Georges Cottier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Georges Marie Martin Cottier)
Georges Marie Martin Cottier, O.P.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Cottier.jpg
Coat of arms of Georges Cottier.svg
Veritas et Misericordia
Titolo Cardinale presbitero dei Santi Domenico e Sisto
Incarichi attuali Teologo emerito della Casa Pontificia
Nato 25 aprile 1922 a Carouge
Ordinato presbitero 2 luglio 1951
Consacrato arcivescovo 20 ottobre 2003 dal cardinale Christoph Schönborn
Creato cardinale 21 ottobre 2003 da papa Giovanni Paolo II

Georges Marie Martin Cottier (Carouge, 25 aprile 1922) è un cardinale, teologo e insegnante svizzero dell'Ordine dei frati predicatori.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato all'Università di Ginevra, dove si è laureato in Lettere classiche nel 1944.

Nel 1945 è entrato nell'Ordine dei frati predicatori, ha studiato filosofia e teologia all'"Angelicum" di Roma fino al 1952 ed ha conseguito una Laurea in teologia.

Il 2 luglio 1951 è stato ordinato sacerdote.

Tornato a Ginevra, nel 1959 ha discusso una tesi di Dottorato su "L'ateismo del giovane Marx e le sue origini hegeliane" presso la Facoltà di Lettere dell'Università di Ginevra; , è considerato un esperto dell'ateismo e di Marx.

Nel 1962 è divenuto libero docente di filosofia nella Facoltà di Lettere di Ginevra.

Nominato docente incaricato di corsi nel 1971, ha continuato a insegnare fino al 1987, quando è andato in pensione.

Dal 1973 al 1990 ha pure insegnato storia della filosofia moderna e contemporanea nell'Università di Friburgo.

È stato segretario generale della Commissione Teologica Internazionale dal 1989 al 2003: era in pratica il braccio destro dell'allora cardinale Joseph Ratzinger, futuro papa Benedetto XVI, negli anni in cui egli presiedeva la medesima commissione.

Fine studioso di teologia, è stato nominato teologo della Prefettura della Casa Pontificia nel dicembre del 1989. Rinnovato nell'incarico anche da Benedetto XVI, ha ricoperto tale carica fino al 1º dicembre 2005.

È stato elevato alla dignità cardinalizia da papa Giovanni Paolo II nel concistoro del 21 ottobre 2003 con la diaconia dei Santi Domenico e Sisto.

Il 12 giugno 2014 ha optato per l'ordine presbiterale, mantenendo invariata la diaconia elevata pro illa vice a titolo presbiterale[1].

Ordinazioni episcopali[modifica | modifica wikitesto]

Il cardinal Cottier è stato, l'11 dicembre 2011, consacrante di monsignor Charles Morerod, suo confratello domenicano e vescovo di Losanna, Ginevra e Friburgo.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • L'athéisme du jeune Marx, Parigi, Ed. Vrin, 1959.
  • Du Romantisme au Marxisme, Parigi, Alsatia, 1961.
  • Eglise et pauvreté, Paris, Cerf, 1965.
  • Chrétiens et marxistes: dialogue avec Roger Garaudy, Parigi, Mame, 1967.
  • Régulation des naissances et développement démographique. Perspectives philosophiques et théologiques, Parigi-Bruges, Desclée de Brouwer, 1969.
  • Horizons de l'athéisme, Parigi, Cerf, 1969.
  • La mort des idéologies et l'espérance, Parigi, Cerf, 1970.
  • Etica dell'intelligenza, Vita e Pensiero, 1988.
  • Histoire et connaissance de Dieu, Ed. universitaires, Friburgo, 1993.
  • Défis éthiques, Saint Maurice (Svizzera), Ed. Saint-Augustin, 1996.
  • Valori e transizione: il rischio dell'indifferenza, Studium, 1994.
  • Les Chemins de la raison : questions d'épistémologie théologique et philosophique, Saint-Maur, Parole et silence, 1997.
  • Le désir de Dieu: au coeur de Saint-Thomas, Saint-Maur, Parole et silence, 2002.
  • Vous serez comme des dieux, Saint-Maur, Parole et silence, 2009.
  • Humaine raison: contributions à une éthique du savoir, Lethielleux, 2011.
  • Ateismi di ieri e di oggi, La Scuola, 2012.
  • Regards catholiques sur la Franc-maçonnerie, Ed. du Rocher, 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Georges Cottier: Itinéraire d'un croyant, Patrice Favre, 2007 (biografia).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Segretario della Commissione teologica internazionale Successore Emblem Holy See.svg
 ? 1989 - 2003  ?
Predecessore Teologo della Casa Pontificia Successore Emblem Holy See.svg
Mario Luigi Ciappi 1º dicembre 1989 - 1º dicembre 2005 Wojciech Giertych
Predecessore Vescovo titolare di Tullia
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Roman Andrzejewski 7 ottobre 2003 - 21 ottobre 2003 Luis Morao Andreazza
Predecessore Cardinale diacono e presbitero dei Santi Domenico e Sisto Successore CardinalCoA PioM.svg
- dal 21 ottobre 2003
Titolo presbiterale pro illa vice dal 12 giugno 2014
in carica

Controllo di autorità VIAF: 85161384 LCCN: n50018758