Angelo Maria Cicolani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Angelo Maria Cicolani
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Angelo Maria Cicolani
Luogo nascita Poggio Moiano
Data nascita 4 aprile 1952
Luogo morte Roma
Data morte 27 ottobre 2012
Partito Popolo della Libertà
Legislatura Senato XIV, XV, XVI
Gruppo Popolo della Libertà
Circoscrizione Lazio
Incarichi parlamentari
  • Membro della 8ª Commissione permanente (Lavori pubblici, comunicazioni)

Angelo Maria Cicolani (Poggio Moiano, 4 aprile 1952Roma, 27 ottobre 2012) è stato un politico e ingegnere italiano, senatore del Popolo della Libertà.

Eletto nel 2001 al senato nelle liste di Forza Italia nel collegio elettorale di Rieti, è stato rieletto nel 2006 e nel 2008, sempre nello stesso collegio.

Assieme ad Antonio Paravia è stato il relatore di un emendamento al disegno di legge 999 (cd. «decreto Alitalia») dell'agosto 2008 che modifica l'articolo 7bis della legge 243/2004 (cd. «legge Marzano») in misura tale da rendere non più personalmente perseguibili i reati di bancarotta a meno del definitivo fallimento dell'azienda coinvolta. L'emendamento è stato fortemente criticato da alcuni organi di informazione (Report, La Repubblica) in quanto "cancellerebbe" i reati legati a grandi dissesti finanziari come quello di Parmalat e Cirio[1] e ha provocato la minaccia di dimissioni del ministro dell'economia Giulio Tremonti in caso di approvazione.[2]

È stato relatore in Senato del Nuovo Codice della Strada nel 2011.

Proveniente dal mondo del lavoro (ingegnere, è stato top manager di importanti società internazionali), ha sempre avuto una particolare attenzione al territorio del suo collegio e alle problematiche di Roma nord. A lui si deve la realizzazione del Casello di Castelnuovo di Porto sulla A1 e il progetto della Bretella di Raccordo Salaria e della viabilità di Gronda Tiberina, nonché il nuovo collegamento viario in fase di ultimazione tra Rieti e Terni.

È scomparso nel 2012 all'età di 60 anni dopo una lunga malattia[3]. Al suo posto di parlamentare è subentrata, il 30 ottobre Anna Maria Mancuso, che ha aderito a Futuro e Libertà per l'Italia[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La Repubblica, Il governo salva Geronzi Tanzi e Cragnotti, 9 ottobre 2008.
  2. ^ La Repubblica, L'emendamento salva-manager sarà eliminato alla Camera, 9 ottobre 2008.
  3. ^ È morto il senatore Cicolani, questore del Senato Ilsole24ore.com
  4. ^ Senato: Anna Maria Mancuso senatrice Fli - ASCA.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]