Magdelín Martínez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Magdelín Martínez
Rovereto 2010.jpg
Magdelín Martínez (sulla destra) a Rovereto nel 2010.
Dati biografici
Nome Magdelín Martínez Castillo
Nazionalità Cuba Cuba (fino al 2001)
Italia Italia (dal 2001)
Altezza 178 cm
Peso 63 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Salto triplo
Record
Triplo 15,03 m Record nazionale (2004)
Triplo indoor 14,81 m Record nazionale (2004)
Lungo 6,67 m (2004)
Lungo indoor 6,25 m (2005)
Società Assindustria Sport Padova flag.svg Assindustria Sport Padova
Carriera
Nazionale
1996-1999
2001-2009
Cuba Cuba
Italia Italia

25
Palmarès
Cuba Cuba
Giochi panamericani 0 0 1
Campionati ibero-americani 0 1 0
Italia Italia
Mondiali 0 0 1
Europei indoor 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 30 luglio 2013

Magdelín Martínez Castillo (Camagüey, 10 febbraio 1976) è un'atleta italiana, di origini cubane, specializzata nel salto triplo, disciplina di cui è la detentrice del record italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Con la nazionale cubana vince la medaglia di bronzo ai Giochi panamericani di Winnipeg, Canada.[1]

Dopo aver incontrato il suo futuro marito Giuseppe Picotti, che era in vacanza ai Caraibi, decise di trasferirsi in Italia, ottenendo nel luglio del 2001 la cittadinanza italiana.[2][3] Con gli azzurri partecipa subito ai Mondiali di atletica svoltisi nello stesso anno ad Edmonton, in Canada. In quell'occasione sfiora il podio arrivando quarta con la misura di 14,52 m.

Nel 2002, agli Europei di Monaco di Baviera, ottiene il 6º posto,[3] mentre l'anno successivo si apre con un 5º posto ai Mondiali indoor di Birmingham. Dopo un ottimo secondo posto in Coppa Europa, svoltasi a Firenze, arriva la prima prestigiosa medaglia internazionale per la Martínez: ai Mondiali del 2003 conquista il bronzo con un salto di 14,90 m.

Ai Mondiali indoor 2004 di Budapest un'ennesima finale, conclusa questa volta al quinto posto mentre ai Giochi olimpici di Atene con la misura di 14,85 deve accontentarsi del 7º posto. Nello stesso anno, il 26 giugno a Roma, realizza il nuovo record italiano di salto triplo, primato tuttora resistente, con la misura di 15,03 m.

Il 2005 si apre per la Martínez con un argento agli Europei indoor, svoltisi a Madrid e conclusi dalla saltatrice italiana con un salto di 14,55 m.[3] Ai Mondiali di Helsinki conclude la finale del triplo con la misura di 14,31 m e l'8º posto.

Agli Europei di Göteborg del 2006 viene eliminata in qualificazione, mentre l'anno dopo ai Mondiali di Osaka torna in una finale di rilievo concludendo al 6º posto con 14,71 m. Nel 2008 partecipa alla sua seconda Olimpiade, quella di Pechino, ma non va oltre la qualificazione.

Ai Mondiali di Berlino del 2009, in qualificazione, non va oltre i 14 metri (il limite era a 14,50 m) in una gara opaca.

Nel 2011 la Martinez si ferma per maternità,[4] dando alla luce nel mese di agosto il suo primogenito Alessandro.[5]

Record nazionali[modifica | modifica sorgente]

Seniores[modifica | modifica sorgente]

  • Salto triplo: 15,03 m (Italia Roma, 26 giugno 2004)
  • Salto triplo indoor: 14,81 m (Ungheria Budapest, 5 marzo 2004)

Progressione[modifica | modifica sorgente]

Salto triplo outdoor[modifica | modifica sorgente]

