Maurizia Paradiso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maurizia Paradiso
Dati biografici
Nome Maurizia Paradiso
Data di nascita 25 giugno 1955 (59 anni)
Luogo di nascita Milano
Italia Italia
Dati fisici
Colore bianca
Occhi azzurri
Capelli biondi
Seno naturale rifatto
Dati professionali
Orientamento Lesbico
 

Maurizia Paradiso, nata Maurizio (Milano, 25 giugno 1955), è un'attrice pornografica, conduttrice televisiva e cantante italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maurizia Paradiso, in una sua recente autobiografia dal titolo I travestiti vanno in paradiso, ha raccontato di avere avuto una infanzia molto difficile. Durante l'adolescenza ha iniziato la cura a base di ormoni e a ventitré anni si è sottoposta a un intervento per l'aumento del seno, fino ad arrivare al definitivo cambiamento di sesso e di nome il 31 ottobre 1978.

Giocando sulla propria ambiguità sessuale, durante gli anni ottanta Maurizia Paradiso si è fatta strada nel mondo dello spettacolo. La sua prima esperienza è il film Romance del 1986 al fianco di Walter Chiari e Luca Barbareschi, ma a renderla celebre sono le televendite erotiche di Rete A (dove lancia il suo celebre slogan "Amici de las noches") e le trasmissioni Colpo grosso, in cui subentra a Umberto Smaila nel 1991, Vizi privati (1992) e anche la conduzione di un Festival di Sanscemo nel 1994. In seguito ha lavorato in alcune pellicole pornografiche, come Il segreto di Maurizia (1993), prodotta da Riccardo Schicchi, Le Trans Cavalcate di Maurizia e Banana meccanica.

Negli anni successivi, pur continuando a lavorare nel campo delle televendite ed a partecipare ad alcune trasmissioni su emittenti locali e al MiSex, il clamore e la curiosità legate al personaggio di Maurizia Paradiso si sono andati affievolendo, al punto che, durante una intervista al Chiambretti Night, la Paradiso si è dichiarata senza lavoro e pronta al suicidio.[1] Sempre durante il Chiambretti Night, nel corso di una puntata, la Paradiso ha simulato, per sua stessa ammissione, uno svenimento[2] durante una concitata intervista su Moana Pozzi, alla quale partecipava anche Antonio Di Cesco, marito della Pozzi. In quell'occasione la Paradiso si è anche definita grande amica di Moana.[1]

Il 3 febbraio 2013 ha tentato di sottrarre l'incasso della prima edizione del Sex Festival di Milano, rivendicando il diritto a prendersi i soldi in quanto "direttrice artistica del festival". Fermata dallo staff del festival, è stata poi condotta in caserma dai carabinieri per accertamenti e infine denunciata per rapina impropria dall'organizzatore dell'evento.[3][4]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia pornografica[modifica | modifica wikitesto]

  • Ansia
  • Fiche d'Italia
  • Il segreto di Maurizia, regia di Frank Simon (1993)
  • Ocotpussy Connection, regia di Frank Simon (1994)
  • Gran Bordello, regia di Frank Simon (1994)
  • Donna d'onore, regia di Frank Simon (1994)
  • Indovina chi viene a cena?, regia di Marzio Tangeri (1997)
  • Maurizia Connection (1997)
  • Fantastica Maurizia (1999)
  • Maurizia scazzi a parte
  • Maurizia in paradiso, regia di Andrea Lucci (2000)
  • Maurizia Superstar (2000)
  • Scompisciando con Maurizia
  • Stranaminchia
  • Tutti Sul Camper
  • Stanze Proibite - in Valtellina
  • Banana meccanica, regia di Marcus Dolby (2002)
  • Le trans cavalcate di Maurizia, regia di Marco Ferri (2004)
  • Televendite (2005)
  • I segreti di Moana, regia di Riccardo Schicchi (2009)

Filmografia tradizionale[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Maurizia Paradiso
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop
Periodo di attività 1990-2009
Album pubblicati 1
Studio 1

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1992 - Agitare prima dell'uso (pubblicato come Maurizia De Las Noces)

Raccolta non ufficiale

[[2014]] Maurizia Paradiso 1990-2009

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1990 - Dai dai dai (pubblicato come Trans Girl)
  • 1992 - Hard Core
  • 2009 - Mi piace grosso
  • 2009 - Tira

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Libero Magazine «Chiambretti, aiutami tu!»
  2. ^ Marito di Moana, confessione shock
  3. ^ Sex Festival caos, botte e polemiche
  4. ^ Maurizia Paradiso si è portata via l'incasso

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]