Lago d'Idro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Biotopo Lago d'Idro
Eridio
Tipo di area Biotopo
Codice EUAP EUAP0483
Stati Italia Italia
Regioni Lombardia Lombardia
Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Province Brescia Brescia
Trento Trento
Superficie a terra 14,33 ha
Provvedimenti istitutivi D.G.P. 280, 18.01.94
Gestore Provincia autonoma di Trento Provincia di Brescia
Idroséi.jpg
Sito istituzionale
Mappa del lago del XIV secolo
Svasso Maggiore
Il fiume Chiese
La foce del Re di Anfo
Lago d'Idro
Eridio
Idrosee-Blick.jpg
Stato Italia Italia
Coordinate 45°46′48″N 10°30′36″E / 45.78°N 10.51°E45.78; 10.51Coordinate: 45°46′48″N 10°30′36″E / 45.78°N 10.51°E45.78; 10.51
Altitudine 368 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 10,9 km²
Profondità massima 122 m
Volume 0,075 km³
Idrografia
Origine lago di escavazione glaciale
Immissari principali Chiese, Re di Anfo, Caffaro
Emissari principali Chiese
Mappa di localizzazione: Italia
Lago d'IdroEridio
Lago d'Idro
Eridio

Il lago d'Idro o Eridio (Lac d'Ider in lombardo, Idrosee in tedesco) è un lago di origine glaciale sito nella provincia di Brescia ai confini con il Trentino. Posto a 368 metri sul livello del mare è formato dalle acque del fiume Chiese che ne è anche l'emissario. La sua superficie è di 10,9 km² e raggiunge una profondità massima di 122 metri.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I più antichi abitanti della Val Sabbia e del lago sembrano essere stati i Liguri[1], antica popolazione che occupava il nord Italia occidentale prima del 2000 a.c., l'area è posta sotto dominio Romano dall'anno 16 a.c.[1]. La Valle e di conseguenza la zona lacustre vennero evangelizzate tra il VI e il VII secolo. Nel XV secolo, a opera della Repubblica di Venezia, venne edificata la Rocca d'Anfo, complesso militare fortificato che dal pendio del monte Censo domina l'intero lago. Il lago d'Idro è uno dei primi laghi naturali italiani a essere regolato da uno sbarramento artificiale costruito nel corso degli anni venti, e gestito in concessione dalla Società Lago d'Idro (SLI) fino alla scadenza del 24 ottobre 1987. Da allora è in corso un confronto a volte aspro fra le varie autorità competenti, le popolazioni rivierasche[2], l'ENEL che deriva acqua per la centrale idroelettrica di Carpeneda e i contadini della pianura per l'irrigazione. Il lago costituisce un serbatoio artificiale, alla quota massima di 370 m s.l.m. di 850 milioni di m3. Dal 1996 al 2001 a titolo di sperimentazione è stato imposto il minimo deflusso vitale e sono state ridotte le escursioni artificiali del lago da 7 a 3,25 m.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Nelle acque del lago è abbondante la presenza di lucci, persici, anguille e alborelle[3].

Sulle sue rive si possono trovare specie di uccelli acquatici e migratori, tra i quali: Svasso maggiore, folaghe, germani reali, gabbiani, porciglioni, tarabusini, aironi cenerini, martin pescatori e usignoli di fiume[3].

Immissari ed emissari[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Chiese (fiume) e Re di Anfo.

Il fiume Chiese, le cui sorgenti vengono alimentate dal Gruppo dell'Adamello, è il principale immissario e l'unico emissario del lago. Il Chiese si immette nel bacino lacustre nel comune di Bondone (località Baitoni) in Trentino, ed esce dal lago nel comune di Idro in provincia di Brescia. Altro immissario è il torrente Re di Anfo, interamente compreso nel territorio del comune di Anfo in provincia di Brescia. Il fiume Caffaro s'immette nel Chiese poco prima che quest'ultimo entri nel lago.

Le acque[modifica | modifica wikitesto]

Il lago è interamente balneabile (al 2014)[4]. Le condizioni attuali del lago tuttavia destano più di una preoccupazione a causa della gravità dei fenomeni di eutrofizzazione dovuti all'assenza di un collettore fognario e per l'intenso sfruttamento delle sue acque da parte della centrale idroelettrica di Carpeneda e per uso irriguo.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il lago d'Idro, a differenza di quello d'Iseo e di Garda, non può essere percorso per tutto il suo perimetro con automezzi perché, sulla sponda orientale, la strada che parte da Idro termina 5 km dopo, nella frazione di Vesta e solo un sentiero permette il collegamento con Baitoni, frazione del comune di Bondone. La sponda occidentale è attraversata dalla Strada statale 237 del Caffaro che entra nei centri abitati di Idro, Anfo e Ponte Caffaro per poi entrare in territorio trentino. Durante il periodo estivo è presente un servizio di trasporto con un battello che collega le località di Crone, Anfo, Ponte Caffaro, Vesta e Vantone.

Il porticciolo turistico di Crone, sede del comune di Idro è stato intitolato alla memoria dell'ammiraglio Mario Tonni, nato nel 1930 a Provaglio Val Sabbia e scomparso nel 2005, unico ammiraglio della Val Sabbia nella storia della Marina Militare.[5]

Galleria immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b antichi abitanti
  2. ^ Comitato per la salvaguardia del Lago d'Idro
  3. ^ a b Lago d'Idro. URL consultato il 27 novembre 2013.
  4. ^ Balneabilità
  5. ^ Marinai in festa a Idro

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]