Igor Cassina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Igor Cassina
Igor Cassina.jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 75 kg
Ginnastica artistica Gymnastics (artistic) pictogram 2.svg
Dati agonistici
Specialità Sbarra
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Atene 2004 Sbarra
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Argento Anaheim 2003 Sbarra
Bronzo Londra 2009 Sbarra
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Argento Debrecen 2005 Sbarra
Bronzo Patrasso 2002 Sbarra
Bronzo Amsterdam 2007 Sbarra
Transparent.png Coppa del mondo
Oro Parigi 2005 Sbarra
Oro Parigi 2007 Sbarra
Argento Cottbus 2002 Sbarra
Argento Parigi 2002 Sbarra
Bronzo Cottbus 2001 Sbarra
Squares in oval.svg Gymnasiadi
Oro Cipro 1995 Squadre
Oro Cipro 1995 Sbarra
Bronzo Cipro 1995 Cavallo con maniglie
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Bronzo Tunisi 2001 cavallo
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 maggio 2011

Igor Cassina (Seregno, 15 agosto 1977) è un ex ginnasta italiano, campione olimpico nella specialità della sbarra.

Allenato da Maurizio Allievi, ha gareggiato per la società Ginnastica Meda.

Carriera sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una breve esperienza nel Jūdō, a cinque anni si avvicina alla ginnastica, allenato da Franco Giorgetti. Disputa la sua prima gara a nove anni a Varese, arrivando 4º su 80 bambini. Il suo idolo era Dmitrij Bilozerčev.

Nel 1991 è campione italiano juniores e nel 1994 lo è senior alla sbarra, diventando il primo ginnasta junior a vincere un titolo assoluto; nel 1999 partecipa ai Mondiali di Tianjin e nel 2000 alla XXVII Olimpiade a Sydney.

Nel 2001 è 4º alla sbarra ai Mondiali di Gand e l'anno successivo agli Europei di Patrasso conquista un bronzo. L'escalation continua nel 2003, quando è argento ai Mondiali di Anaheim.

Il 23 agosto 2004 vince l'oro nella sbarra alle Olimpiadi di Atene, primo italiano a riuscirci con questo attrezzo, conquistando la medaglia numero 500 dell'Italia ai Giochi.

Nel 2005 giunge 2º nel concorso generale agli assoluti italiani e coglie il medesimo piazzamento alla sbarra agli Europei di Debrecen; ai Mondiali ottiene invece soltanto il 10º posto.

Nel 2006 agli europei di Volos si classifica quinto alla sbarra; ai Mondiali di Aarhus, durante le qualificazioni nel medesimo attrezzo, è protagonista di una caduta che gli comporta un infortunio al costato. Nel 2007 conquista il bronzo agli Europei svolti ad Amsterdam.

Alle Olimpiadi di Pechino 2008 arriva quarto nella finale alla sbarra, vinta dal cinese Zou Kai, davanti allo statunitense Horton e al tedesco Hambuechen. L'anno successivo, con 15.625 punti, conquista il bronzo nella finale alla sbarra dei Mondiali di Londra, vinti ancora dal cinese Zou Kai davanti all'olandese Epke Zonderland.

Il 29 maggio 2010 Cassina si laurea con il massimo dei voti e la lode[1] in Scienze motorie e dello sport con una tesi dal titolo L'esperienza sportiva come occasione di crescita per la persona, presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano[2].

Il 24 febbraio 2011 annuncia il suo ritiro previsto per il 14 maggio; il 5 marzo 2011 gareggia per l'ultima volta al campionato italiano di ginnastica artistica, partecipando alla seconda prova tenutasi al Palaflorio di Bari e terminando così la sua carriera[3].

Domenica 8 giugno 2014 partecipa ai festeggiamenti per i 70 anni del Centro Sportivo Italiano, al cospetto di Papa Francesco, esibendosi con un esercizio al cavallo con maniglie: è la sua prima esibizione pubblica dopo tre anni dal ritiro.[4]

I movimenti "Cassina"[modifica | modifica wikitesto]

Cassina si era già assicurato un posto nella storia della ginnastica ancora prima della vittoria olimpica: è stato il primo atleta al mondo a presentare un Kovacs teso con avvitamento a 360° sull'asse longitudinale, e come riconoscimento la federazione internazionale ha dato il suo nome all'elemento, che dal 2002 è ufficialmente chiamato "movimento Cassina".

Nell'ottobre del 2004 Cassina dichiarò di essere al lavoro sul "Cassina 2", un esercizio ancora più complesso. Nel 2006, ai Mondiali di Aarhus, durante le qualificazioni, fu protagonista di una caduta, che gli causò un infortunio al costato: dopo quest'ultimo avvenimento Cassina decise di cambiare esercizio, mettendo da parte il "Cassina 2[5].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 settembre 2004. Di iniziativa del Presidente della Repubblica[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Igor Cassina diventa Dottore. Si è laureato con 110 e lode. in sport.sky.it, 30 marzo 2010.
  2. ^ Igor Cassina "dottore" in Scienze motorie e dello sport in milano.unicatt.it, 29 marzo 2010.
  3. ^ Cassina scende dalla sbarra azzurra, ma prima dell'addio vuole la stella di Meda in federginnastica.it, 24 febbraio 2011.
  4. ^ Ginnastica show da Papa Francesco: Ferrari si esibisce e…il ritorno di Cassina!
  5. ^ Arianna Ravelli, Il Cassina 2 a Pechino? Non sono matto in Corriere della Sera, 25 aprile 2008, p. 51.
  6. ^ Commendatore Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Igor Cassina. URL consultato il 12 aprile 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]