Raffaele Scapinelli di Leguigno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raffaele Scapinelli di Leguigno
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinale Scapinelli.jpg
CardinalCoA PioM.svg
Nato 25 aprile 1858, Modena
Consacrato arcivescovo 25 febbraio 1912 dal cardinale Rafael Merry del Val y Zulueta
Creato cardinale 6 dicembre 1915 da papa Benedetto XV
Deceduto 16 settembre 1933, Forte dei Marmi

Raffaele Scapinelli di Leguigno (Modena, 25 aprile 1858Forte dei Marmi, 16 settembre 1933) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Raffaele Scapinelli di Leguigno studiò teologia e filosofia presso il Seminario di Reggio Emilia e successivamente a Roma. Si laureò in diritto canonico e in diritto civile ricevendo nel 1884 l'ordinazione sacerdotale. Dopo ulteriori studi divenne nel 1887 professore di diritto canonico presso il seminario di Reggio Emilia; nel 1889 entrò come collaboratore nella Segreteria di Stato vaticana.

Dal 1891 al 1894 lavorò come segretario presso la nunziatura apostolica in Portogallo, e dal 1894 al 1905 assunse diversi incarichi nella nunziatura apostolica in Olanda. Nel 1905 ebbe la nomina a protonotaro apostolico e a segretario della commissione per la codifica del diritto canonico; nel 1908 gli venne affidato il medesimo incarico presso la Sacra Congregazione per gli Affari Ecclesiastici Straordinari. Fu inoltre consulente del Sant'Uffizio e della Sacra Congregazione Concistoriale.

Nel 1912 papa Pio X lo nominò nunzio apostolico in Austria-Ungheria e vescovo titolare di Laodicea ad Libanum. Raffaele Scapinelli venne ordinato vescovo dal cardinale Rafael Merry del Val y Zulueta e fu nominato cardinale da Benedetto XV nel concistoro del 6 dicembre 1915 con il titolo di San Girolamo degli Schiavoni. Nel 1918 venne nominato prefetto della Congregazione per i Religiosi. Raffaele Scapinelli di Leguigno morì il 16 settembre 1933 a Forte dei Marmi e venne sepolto a Roma nel cimitero del Verano.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]