Geppetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Geppetto (disambigua).
Geppetto
Geppetto in un'illustrazione del libro
Geppetto in un'illustrazione del libro
Universo Le avventure di Pinocchio
Lingua orig. Italiano
Autore Carlo Collodi
Editore Libreria Editrice Felice Paggi
1ª app. 1881
1ª app. in Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino
Sesso Maschio
Professione Falegname

Geppetto è uno dei personaggi del romanzo per ragazzi Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di Carlo Collodi.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Geppetto (variante del nome Giuseppe) è un vecchio e povero falegname, creatore e padre di Pinocchio. Indossa una parrucca gialla molto simile alla polendina di granturco, motivo per il quale i bambini del posto lo chiamano "Polendina".

Altri media[modifica | modifica sorgente]

Geppetto interpretato da Nino Manfredi nello sceneggiato televisivo Le avventure di Pinocchio del 1972

Geppetto è apparso in tutti gli adattamenti del romanzo di Collodi.

Cinema e televisione[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio è apparso nei seguenti film:

È apparso inoltre nelle seguenti fiction televisive:

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio è apparso nei videogiochi dedicati al burattino di legno (Pinocchio del 1995, The Adventures of Pinocchio del 1996 e Pinocchio del 2007). Fa la sua comparsa inoltre nella serie Kingdom Hearts.

Fumetti[modifica | modifica sorgente]

Geppetto appare nel manga Pinocchio di Osamu Tezuka e nella serie Fables della DC Comics scritta da Bill Willingham. In quest'ultima ricopre il ruolo di antagonista[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Alex Irvine, Fables in Alastair Dougall (a cura di), The Vertigo Encyclopedia, New York, Dorling Kindersley, 2008, pp. 72–81. ISBN 0-7566-4122-5, OCLC 213309015.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Carlo Collodi, Pinocchio, Milano, Feltrinelli, 1972.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura