Isabella di Navarra (1395-1435)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Regno di Navarra
Casa di Évreux
COA Navarre Evreux Charles II d'Evreux le Mauvais (1332-1387).svg

Filippo III
Carlo II
Carlo III
Bianca
Modifica

Isabella di NavarraIsabel in basco, in aragonese, in spagnolo, in galiziano, in asturiano e in portoghese; in catalano Isabel o Elisabet; Elisabét in occitano, Isabelle in francese, Elizabeth in inglese, Elisabeth in tedesco e in fiammingo (1395[1]18 agosto dopo il 1435[2]) principessa di Navarra che fu contessa consorte d'Armagnac, dal 1419 alla sua morte.

Origine[3][4][5][6][modifica | modifica sorgente]

Figlia quintogenita del re di Navarra, conte d'Évreux e duca di Nemours, Carlo III di Navarra detto il Nobile[7] e di Eleonora Enriquez, figlia secondogenita del re di Castiglia e León, Enrico II di Trastamara e di Giovanna Manuele figlia ultimogenita dello scrittore e uomo politico, Giovanni Manuele di Castiglia, duca di Penafiel (discendente di Ferdinando III di Castiglia, che era suo nonno, mentre Alfonso X di Castiglia era suo zio) e della sua terza moglie, Bianca de la Cerda (1311-1347), figlia di Fernando de la Cerda[8] (1272-1333) e di Giovanna Núñez di Lara (1286-1351), detta la Palomilla[9].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Isabella fu la prima figlia di Carlo III di Navarra e di Eleonora di Castiglia, nata dopo il ritorno forzato della regina nel regno di Navarra, da dove si era allontanata per intromettersi, dopo la morte del fratello, Giovanni I di Castiglia, nella successione del Castiglia, in quanto il nuovo re, il nipote, Enrico III di Castiglia, era ancora minorenne[3].

Isabella, nel 1403, fu fidanzata col principe della casa reale di Castiglia, Giovanni[3], figlio secondogenito del fratello del re di Castiglia e León, Enrico III e futuro re della corona d'Aragona e di Sicilia, Ferdinando (figlio secondogenito di Giovanni I e della sua prima moglie Eleonora di Aragona).
Giovanni e Isabella che, a quel tempo, avevano rispettivamente all'incirca sette anni e otto anni, rimasero fidanzati per parecchi anni; infatti la regina Eleonora, nel suo testamento, datato 27 luglio 1414, dispose per un lascito alla figlia Isabella (su hija Doña Isabel), per il suo matrimonio con Giovanni (el infante D. Juan, hijo secundo del rey D. Fernando de Aragon)[3].
Giovanni, dopo il matrimonio di Isabella, del 1419, avrebbe poi sposato, nel 1420, la sorella maggiore di Isabella, Bianca[3].

Isabella venne data in moglie al conte d'Armagnac, Giovanni IV, figlio del conte Bernardo VII d'Armagnac e di Il matrimonio fu celebrato il 10 maggio 1419[4]. Secondo altre fonti, in quella data avvenne solo il matrimonio per procura[3].

La data della morte di Isabella è incerta e la si fa coincidere con un arco di tempo di quindici anni (dal 1435 al 1450)

Figli[5][10][modifica | modifica sorgente]

Isabella diede al marito cinque figli:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Per alcune fonti nacque nel 1396, data più probabile, in quanto la madre Eleonora di Castiglia, fu costretta a ritornare nel regno di Navarra, dal nipote, Enrico III di Castiglia, verso la fine del febbraio 1395.
  2. ^ Molto probabilmente, Isabella morì tra il 1445 ed il 1450
  3. ^ a b c d e f (EN) Reali di Navarra
  4. ^ a b (EN) Capetingi di Navarra- genealogy
  5. ^ a b (EN) Isabella di Navarra PEDIGREE
  6. ^ (DE) Carlo III di Navarra genealogie mittelalter
  7. ^ Carlo III di Navarra detto il Nobile era il figlio maschio primogenito del re di Navarra Carlo II il Malvagio e di Giovanna di Francia, figlia del re di Francia, Giovanni II il Buono e Bona di Lussemburgo
  8. ^ Fernando de la Cerda era figlio secondogenito di Ferdinando de la Cerda e di Bianca di Francia (12531320)
  9. ^ Giovanna Núñez di Lara era la figlia di Giovanni Núñez di Lara, detta il Gordo, signore di Lara e sovrano di Biscaglia e di Teresa Álvarez de Azagra Signora di Albarracín. Bianca de La Cerda era quindi l'ereditiera dei possedimenti della famiglia Lara nonché della signoria di Biscaglia
  10. ^ (EN) Nobiltà di Guacogna

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]