Jet (gruppo musicale australiano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jet
Fotografia di Jet
Paese d'origine Australia Australia
Genere Hard rock[1]
Garage rock[1][2]
Garage punk[1]
Pop rock[3]
Periodo di attività 2001-2012
Album pubblicati 4
Studio 3 + 1 EP
Live 0
Raccolte 1
Sito web

I Jet sono stati un gruppo musicale rock di Melbourne, in Australia, salito alla ribalta nel 2003 con l'album di debutto Get Born, che ha venduto oltre 3,5 milioni di copie in tutto il mondo. Sulla band è evidente l'influsso di storici gruppi rock quali Beatles, Sex Pistols, Kinks, AC/DC, Oasis, Rolling Stones e Led Zeppelin. I singoli più conosciuti sono Are You Gonna Be My Girl e Rollover DJ. Fino al 2009 la band ha venduto 6,5 milioni di dischi in tutto il mondo[4].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nic Cester in concerto a Chicago
Nic e Chris Cester

I fratelli Nic e Chris Cester sono cresciuti a Melbourne ascoltando rock classico degli anni sessanta e settanta, come i The Who, The Easybeats, The Faces e soprattutto Rolling Stones e Beatles. Decisero di formare una band con Cameron Muncey e Mark Wilson. Il gruppo prese il nome da una canzone dei Wings, dall'album Band on the Run (1973). Cominciarono a suonare nei locali nei pressi di Melbourne. Il brano Radio Song, dal loro album Get Born parla delle difficoltà che il gruppo incontrava in quel periodo a farsi conoscere.

I Jet entrarono nei Sunset Sound Studios a Los Angeles con Dave Sardy per produrre il loro album di debutto Get Born. Sardy aveva già prodotto per artisti come Marilyn Manson e The Dandy Warhols. L'album prende il suo nome da un verso dalla canzone di Bob Dylan Subterranean Homesick Blues da Bringing It All Back Home. A metà delle registrazioni, la band fu chiamata dai Rolling Stones che offrirono loro di fare da apertura per i concerti in Australia del loro tour del 2003.

Get Born era fortemente influenzato dalle rock band classiche anni sessanta come Rolling Stones e Beatles; qualcuno sosteneva che era troppo evidente, anche se persino i gruppi del passato copiavano a volte se stessi.

Nell'ottobre 2006 è stato pubblicato l'album Shine On, preceduto già in agosto dal singolo di successo Put Your Money Where Your Mouth Is e ad ottobre con Bring It On Back. La band ha partecipato alla colonna sonora del film TMNT con il brano Rip it Up,stessa canzone adottata dalla WWE come sigla per il PPV Summerslam 2010.

I membri del gruppo hanno aperto anche alcune date del tour di A Bigger Bang dei Rolling Stones del 2007, tra cui il concerto londinese alla O2 Arena del 23 agosto.

Il 25 agosto 2009 è uscito l'album Shaka Rock, anticipato dal singolo She's a Genius.

L'8 giugno 2010 Nic Cester ha preso parte, allo stadio di San Siro, ad un live dei Muse cantando Back in Black degli AC/DC con Matthew Bellamy alla chitarra. Altre collaborazioni con la band inglese sono state registrate nello stesso tour in altre date.

Il 26 marzo 2012, con un comunicato sul proprio sito ufficiale, la band annuncia lo scioglimento affinché i suoi componenti possano "seguire percorsi creativi separati".[5]

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Supporto in studio e live[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album studio[modifica | modifica sorgente]

EP[modifica | modifica sorgente]

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Singoli[modifica | modifica sorgente]

Anno Canzone Aus UK US US Main Rock US Mod Rock Can Album
2003 Are You Gonna Be My Girl 20 16 29 - 3 - Get Born
2003 Rollover DJ 31 34 - 14 14 - Get Born
2004 Look What You've Done 14 28 37 33 3 22 Get Born
2004 Cold Hard Bitch 33 34 55 1 1 - Get Born
2004 Get Me Outta Here - 37 - - - - Get Born
2006 Put Your Money Where Your Mouth Is - - - - 10 - Shine On
2009 She's a Genius - - - - - - Shaka Rock
2009 Black Hearts (On Fire) - - - - - - Shaka Rock
2010 Seventeen - - - - - - Shaka Rock

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Scheda del gruppo su Allmusic.com
  2. ^ rollingstone.com - Jet's High Times
  3. ^ taxi-driver.it - Recensione "Shine on"
  4. ^ Dopo Il Successo, Tornano I Jet
  5. ^ Jet Announce Band Break-Up | Audio Ink Radio

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]