Linea Fukuchiyama

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Linea Fukuchiyama
JRW 225 series ML02.jpg
Nome originale 福知山線
Inizio Amagasaki
Fine Fukuchiyama
Stati attraversati Giappone
Lunghezza 106,5 km
Apertura 1891
Gestore West Japan Railway Company
Scartamento 1067 mm
Elettrificazione 1500 V DC
Ferrovie

La Linea Fukuchiyama (福知山線 Fukuchiyama sen?) è una ferrovia gestita dalla JR West che collega Ōsaka con la città di Fukuchiyama. All'interno dell'area metropolitana di Osaka, la linea viene chiamata Linea Takarazuka (JR宝塚線), e connette specialmente le città di Takarazuka e Kawanishi. Ad Amagasaki si trova il termine ufficiale della linea, ma di fatto tutti i treni continuano verso est fino a Ōsaka immettendosi sulla Linea JR Kobe o sulla linea JR Tōzai.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La Ferrovia a cavallo Kawabe (川辺馬車鉄道 Kawabe Bashatetsudō?) diede inizio alla storia della linea nel 1891. La ferrovia operava nel tratto fra Amagasaki e Itami per circa 8 km ed era percorsa da carri trainati da cavallo. Nel 1883 la ferrovia venne riorganizzata come Ferrovia Settsu (摂津鉄道 Settsu Tetsudō?) e vennero introdotte locomotive a vapore mentre la linea fu estesa a Ikeda.

La ferrovia Settsu venne quindi assorbita dalla Ferrovia Hankaku (阪鶴鉄道 Hankaku Tetsudō?) che doveva unire Osaka e Maizuru. Nel 1897 avvenne l'estensione a Takarazuka e nel 1899 a Fukuchiyama. La compagnia quindi collegò la linea alla stazione di Kanzaki (l'attuale stazione di Amagasaki) nel 1898 rendendo la precedente linea con la stazione di Amagasaki una diramazione che venne chiusa nel 1981 per i passeggeri e 3 anni dopo per il traffico merci. La rete della ferrovia Hankaku venne nazionalizzata nel 1907.

Negli anni '80 iniziò la modernizzazione della rete con l'introduzione del CTC e l'elettrificazione della linea fino alla stazione di Fukuchiyama, completata nel 1986.

Incidenti[modifica | modifica sorgente]

Il 25 aprile 2005 la linea è stata protagonista di uno dei maggiori incidenti ferroviari nella storia delle ferrovie giapponesi. Un treno della serie 207 espletante un servizio rapido diretto a Doshisha-mae deragliò impattando contro un edificio fra le stazioni di Tsukaguchi e Amagasaki. Le vittime furono 107 morti e centinaia di feriti. A causa dell'incidente la linea rimase chiusa al traffico fino al 19 giugno 2005.[1]

Stazioni[modifica | modifica sorgente]

Sulla linea circolano treni locali e due tipi di rapidi, oltre ad alcuni espressi limitati. Nella tabella sono indicate le fermate dei treni rapidi.

Linea Nome
Stazione
Giapponese Distanza da
Amagasaki (km)
Locale Rapido Rapido
Tambaji
Collegamenti Posizione
Comune Ufficiale
Linea JR
Takarazuka
Linea principale Tōkaidō Osaka 大阪 7.7 ■ Linea Midōsuji (Umeda)

■ Linea Tanimachi (Higashi-Umeda)
■ Linea Yotsubashi (Nishi-Umeda)
Linea Hanshin
Linea Hankyū Kōbe
Linea Hankyū Takarazuka
Linea Hankyū Kyōto
Linea principale Tōkaidō (linee JR Kyōto, JR Kōbe)
Linea JR Tōzai (Kitashinchi)

Kita-ku
Osaka
Prefettura
di Osaka
Tsukamoto 塚本 4.3 | | Yodogawa-ku
Osaka
Amagasaki 尼崎 0.0 Linea principale Tōkaidō (linea JR Kōbe)

Linea JR Tōzai

Amagasaki Prefettura
di Hyōgo
Linea Fukuchiyama
Tsukaguchi 塚口 2.5 |
Inadera 猪名寺 3.9 | |
Itami 伊丹 5.8 Itami
Kita-Itami 北伊丹 7.9 | |
Kawanishi-Ikeda 川西池田 11.0 Linea Hankyū Takarazuka (Kawanishi-Noseguchi)

Linea Nose Myōken

Kawanishi
Nakayamadera 中山寺 14.5 Takarazuka
Takarazuka 宝塚 17.8 Linea Hankyū Takarazuka

Linea Hankyū Imazu

Namaze 生瀬 19.7 | | Nishinomiya
Nishinomiyanajio 西宮名塩 21.9
Takedao 武田尾 25.1 | | Takarazuka
Dōjō 道場 30.1 | | Kita-ku
Kobe
Sanda 三田 33.7 Linea Shintetsu Sanda Sanda
Shin-Sanda 新三田 36.9
Hirono 広野 39.7
Aino 相野 44.0
Aimoto 藍本 48.2
Kusano 草野 50.2 Sasayama
Furuichi 古市 53.5
Minami-Yashiro 南矢代 56.1
Sasayamaguchi 篠山口 58.4
Tamba-Ōyama 丹波大山 60.7
Shimotaki 下滝 68.7 Tamba
Tanikawa 谷川 73.0 Linea Kakogawa
Kaibara 柏原 80.0
Isō 石生 83.2
Kuroi 黒井 87.5
Ichijima 市島 94.0
Tamba-Takeda 丹波竹田 98.2
Fukuchiyama 福知山 106.5

Linea principale San'in
Linea Kitakinki Miyafuku

Fukuchiyama Prefettura
di Kyoto

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Articolo di Repubblica sull'incidente

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]