Stagione Risultato Luogo Data Rank. Mond.
2010 13,94 m Polonia Varsavia 8-6-2010 46ª
2009 14,33 m Grecia Atene 13-7-2009 23ª
2008 14,42 m Italia Torino 6-6-2008 18ª
2007 14,71 m Giappone Osaka 31-8-2007
2006 14,25 m Rep. Ceca Praga 17-6-2006 22ª
2005 14,69 m Italia Padova 3-7-2005
2004 15,03 m Italia Roma 26-6-2004
2003 14,90 m Francia Saint-Denis 26-8-2003
2002 14,73 m Italia Rieti 8-9-2002
2001 14,59 m Canada Edmonton 8-8-2001
2000 14,40 m Cuba L'Avana 23-6-2000 14ª
1999 14,14 m Cuba L'Avana 14-5-1999 29ª
1998 14,27 m Cuba L'Avana 26-6-1998 21ª
1997 13,78 m Cuba Sancti-Spíritus 22-1-1997 60ª
1996 14,13 m Cuba L'Avana 30-5-1996 28ª
1995 13,84 m Cuba L'Avana 17-2-1995 30ª
1994 12,84 m Portogallo Lisbona 21-7-1994 -

Salto triplo indoor[modifica | modifica sorgente]

Stagione Risultato Luogo Data Rank. Mond.
2010 13,94 m Italia Ancona 28-2-2010 25ª
2009 14,28 m Italia Torino 22-2-2009 10ª
2008 14,03 m Italia Genova 24-2-2008 21ª
2005 14,54 m Spagna Madrid 6-3-2005
2004 14,81 m Ungheria Budapest 5-3-2004
2003 14,61 m Germania Karlsruhe 28-2-2003

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
In rappresentanza di Cuba Cuba
1994 Mondiali juniores Portogallo Lisbona Salto triplo 12,84 m
1996 Ibero-americani Colombia Medellín Salto triplo Argento Argento 14,17 m w
1999 Giochi panamericani Canada Winnipeg Salto triplo Bronzo Bronzo 13,98 m
In rappresentanza dell' Italia Italia
2001 Mondiali Canada Edmonton Salto triplo 14,52 m
2002 Europei Germania Monaco Salto triplo 14,27 m
2003 Mondiali indoor Regno Unito Birmingham Salto triplo 14,32 m
Mondiali Francia Saint-Denis Salto triplo Bronzo Bronzo 14,90 m Record nazionale
2004 Mondiali indoor Ungheria Budapest Salto triplo 14,67 m
Giochi olimpici Grecia Atene Salto triplo 14,85 m
2005 Europei indoor Spagna Madrid Salto triplo Argento Argento 14,54 m Record personale stagionale
Mondiali Finlandia Helsinki Salto triplo 14,31 m
2006 Europei Svezia Göteborg Salto triplo 14ª 13,84 m
2007 Mondiali Giappone Osaka Salto triplo 14,71 m Record personale stagionale
2008 Giochi olimpici Cina Pechino Salto triplo 18ª 14,00 m
2009 Europei indoor Italia Torino Salto triplo 11ª 13,91 m
Giochi del Mediterraneo Italia Pescara Salto triplo 14,11 m
Mondiali Germania Berlino Salto triplo 21ª 13,87 m

Campionati nazionali[modifica | modifica sorgente]

Coppe e meeting internazionali[modifica | modifica sorgente]

2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Pan American Games, gbrathletics.com. URL consultato il 9 luglio 2011.
  2. ^ Magdelin Martinez, cubapratica.altervista.org. URL consultato il 9 luglio 2011.
  3. ^ a b c Magdelin Martinez (Assindustria Sport Padova), FIDAL.it. URL consultato il 18 febbraio 2012.
  4. ^ Un salto triplo per la felicità in Il Mattino di Padova, 3 febbraio 2011. URL consultato il 9 luglio 2011.
  5. ^ La Martinez è diventata mamma, FIDAL.it, 17 agosto 2011. URL consultato il 30 luglio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mauro Valeri, Black Italians: Atleti neri in maglia azzurra, Roma, Palombi Editori, 2006, ISBN 88-6060-039-1.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]