Incidente ferroviario di Viareggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Strage di Viareggio
2009 Viareggio train explosion 01.jpg
Incendio sviluppatosi dopo l'innesco del gas
Stato Italia Italia
Luogo Stazione di Viareggio
Data 29 giugno 2009
23:48
Tipo Incidente ferroviario
Morti 31+2[1] (accertate alle ore 10:45 22/12/09)[2]
Feriti 17 (accertati alle ore 11:02 29/08/09 ed esclusi i deceduti)
Alcune auto in fiamme nei pressi della ferrovia

L'incidente ferroviario di Viareggio è stato un grave disastro ferroviario, avvenuto il 29 giugno 2009.[3]

Esso si verificò in seguito al deragliamento del treno merci 50325 Trecate-Gricignano; a causa della fuoriuscita di gas da una cisterna contenente GPL perforatasi nell'urto si è subito innescato un incendio di vastissime proporzioni che ha interessato la stazione di Viareggio, qualche centinaio di metri a sud del fabbricato viaggiatori della stessa, e le aree circostanti.

Cronologia dell'avvenimento[modifica | modifica wikitesto]

La zona dell'esplosione, 14 luglio 2009

Alle 23:48 CEST del 29 giugno 2009, il treno merci 50325 Trecate-Gricignano, con il suo convoglio di quattordici carri cisterna contenenti GPL, deraglia per cause probabilmente legate al cedimento del carrello del primo carro cisterna, che trascina fuori dai binari altri quattro carri. Solo dal primo carro, la cui cisterna viene perforata da un elemento dell'infrastruttura, fuoriesce il gas GPL che al contatto con l'ossigeno e alla prima possibilità d'innesco si è incendiato. I danni sono immediati e 11 persone muoiono in pochi minuti, investite dalle fiamme o travolte dal crollo degli edifici; 2 altre persone sono stroncate da infarto e decine sono ferite; di esse molte rimangono gravemente ustionate, e la maggior parte muore, molti anche a distanza di diverse settimane dall'evento. I due macchinisti sono rimasti indenni: dopo aver dato frenatura al convoglio si sono messi in salvo dietro ad un muro che li ha protetti dalla fiammata del gas innescato.

Il deragliamento si è verificato in corrispondenza del sovrappasso pedonale che scavalca il fascio binari sud della stazione ferroviaria, collegando via Burlamacchi con via Ponchielli. Il gas sembra essersi propagato in direzione di quest'ultima via, nella cui area si registra infatti il maggior numero di vittime, feriti e di edifici crollati o danneggiati. Alcune abitazioni sono state poi abbattute su ordinanza delle autorità comunali perché non più agibili o per costi di riparazione superiori ad una ricostruzione ex novo. Nei giorni successivi è stato inoltre abbattuto anche lo storico sovrappasso ("La Passerella") per i gravi danni strutturali riportati dallo stress termico.

In totale si contano 31 morti[4] (33 contando i due deceduti per infarto) e 25 feriti. I funerali di Stato ai quali hanno partecipato almeno 30.000 persone si sono tenuti il 7 luglio[5] allo Stadio Torquato Bresciani per 15 vittime, altri 7 hanno ricevuto le esequie con rito musulmano in Marocco.[6] Due altri morti, avvenuti indirettamente per infarto, non sono stati messi nella lista ufficiale.

Il convoglio interessato[modifica | modifica wikitesto]

Il treno, composto da 14 carri cisterna, era trainato dalla Locomotiva E.655.175.[7] Il primo carro era immatricolato presso la compagnia ferroviaria polacca PKP ed era stato costruito nel 2004 e revisionato il 2 marzo 2009 da una società di Bozzolo (MN), la Cima Riparazioni,[8] mentre gli altri 13 erano immatricolati presso le ferrovie tedesche Deutsche Bahn|.[9] I carri con il gas sono stati instradati lungo il binario del raccordo interno che collega la raffineria SARPOM a San Martino di Trecate (NO) alla rete ferroviaria convenzionale da FS Logistica, che prima avrebbe compiuto le operazioni di verifica della sicurezza dei 14 carri[10][11] e alla Stazione di Novara sono stati agganciati alla locomotiva. Le cisterne del convoglio, tra cui quella da dove è fuoriuscito il gas che ha innescato l'incendio, appartengono alla multinazionale americana GATX (sebbene rechino l'insegna KVG, la quale è una società austriaca di proprietà di GATX Rail[12]) e poi date in locazione a FS Logistica che ha utilizzato i carri per i servizi a Sarpom[13][14]. I treni erano diretti senza alcuna sosta a Gricignano di Aversa in provincia di Caserta, destinato all'Aversana Petroli della famiglia Cosentino di Casal di Principe.

Probabili cause[modifica | modifica wikitesto]

In attesa delle conclusioni ufficiali delle commissioni di inchiesta la probabile causa dell'incidente è attribuibile al cedimento strutturale di un'asse del carrello del primo carro-cisterna deragliato.[15] La prima foto pubblicata[16] sembra confermare che l'incidente sia stato provocato dalla rottura dell'asse per fatica (cricca della boccola), dato che la sezione fratturata mostra la classica superficie "marezzata" per il 90% della sua superficie. Questa modalità di rottura è tipica degli assili ferroviari e per prevenirla sono previste stringenti procedure cicliche di controllo, che nel caso di specie non sarebbero state rispettate.[senza fonte]

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

Nazionalità Morti
Italia Italiani 23
Marocco Marocchini 7
Ecuador Ecuadoriani 2
Romania Romeni 1
Totale 33

Le persone decedute a causa del disastro sono state 33.[17][18]. Undici sono decedute nell'esplosione e nel seguente incendio[19] e altre venti per le ustioni, nei mesi successivi[20]. All'elenco dei decessi a causa dell'incidente si è aggiunto quello di due anziani colpiti da infarto presumibilmente a causa dello shock per lo scoppio o della vista della scena del disastro[21].

L'inchiesta giudiziaria[modifica | modifica wikitesto]

A sei mesi dall'incidente ferroviario, l'indagine giudiziaria volta a individuare le responsabilità della strage non ha ancora visto alcun indagato. Il 29 dicembre 2009 si è quindi verificata un'azione dimostrativa che ha portato al blocco di un Eurostar diretto a Genova (ore 21:17) e di un InterCity diretto a Livorno (ore 21:56).

Nel novembre 2009, sia la società GATX sia le Ferrovie dello Stato hanno annunciato la volontà di liquidare i danni dell'incidente, manifestando l'intento a pervenire in tempi brevi ad offerte di risarcimento congiunte con i familiari delle vittime.[22] Solo un mese più tardi, tuttavia, la società GATX nega il risarcimento richiesto da quaranta parti lese[23]. A questa situazione si aggiungono le dichiarazioni espresse da Moretti in occasione di un'audizione al Senato, nel febbraio 2010: l'amministratore delegato delle ferrovie declassa la sciagura ad uno a spiacevole episodio[24] D'altro canto, però, il 22 dicembre 2009 un treno adibito al trasporto di gpl si è incendiato nei pressi di Grosseto: tra le località in cui il convoglio è transitato vi è anche Viareggio[25] e, sebbene non vi siano state conseguenze, il fatto getta un'ombra sulla sicurezza del trasporto di materiale pericoloso su ferrovia.

Il 29 marzo 2010, dopo nove mesi dall'incidente e nessun indagato, i familiari, gli amici e alcuni concittadini delle vittime si recano davanti alla procura di Lucca al fine di sollecitare le istituzioni a fare luce sulle responsabilità dell'incidente.[26]. I Comitati sorti all'indomani della tragedia hanno dato vita ad un sit-in che si è protratto per trentadue ore, trentadue come il numero delle vittime che l'incidente ha causato. Inoltre i Comitati hanno dato inizio ad una raccolta di firme per chiedere le dimissioni dell'AD di Trenitalia Moretti.

La svolta arriva il 21 aprile, allorché la Procura di Lucca rende noto che vi sono sette indagati.[27]. Non si conoscono tuttavia i nomi dei presunti responsabili.

Il 21 giugno 2010 la Procura di Lucca rende noto che l'inchiesta ha iscritto 18 persone nel registro degli indagati, sottolineando che "L'individuazione dei soggetti da sottoporre a indagine non può ritenersi allo stato conclusa" e che "il numero degli indagati potrebbe crescere "in rapporto ai vari profili di colpa identificati".[28] Di questi - riferiscono i quotidiani Corriere della Sera e Il Tirreno - si conoscono i nomi di quattro persone: i tedeschi Joachim Lehamann 42 anni, Andreas Schroter 44 anni, Uwe Kriebal 46 anni dell’officina Jungenthal di Hannover (dove fu controllato l'assile che rompendosi causò il deragliamento)[29] ed il mantovano Paolo Pizzadini, 44 anni, della Cima riparazioni di Bozzolo (MN).[30] Viene invece mantenuto il riserbo degli inquirenti sui nomi degli altri indagati. Lo stesso giorno, l'amministratore delegato di Ferrovie dello Stato Mauro Moretti dichiara: "Non escludo che io stesso sia coinvolto. Ogni qualvolta nella storia ci sono state cose di questo genere tutti quanti sono stati compresi negli avvisi di garanzia."[31]

Il 16 dicembre 2010 la procura di Lucca ha emesso 38 avvisi di garanzia, in base ai quali risulta indagato lo stesso Moretti[32][33][34]. Il 7 marzo 2011 a Lucca, nell'ambito delle indagini condotte alla Procura della Repubblica per stabilire le cause degli eventi del 29 giugno 2009, si è svolta la prima udienza dell'incidente probatorio che dovrà ricostruire la dinamica del disastro ferroviario e cercare di fare chiarezza sulle cause attraverso varie prove tecniche. Alla prima udienza dell'incidente probatorio presieduto dal giudice per le indagini preliminari Simone Silvestri, hanno partecipato circa 200 persone tra avvocati e parti lese, non era presente nessuno dei 38 indagati. L'incidente probatorio si è concluso all'udienza del 4 novembre 2011. La perizia disposta dal giudice per le indagini preliminari ha individuato la causa dell'incidente nel cedimento "a fatica" dell'assile del primo carrello del primo carro cisterna. Ha altresì accertato che la "cricca", la cui propagazione ha determinato la frattura dell'assile, era già presente quando il pezzo di ricambio fu spedito dall'officina tedesca Jugenthal di Hannover all'officina italiana Cima Riparazioni di Bozzolo, che provvide alla sua installazione sul carro, circa tre mesi prima dell'incidente. Ha accertato infine che lo squarcio della cisterna fu provocato dall'impatto contro un elemento fisso dell'infrastruttura (la punta di una controrotaia dello scambio "piegata a zampa di lepre").

Il 4 giugno 2013 viene confermato il licenziamento del ferroviere Riccardo Antonini, motivato dalla "rottura del vincolo fiduciario tra azienda e dipendente": l'uomo era stato consulente delle famiglie delle vittime ed era stato querelato dal Moretti.[35] Solidarietà è stata espressa dal sindacalismo di base, che ne chiede l'immediato reintegro[36], e dalla Rete dei Comunisti.[37] L'11 giugno 2013 di fronte alla stazione di Viareggio si è inoltre svolto un presidio di solidarietà al ferroviere licenziato.[38]

Il 22 luglio 2013 la Commissione Ministeriale di Indagine del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti pubblica una relazione che ribalta completamente la tesi sostenuta dagli ingegneri di Ferrovie dello Stato e dei periti del GIP secondo cui la causa dello squarcio e quindi della fuoriuscita di GPL e dell'esplosione, è da addebitarsi all'impatto contro la cosiddetta "zampa di lepre". Nel rapporto della Commissione Ministeriale la causa dello squarcio è da addebitarsi invece all'urto contro un picchetto di regolazione curve. Il documento pubblicato sul sito del Ministero dei Trasporti include un filmato animato 3D in cui vengono valutate numerose ipotesi di dinamica dell'incidente. Nel filmato si evidenziano dei punti fondamentali dati per certi da tutti i periti incaricati della ricostruzione degli eventi. Tali punti vengono utilizzati per sostenere l'attendibilità o la non attendibilità delle varie ipotesi dinamiche prese in considerazione. Per la Commissione Ministeriale, verificata la compatibilità geometrica e l'attendibilità di tutti i punti in questione, la causa più probabile è che il carro cisterna sia stato squarciato in seguito all'impatto con il picchetto nº24 posto in uscita dalla stazione di Viareggio, appoggiando la conclusione a cui sono arrivati anche i periti della Procura di Lucca e dai consulenti tecnici dei parenti delle vittime.

Il 18 luglio 2013 il GUP di Lucca Alessandro Dal Torrione decide per il rinvio a giudizio di 33 imputati, tra cui i vertici delle Ferrovie dello Stato, e fissa al 13 novembre 2013 la data di inizio della prima udienza del processo per la strage.

Nonostante la richiesta fatta dai familiari delle vittime e dal sindaco di Viareggio, Leonardo Betti, lo Stato decide di non costituirsi parte civile al processo. L'allora primo ministro Enrico Letta spiega con una lettera al quotidiano il Tirreno i motivi di questa scelta.[39]

Ricostruzione[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 gennaio 2010 sono iniziati i lavori di ricostruzione dell'intera area distrutta.

