Karl Maria Wiligut

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Karl Maria Wiligut, conosciuto anche come Weisthor, Jarl Widar, Lobesam e Karl Maria Weisthor (Vienna, 10 dicembre 1866Bad Arolsen, 3 gennaio 1946), è stato uno scrittore ed esoterista austriaco che ebbe un'influenza rilevante sul misticismo nazista e sul neopaganesimo germanico. È stato soprannominato il Rasputin di Himmler.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Wiligut nasce a Vienna. All'età di 13 anni, si unisce al Kadettenschule. A 17 anni, entra nel reggimenti di fanteria dell'Impero Austro-Ungarico sotto il comando di Milan Obrenović IV di Serbia. Nel 1888 viene promosso al grado di tenente.

Nel 1889 si è associato alla loggia massonica Schlaraffia. Pubblica il suo primo libro Seyfrieds Runen nel 1903, sotto lo pseudonimo di Lobesam. Del 1908 è Neun Gebote Gots, dove Wiligut in primo luogo ha sostenuto essere erede ad una tradizione antica di Irminismo. Sia la lista che Wiligut sono stati influenzati dall'opera Die Buchstaben Gutenbergs di Friedrich Fischbach (1900).

Durante la prima guerra mondiale Wiligut ha servito in prima linea nel sud e sul fronte orientale. Il 1º agosto 1917, è stato promosso al grado di colonnello. Nel maggio 1918, si è ritirato dalla prima linea ed ha comandato un accampamento dei convalescenti vicino a Leopoli. Dopo quasi quarant'anni nel servizio militare, è andato in pensione il 1º gennaio 1919 con un'annotazione impeccabile e si è trasferito a Morzg, vicino a Salisburgo, dove ha dedicato il suo tempo agli studi occulti.

Ha rinnovato la sua conoscenza con Theodor Czepl dell'Ordo Novi Templi, che nell'inverno 1920/21 ha trascorso sette settimane nella casa del Wiligut. Czepl ha compilato un rapporto per l'archivio del ONT, in cui descrive Wiligut come uomo marziale nella funzione, che si è rivelata come elemento portante di una linea segreta della regalità tedesca.

Wiligut aveva sposato Malwine, soprannome di Leuts von Teuringen di Bolzano nel 1907, dalla quale ebbe due figlie, Gertrud e Lotte. Un fratello gemello di una delle ragazze morì neonato, una tragedia che sconvolse Wiligut, perché aveva fortemente desiderato un erede maschio al quale passare la sua conoscenza segreta, e che lo allontanò dalla moglie.

Dopo la prima guerra mondiale Wiligut fondò il giornale Der Eiserne Besen, nel quale espresse la propria convinzione dell'esistenza di una cospirazione mondiale di forze oscure, pubblicando opuscoli antisemiti, antimassonici e anticristiani.

Il 29 novembre 1924, Wiligut fu arrestato ed internato nel locale manicomio. In seguito gli furono diagnosticate forme di schizofrenia e megalomania e fino al 1927 rimase in un ospedale psichiatrico salisburghese. Nel 1932, dopo avere abbandonato la famiglia, emigrò in Germania, a Monaco.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Michael Moynihan, Stephen Flowers (a cura di), The Secret King, Maria Wiligut, Himmler's Lord of the Runes (2005).
  • Rudolf J. Mund, Der Rasputin Himmlers, Wien 1982
  • Hans-Jürgen Lange, Weisthor - Karl-Maria Wiligut - Himmlers Rasputin und seine Erben, 1998

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 59877586 LCCN: n86867475