Ipossiemia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ipossiemia
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 799.02

Per ipossiemia in campo medico si intende un'anormale diminuzione dell'ossigeno contenuto nel sangue.

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

Fra i sintomi e segni clinici si riscontrano cianosi, respirazione di Cheyne-Stokes (alterata), apnea, ipertensione arrivando anche al coma. Particolarmente stressato è il cuore, si manifestano dapprima aritmie come la tachicardia, il flusso aumenta per poi diminuire improvvisamente passando alla fibrillazione ventricolare o all'asistolia.

L'ossigeno si lega a grassi, carboidrati e proteine, ed è necessario per beneficiare del loro apporto energetico. Viceversa, una scarsa ossigenazione del sangue riduce il metabolismo di base, con conseguente tendenza ad accumulare adipe.

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

Fra le cause che scatenato tale effetto si ritrovano:

Terapia[modifica | modifica sorgente]

Ossigenoterapia o ventilazione a pressione.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Gruppo Editoriale l'Espresso, Nuova Enciclopedia della salute, 2002
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina