Jane Greer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jane Greer nel film Le catene della colpa (1947)

Bettejane Greer (Washington, 9 settembre 1924Los Angeles, 24 agosto 2001) è stata un'attrice cinematografica e televisiva statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Modella e poi cantante di big band, all'età di 15 anni Jane Greer fu colpita da una parziale paralisi facciale da cui si riprese, ma i cui effetti contribuirono a conferire al suo volto lo sguardo calmo ed enigmatico su cui la casa produttrice RKO avrebbe poi puntato per lanciare l'attrice con lo slogan "la donna con il sorriso di Monna Lisa". Scoperta dal produttore Howard Hughes, che la notò sulla copertina del magazine Life dell'8 giugno 1942, l'attrice firmò un contratto per la RKO, interpretando inizialmente alcuni ruoli secondari in Dick Tracy (1945), ispirato all'omonimo fumetto, e nel film d'avventura Sinbad il marinaio (1947).

Sempre nel 1947, l'attrice apparve nel melodramma Nessuno mi crederà (1947), e nel capolavoro del noir Le catene della colpa (1947), diretto da Jacques Tourneur, in cui interpretò la femme fatale Kathie Moffat al fianco di Robert Mitchum e Kirk Douglas, prestando la propria particolare espressività all'ambiguo ruolo di eroina del genere. L'accoppiata con il passivo e disincantato Robert Mitchum ebbe successo, tanto che i due tornarono a lavorare insieme nel successivo Il tesoro di Vera Cruz (1949), una piacevole avventura poliziesca senza però le sfumature torbide del precedente noir di Tourneur.

Nella prima metà degli anni cinquanta, Jane Greer continuò a partecipare a pellicole di diverso genere, quali il dramma bellico Il comandante Johnny (1951) a fianco di Gary Cooper, l'avventura in costume Il prigioniero di Zenda (1952), in cui interpretò l'aristocratica Antoinette De Mauban, e il drammatico Il pagliaccio (1953) con Red Skelton.

Dopo il ruolo di protagonista femminile de La preda umana (1956), una tesa e avvincente avventura ambientata in Messico e cointerpretata da Richard Widmark e Trevor Howard, la Greer iniziò a diradare gli impegni cinematografici per passare a sporadiche apparizioni televisive in popolari serie quali Alfred Hitchcock presenta (1959), Bonanza (1959), I racconti del West (1957-1960), Colombo (1975) e Quincy (1979).

Tra il 1984 e il 1985 interpretò il ruolo di Charlotte Pershing in sei episodi del serial Falcon Crest, tornando alla ribalta cinematografica con la partecipazione al film Due vite in gioco (1984), una remake de Le catene della colpa, in cui ricoprì il ruolo della madre del personaggio a suo tempo interpretato nella pellicola originale. Tra le sue ultime apparizioni televisive, sono da ricordare tre episodi di un'altra celebre serie, I segreti di Twin Peaks, girati nel 1990.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Divorziata dall'attore e cantante Rudy Vallee (1943-1944), Jane Greer si risposò nel 1947 con l'uomo d'affari Edward Lasker, da cui divorziò nel 1963 e dal quale ebbe tre figli, tra cui Lawrence Lasker, divenuto produttore cinematografico e sceneggiatore di celebri film quali Wargames - Giochi di guerra (1983) e I signori della truffa (1992).

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 46961804 LCCN: n86041439