Commemorazioni[modifica | modifica wikitesto]

Monumento alle vittime dell'incidente nel Cimitero Comunale di Viareggio

Il 29 luglio 2009, ad un mese della strage, si tenne la prima commemorazione: una marcia silenziosa di circa 15.000 persone.

Il 14 luglio 2009 si è celebrata una partita in memoria della strage allo stadio dei Pini di Viareggio, il cui devoluto è andato in donazione al Comune di Viareggio.[40][41]

Il 29 giugno 2010 è stato il primo anniversario dell'incidente ferroviario. La commemorazione si è aperta con la scoperta della targa di fianco alla Croce Verde, uno dei luoghi simbolo della strage. Di seguito i partecipanti si sono spostati allo stadio dei Pini per partecipare a un momento di riflessione e di preghiera per poi dare il via a un lungo corteo (in testa i familiari delle vittime) per le strade della città. Quasi ventimila persone, con fiaccole e messaggi di solidarietà, hanno sfilato per i cinque chilometri di percorso, attraverso la passeggiata a mare, la stazione e la Croce Verde, fino ad arrivare in via Ponchielli. Qui, alle 23:48, tutte le sirene dei mezzi di soccorso hanno suonato contemporaneamente per un minuto, riportando la mente dei viareggini a quei terribili momenti e in seguito 32 rintocchi di campana hanno salutato le 32 vittime della strage. Tutti i treni in transito sulla adiacente ferrovia hanno partecipato al lutto e al ricordo fischiando 3 volte.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 31 deceduti per l'incendio o le ustioni e due deceduti di infarto. Vedere le note 17-18-19 per ulteriori informazioni
  2. ^ Aumenta il bilancio della strage di Viareggio, RAInews24.it, 28-08-2009. URL consultato l'08-09-2009.
  3. ^ News da sito RFI
  4. ^ Strage Viareggio, morta una donna Le vittime sono salite a 32. in ANSA, 13 luglio 2009. URL consultato il 22 dicembre 2009.
  5. ^ Viareggio piange i 22 morti del treno-bomba alla stazione. Funerali solenni con Napolitano. in Adnkronos, 07 luglio 2009. URL consultato il 07 luglio 2009.
  6. ^ Strage di Viareggio, oggi i funerali. in La Stampa, 07 luglio 2009. URL consultato il 07 luglio 2009.
  7. ^ Locomotiva FS E.655 di proprietà di Trenitalia. Esplosione a Viareggio: la cisterna deragliata ha perso il carico, Nove.Firenze.it, 30-06-2009. URL consultato il 01-07-2009.
  8. ^ Matteoli: «Asse del carro arrugginito» - La procura indaga sulla manutenzione, Corriere Fiorentino. URL consultato il 01-07-2009.
  9. ^ Grave incidente nella stazione di Viareggio, FS News. URL consultato il 01-07-2009.
  10. ^ Viareggio, i morti sono 17 - Manutenzione nel mirino - "Ecco l'asse spezzato", Leggonline.it. URL consultato il 01-07-2009.
  11. ^ Viareggio, treno esplode in stazione: 14 morti e 14 feriti gravi, Il Messaggero, 30-06-2009. URL consultato il 01-07-2009.
  12. ^ GATX Rail ha acquisito il 100% della società europea di noleggio di carri ferroviari KVG Kesselwagen, informare.it, 03-01-2003. URL consultato il 01-07-2009.
  13. ^ Cambiati due carrelli al vagone «Le verifiche sono state blande», Corriere della Sera. URL consultato il 02-07-2009.
  14. ^ La revisione fantasma, Corriere Fiorentino, 01-07-2009. URL consultato il 02-07-2009.
  15. ^ Viareggio, sale a 17 il numero delle vittime - Matteoli: «Asse del carro era arrugginito», Corriere.it. URL consultato il 02-07-2009.
  16. ^ Le prime foto della ruota del carro deragliato sono consultabili a: Incidente Viareggio, le fotografie dell'asse che ha ceduto, Repubblica.it. URL consultato il 02-07-2009.
  17. ^ Strage di Viareggio – Le vittime della tragedia, Il Tirreno
  18. ^ Quel viaggio incontro alla morte.
  19. ^ si tratta di: Nadia Bernacchi, Claudio Bonuccelli, Rosario Campo, Maria Luisa Carmazzi, Andrea Falorni, Antonio Farnocchia, Ana Habic, Ilaria Mazzoni, Michela Mazzoni, Luca Piagentini, Mario Pucci
  20. ^ Hamza Ayad è deceduto appena arrivato al pronto soccorso dell'Ospedale Versilia di Viareggio; il 30 giugno sono decedute Elena Iacopini (Ospedale Santa Chiara - Pisa) e Oliva Magdalena Cruz Ruiz (Ospedale Versilia); nella notte fra il 30 giugno ed il 1º luglio sono deceduti Luca Piagentini (Ospedale Meyer - Firenze) e Iman Ayad (Ospedale Bambin Gesù - Roma); nella notte fra il 1° ed il 2 luglio è deceduto Mohamed Ayad (Ospedale Bufalini - Cesena); il 2 luglio Aziza Abou Talib e Rachid Moussafar (entrambi all'Ospedale Versilia); nella notte fra il 2 ed il 3 luglio Nouredine Boumalhaf (Ospedale Civico di Carrara); il 3 luglio Abdellatif Boumalhaf (Ospedale SS. Giacomo e Cristoforo - Massa), Emanuela Milazzo (Ospedale Civico di Carrara) e Stefania Maccioni (Ospedale Cisanello di Pisa); il 9 luglio Sara Orsi (Ospedale Villa Scassi di Genova Sampierdarena); l'11 luglio Alessandro Farnocchia (Villa Scassi); il 13 luglio Roberta Calzoni (Villa Scassi) e Federico Battistini (Pisa Cisanello); il 16 luglio Mauro Iacopini (Ospedale di Parma); il 10 agosto Emanuela Menichetti (Pisa Cisanello); il 29 agosto Marina Galano (Pisa Cisanello); il 22 dicembre Elisabeth Silva Teran Guadalupe (Pisa Cisanello)
  21. ^ si tratta di Angela Monelli, deceduta sul colpo, e Italo Ferrari, deceduto all'Ospedale Versilia il 2 luglio. Mentre Angela Monelli è inclusa nella lista ufficiosa (ma non in quella ufficiale) delle vittime, Italo Ferrari non figura nemmeno in quella ufficiosa
  22. ^ Strage di Viareggio, novità dalla Gatx «Pagheremo il risarcimento danni» - Corriere Fiorentino
  23. ^ Viareggio: la Gatx nega i risarcimenti
  24. ^ «Viareggio? Uno spiacevole episodio» La città si indigna con Mauro Moretti - Corriere Fiorentino.
  25. ^ Treno con gpl con ruote in fiamme - Cronaca - ANSA.it
  26. ^ [1]
  27. ^ [2]
  28. ^ Strage Viareggio: diciotto indagati - Politica - ANSA.it
  29. ^ Viareggio, decine di indagati per la strage - Corriere della Sera
  30. ^ Strage si Viareggio 18 indagati La Procura Ma saranno di più - Cronaca - il Tirreno
  31. ^ Strage Viareggio: Moretti non esclude avviso garanzia - Toscana - ANSA.it
  32. ^ Marco Gasperetti, «La notizia che aspettavamo - ma non basta per arrivare alla verità» in Corriere della sera, 16 dicembre 2010. URL consultato il 19-12-2010.
  33. ^ Franca Selvatici, Strage di Viareggio - 38 indagati, c'è l'ad Moretti in la Repubblica, 16 dicembre 2010. URL consultato il 19-12-2010.
  34. ^ Ecco la lista dei 38 indagati in la Repubblica, 16 dicembre 2010. URL consultato il 19-12-2010.
  35. ^ Vedi: Corriere Fiorentino - Corriere della Sera - Strage di Viareggio, confermato il licenziamento per il ferroviere
  36. ^ Vedi: Versiliatoday - Licenziamento Antonini: COBAS e CGIL Sea Ambiente chiedono il reintegro immediato a lavoro
  37. ^ Vedi: Contropiano - Solidarietà a Riccardo Antonini
  38. ^ Vedi: La Gazzetta di Viareggio - Riccardo Antonini, presidio di solidarietà al ferroviere licenziato
  39. ^ Vedi: Letta risponde a Marco Piagentini
  40. ^ Friends for Viareggio, Il programma di martedì, Firenzeviola.it, 11 luglio 2009.
  41. ^ Friends for Viareggio: artisti e calciatori in una partita del cuore, intoscana.it, 1 agosto 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]