Ipercapnia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ipercapnia
Carbon dioxide structure.png
Rappresentazione grafica di una molecola di diossido di carbonio
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 786.09
ICD-10 (EN) R06.8

L'ipercapnia (dal greco hyper: oltre, e kapnos: fumo) è l'aumento nel sangue della concentrazione di anidride carbonica (CO2). L'anidride carbonica è un prodotto di scarto dei processi metabolici cellulari. Nei liquidi corporei si scioglie e forma l'acido carbonico, che durante l'espirazione, viene eliminato dai polmoni sotto forma di anidride carbonica. Se questo meccanismo diviene difettoso, l'acido carbonico determina l'acidosi respiratoria accumulandosi nel sangue.

L'opposto dell'ipercapnia è l'ipocapnia.

Cause[modifica | modifica wikitesto]

Ipercapnia è generalmente causata da ipoventilazione, malattie polmonari, diminuzione dello stato di coscienza. Può anche essere causata da annegamento. Può anche essere causata dall'esposizione ad ambienti contenenti concentrazioni anormalmente elevate di anidride carbonica (di solito per attività vulcaniche o geotermiche) o dalla sua esalazione. Può anche essere un effetto iniziale dovuto alla somministrazione troppo elevata di ossigeno in pazienti affetti da apneee notturne. In questa situazione, l'ipercapnia può anche essere accompagnata da acidosi respiratoria.[1]

Sintomi e segni[modifica | modifica wikitesto]

I sintomi e segni di ipercapnia comprendono l'arrossamento della pelle, frequenza cardiaca elevata, dispnea, extrasistole, spasmi muscolari, riduzione dell'attività cerebrale, aumento della pressione sanguigna. Possono presentarsi anche mal di testa, stato confusionale e letargia. L'ipercapnia può indurre un aumento della gittata cardiaca, un aumento della pressione arteriosa ed una propensione verso le aritmie.[2][3] In caso di grave ipercapnia (PaCO2 generalmente superiore a 10 kPa o 75 mmHg), la sintomatologia progredisce verso il disorientamento, il panico, l'iperventilazione, le convulsioni, la perdita di coscienza, e può portare fino alla morte.[4][5]

Valori di laboratorio[modifica | modifica wikitesto]

L'ipercapnia viene generalmente definita come un livello di anidride carbonica presente nel sangue di oltre 45 mmHg. Dal momento che nel sangue l'anidride carbonica è in equilibrio con il bicarbonato, l'ipercapnia può anche provocare un alto valore di concentrazione di bicarbonato sierico (HCO3-).[6]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dement, Roth, Kryger, 'Principles & Practices of Sleep Medicine' 3rd edition, 2000, p. 887.
  2. ^ Stapczynski J. S, "Chapter 62. Respiratory Distress" (Chapter). Tintinalli JE, Kelen GD, Stapczynski JS, Ma OJ, Cline DM: Tintinalli's Emergency Medicine: A Comprehensive Study Guide, 6th Edition: http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=591330.
  3. ^ Morgan GE, Jr., Mikhail MS, Murray MJ, "Chapter 3. Breathing Systems" (Chapter). Morgan GE, Jr., Mikhail MS, Murray MJ: Clinical Anesthesiology, 4th Edition: http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=886013.
  4. ^ Lambertsen, C. J., Carbon Dioxide Tolerance and Toxicity in Environmental Biomedical Stress Data Center, Institute for Environmental Medicine, University of Pennsylvania Medical Center, IFEM Report No. 2–71, 1971. URL consultato il 10 giugno 2008.
  5. ^ Glatte Jr H. A., Motsay G. J., Welch B. E., Carbon Dioxide Tolerance Studies in Brooks AFB, TX School of Aerospace Medicine Technical Report, SAM-TR-67-77, 1967. URL consultato il 10 giugno 2008.
  6. ^ Insufficienza respiratoria. URL consultato il 26 gennaio 2012.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina