Francesco Giuseppe di Hohenzollern-Emden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Giuseppe di Hohenzollern-Emden
Nome completo Francesco Giuseppe Maria Luigi Antonio Tassilo di Hohenzollern-Emden
Trattamento Sua altezza reale
Nascita Heiligendamm, 30 agosto 1891
Morte Tubinga, 3 aprile 1964
Padre Guglielmo di Hohenzollern-Sigmaringen
Madre Maria Teresa di Borbone-Due Sicilie
Consorte Maria Alice di Sassonia
Religione Cattolicesimo

Francesco Giuseppe di Hohenzollern-Emden, in tedesco Franz Joseph Maria Ludwig Anton Thassilo von Hohenzollern-Emden (Heiligendamm, 30 agosto 1891Tubinga, 3 aprile 1964), fu principe e capo della casata di Hohenzollern-Sigmaringen e iniziatore del ramo degli Hohenzollern-Emden.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Francesco Giuseppe era il figlio secondogenito del principe Guglielmo di Hohenzollern-Sigmaringen (1864-1927) e di sua moglie, la principessa Maria Teresa di Borbone-Due Sicilie ed era fratello gemello del principe Federico Vittorio di Hohenzollern-Sigmaringen. Sua sorella Augusta Vittoria sposerà l'ex re Manuele II del Portogallo.

Il servizio militare[modifica | modifica sorgente]

Durante la Prima guerra mondiale, Francesco Giuseppe prestò servizio nella Kaiserliche Marine come ufficiale sulla torpediniera SMS Emden con la quale prese parte alla Battaglia di Cocos.[1] La SMS Emden fu una delle navi che durante la grande guerra catturarono più navi inglesi e come tale tutti coloro che militarono su questa nave, incluso Francesco Giuseppe, ebbero il diritto di apporre alla fine del loro cognome anche il nome della nave.[2][3] Per questo motivo quando con la caduta dell'Impero tedesco vennero aboliti i titoli nobiliari, Francesco Giuseppe decise di adottare il cognome Hohenzollern-Emden.[4][5]

Nel 1925 Francesco Giuseppe scrisse un libro di memorie sul suo servizio in marina dal titolo Emden: Meine Erlebnisse auf S.M Schiff Emden. Prima della fine della guerra riuscì anche a ottenere il grado di Contrammiraglio nelle forze navali rumene.[6]

L'adesione al nazismo[modifica | modifica sorgente]

Nel 1933 Francesco Giuseppe decise di divenire un membro delle SS (n. 276 691).[7] Il 1º aprile 1936 divenne membro anche del partito nazista vero e proprio con tessera numero 3765580.[8] Come principe cattolico imparentato con casate importanti come gli Asburgo, i Borboni ed i regnanti di Sassonia, Francesco Giuseppe era utile al partito nazista per darsi lustro e rispettabilità e come tale venne sempre trattato con estremo riguardo.[9]

Dal 1939 al 1944 Francesco Giuseppe comandò una batteria navale tedesca di stanza a Cuxhaven.[10] Nel giugno del 1944 abbandonò il servizio attivo e nel novembre di quello stesso anno venne espulso dalle SS assieme ad altri aristocratici che avevano aderito al nazismo in quanto era ritenuto sospetto di collaborazionismo con gli alleati nella speranza di ripristinare la monarchia.[11] In una lettera a Heinrich Himmler datata 3 gennaio 1945, Francesco Giuseppe si proclamò fedele agli ideali della causa nazista e chiese di essere riammesso nelle SS ma senza successo.[11]

Dopo la guerra, Francesco Giuseppe visse con la famiglia a Villa Eugenia presso Hechingen. Morì il 3 aprile 1964 a Tubinga, nel Baden-Württemberg, venendo sepolto con la moglie nella Erlöserkirche di Sigmaringen.

