Jean-Pierre Jeunet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Pierre Jeunet

Jean-Pierre Jeunet (Roanne, 3 settembre 1953) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico francese.

La sua cinematografia è da sempre caratterizzata da un gusto barocco e da una forte componente estetica, elementi che lo hanno portato alla ribalta anche oltreoceano e che hanno trovato la loro consacrazione nel suo film più famoso, Il favoloso mondo di Amelie.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jean-Pierre Jeunet nasce a Roanne nella Loira, in Francia il 3 settembre 1953. All'età di diciassette anni Jeunet comincia a lavorare presso le poste francesi; con i guadagni successivamente acquista la sua prima cinepresa 8mm. Amatorialmente, inizia a girare alcuni cortometraggi e impara le tecniche dell'animazione agli Cinemation Studios.

Conosce Marc Caro, al festival d'Annecy, con il quale intraprenderà una lunga collaborazione, della quale le prime produzioni pubblicamente criticate sono i cortometraggi L'Évasion e Le Manège; quest'ultimo gli merita nel 1981 il premio Cesar per il miglior corto. Jeunet comincia a dirigere i suoi primi spot pubblicitari e video musicali. Nel 1984 vince nuovamente il Cesar per Pas repos pour Billy Brakko, cortometraggio ispirato ai fumetti di Caro. Nel 1990, Jeunet, Caro e il produttore Claudie Ossard cercano le basi su cui far nascere il film Delicatessen. Contemporaneamente, Jeunet vince numerosi premi per il suo cortometraggio Foutaises: il suo primo lavoro insieme all'attore Dominique Pinon che interpreterà molti dei suoi personaggi. In Foutaises Jeunet presenta il concetto del "Mi piace, non mi piace", che sarà usato in Il favoloso mondo di Amélie.

Dopo l'uscita di Delicatessen e di La città dei bambini perduti, la 20th Century Fox scrittura Jeunet come regista per il quarto film della famosa saga Alien: Alien - La clonazione. Jeunet apre la sua carriera nel nuovo secolo con Il favoloso mondo di Amélie: un successo, detentore del titolo di film francese con maggiori incassi al botteghino, che lo porta rapidamente ad una grande fama e che gli permette di ottenere la parte di regista per Una lunga domenica di passioni, film basato su un racconto di Sébastien Japrisot.

Nel 2005 viene annunciato che Jeunet ha accettato di dirigere l'adattamento del romanzo di Yann Martel Vita di Pi per la 20th Century Fox. Il progetto americano viene giudicato però dalla Fox troppo oneroso e accantonato.

Nel 2009 esce il sesto lungometraggio del regista: L'esplosivo piano di Bazil. Per questa commedia satirica il regista aveva inizialmente scelto come protagonista Jamel Debbouze (premio per l'interpretazione a Cannes nel 2006 per Days of Glory), salvo poi optare per Dany Boon, a causa di divergenze artistiche con Debbouze.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Produttore[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Clip musicali[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni frequenti[modifica | modifica wikitesto]

Delicatessen La città perduta Alien - La clonazione Il favoloso mondo di Amélie Una lunga domenica di passioni L'esplosivo piano di Bazil Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet
Aline Bonetto
SiY
SiY
SiY
SiY
Urbain Cancelier
SiY
SiY
SiY
Marc Caro
SiY
SiY
Jean-Claude Dreyfus
SiY
SiY
SiY
Bruno Delbonnel
SiY
SiY
André Dussollier
SiY
SiY
SiY
Madeline Fontaine
SiY
SiY
SiY
SiY
Ticky Holgado
SiY
SiY
SiY
SiY
Mathieu Kassovitz
SiY
SiY
Darius Khondji
SiY
SiY
SiY
Serge Merlin
SiY
SiY
Yolande Moreau
SiY
SiY
Ron Perlman
SiY
SiY
Dominique Pinon
SiY
SiY
SiY
SiY
SiY
SiY
SiY
Rufus
SiY
SiY
SiY
SiY
Hervé Schneid
SiY
SiY
SiY
SiY
SiY
SiY
SiY
Audrey Tautou
SiY
SiY

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN74776865 · LCCN: (ENnr98036966 · GND: (DE124120849 · BNF: (FRcb126149782 (data) · ULAN: (EN500250820