Fontana a Pinocchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°28′04.44″N 9°12′48.96″E / 45.4679°N 9.2136°E45.4679; 9.2136

Fronte della fontana a Pinocchio di Attilio Fagioli (2008).
Folla che assiste alla inaugurazione della statua (19 maggio 1956)

La fontana a Pinocchio è una fontana ornamentale, situata a Milano nei giardini di corso Indipendenza, con una statua del burattino di Attilio Fagioli (1877-1966).

Storia e descrizione[modifica | modifica sorgente]

L'opera, dono della "Famiglia Artistica" alla città di Milano, si trova nel campo giochi dei giardinetti spartitraffico. La statua, in bronzo, fu realizzata nel 1955 e venne inaugurata il 19 maggio 1956. I giornali locali diedero molto risalto all'opera che con orgoglio campanilistico fu pubblicizzata come il Pinocchio della Madonnina sottolineando come il personaggio rappresentato da Fagioli fosse ben diverso e maggiormente realistico di quello realizzato dallo scultore Emilio Greco per il paese di Collodi.[1]

L'opera, fusa presso la fonderia artistica Battaglia,[2] ritrae Pinocchio diventato bambino che osserva il corpo inanimato del burattino che era. Ai lati del basamento sono raffigurati il Gatto e la Volpe. Al centro, nel pilastro che sorregge Pinocchio, è inscritta una frase del poeta Antonio Negri che ha ispirato l'opera dello scultore:[2]

« Com'ero buffo quand'ero un burattino! E tu che mi guardi, sei ben sicuro di aver domato il burattino che vive in te? »

Restauro dell'opera[modifica | modifica sorgente]

Il gruppo scultoreo subì nel tempo vari danneggiamenti e lo stesso Fagioli, molto affezionato a questo che fu uno degli ultimi lavori, si adoperò più volte al suo restauro.[2] Il successivo e protratto stato di incuria in cui versava la scultura è stato oggetto di una interrogazione parlamentare da parte di Delmastro Delle Vedove al Ministro per i beni e le attività culturali nel settembre 2004.[3]

L'opera infatti si presentava visibilmente danneggiata dagli atti vandalici: il Gatto era stato rubato e rimanevano solamente le impronte delle zampe; il naso di Pinocchio era stato spaccato. Inoltre la fontana era da tempo inattiva. Alcune persone negli ultimi anni si erano mobilitate per riportare la fontana nelle sue condizioni originarie, tra cui Sandra Tofanari, nipote dell'autore della statua, che si è offerta di eseguire personalmente il restauro.

La scultura, riportata alle condizioni originarie, è stata nuovamente inaugurata dopo il restauro il 18 dicembre 2013.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Regina Sara, Salvate Pinocchio dai vandali, Corriere della sera.it, 9 gennaio 2002. URL consultato il 13 agosto 2014.
  2. ^ a b c Storia della statua. URL consultato l'08-10-2009.
  3. ^ Atti Parlamentari Camera dei Deputati, Xiv Legislatura — Allegato B Ai Resoconti — Seduta Del 28 settembre 2004 online

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]