarichi attuali[modifica | modifica wikitesto]

  • Presidente Università di Trento
  • Presidente UBS Italia SIM S.p.A.
  • Presidente del Comitato Promotore di Venezia Nordest capitale europea della cultura per il 2019
  • Presidente AIFI (Associazione Italiana del Private Equity e Venture Capital)
  • Vice presidente Assonime
  • Membro del Comitato scientifico della Fondazione Italia USA
  • Membro del consiglio di amministrazione di Indesit Company S.p.A.
  • Membro del consiglio di amministrazione di Ceramiche Piemme S.p.A.
  • Membro del consiglio di amministrazione di iGuzzini illuminazione S.p.A.
  • Membro del consiglio di amministrazione di Poltrona Frau S.p.A.
  • Membro del consiglio di amministrazione di Laterza-Agorà
  • Membro del consiglio di amministrazione di Lunelli S.p.A.
  • Membro del consiglio di amministrazione di Civita Servizi
  • Membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Musica per Roma

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Congiuntura economica e previsione. Teoria e pratica dell'analisi congiunturale, Il Mulino, 1992
  • Banchieri, politici e militari, Editori Laterza, 2010
  • “In Italia paghiamo troppe tasse” Falso!, Editori Laterza, 2014

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 1993[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dalla congiuntura alla ferrovie, la Repubblica, 18 settembre 2006. URL consultato il 24-10-2009.
  2. ^ Ferrovie, Cardia nuovo presidente, Corriere della Sera, 25 giugno 2010. URL consultato il 25-06-2010.
  3. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato. URL consultato il 24-10-2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente del gruppo Ferrovie dello Stato Successore
Elio Catania 18 settembre 2006 - 25 giugno 2010 Lamberto Cardia