Matrimonio e figli[modifica | modifica sorgente]

Il 25 maggio 1921, Francesco Giuseppe sposò la principessa Maria Alice di Sassonia, figlia del re Federico Augusto III e dell'arciduchessa Luisa d'Asburgo-Toscana. Ella era inoltre la sorella di Margherita di Sassonia, moglie di suo fratello gemello Federico Vittorio. La coppia ebbe i seguenti figli:

  • Carlo Antonio Federico Guglielmo Luigi Maria Giorgio Manuele Rupprecht Enrico Benedetto Tassilo (28 gennaio 1922, Monaco di Baviera - 3 novembre 1993, Hechingen), sposò a Roma il 15 agosto 1951 Alexandra Afif (16 novembre 1919 - 26 giugno 1996)
  • Mainardo Leopoldo Maria Federico Cristiano Ferdinando Alberto (17 gennaio 1925, Sigmaringen), sposò il 25 agosto 1971 civilmente e l'11 settembre 1971 con rito religioso a Francoforte la baronessa Edina von Kap-Herr (n. 23 agosto 1938)
  • Maria Margherita Anna Vittoria Luisa Giuseppina Matilde Teresa del Bambin Gesù (n. 2 gennaio 1928, Sigmaringen - 4 agosto 2006, Hechingen), sposò con rito civile a Hechingen il 18 dicembre 1965 e con rito religioso al Castello di Hohenzollern il 18 dicembre 1965 ul duca Carlo Gregiorio di Meclemburgo-Strelitz, figlio secondogenito del duca Giorgio di Meclemburgo-Strelitz[4][5]
  • Emanuele Giuseppe Maria Guglielmo Ferdinando Burcardo (23 febbraio 1929, Monaco di Baviera - 8 febbraio 1999, Hechingen), sposò al Castello di Hohenzollern il 25 maggio 1968 la principessa Caterina Feodora Adelaide Sabina Sofia Felicita Siglinde di Sassonia-Weimar-Eisenach, nipote del granduca Guglielmo Ernesto di Sassonia-Weimar-Eisenach, dalla quale divorziò nel 1985[4][5]

Albero genealogico[modifica | modifica sorgente]

Francesco Giuseppe, Principe di Hohenzollern-Emden Padre:
Guglielmo, Principe di Hohenzollern-Sigmaringen
Nonno paterno:
Leopoldo di Hohenzollern-Sigmaringen
Bisnonno paterno:
Carlo Antonio di Hohenzollern-Sigmaringen
Trisnonno paterno:
Carlo di Hohenzollern-Sigmaringen
Trisnonna paterna:
Maria Antonietta Murat
Bisnonna paterna:
Giuseppina di Baden
Trisnonno paterno:
Carlo II di Baden
Trisnonna paterna:
Stefania di Beauharnais
Nonna paterna:
Antonia di Braganza
Bisnonno paterno:
Ferdinando II del Portogallo
Trisnonno paterno:
Ferdinando di Sassonia-Coburgo-Kohary
Trisnonna paterna:
Maria Antonia di Koháry
Bisnonna paterna:
Maria II del Portogallo
Trisnonno paterno:
Pietro IV del Portogallo
Trisnonna paterna:
Maria Leopoldina d'Asburgo-Lorena
Madre:
Principessa Maria Teresa di Borbone-Due Sicilie
Nonno materno:
Principe Luigi, Conte di Trani
Bisnonno materno:
Ferdinando II delle Due Sicilie
Trisnonno materno:
Francesco I delle Due Sicilie
Trisnonna materna:
Infanta Maria Isabella di Spagna
Bisnonna materna:
Arciduchessa Maria Teresa d'Austria
Trisnonno materno:
Arciduca Carlo, Duca di Teschen
Trisnonna materna:
Enrichetta di Nassau-Weilburg
Nonna materna:
Duchessa Matilde Ludovica in Baviera
Bisnonno materno:
Massimiliano Giuseppe, Duca in Baviera
Trisnonno materno:
Duca Pio Augusto in Baviera
Trisnonna materna:
Principessa Amalia Luisa di Arenberg
Bisnonna materna:
Principessa Ludovica di Baviera
Trisnonno materno:
Massimiliano I di Baviera
Trisnonna materna:
Carolina di Baden

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Croce d'Onore di I classe dell'Ordine Principesco di Hohenzollern - nastrino per uniforme ordinaria Croce d'Onore di I classe dell'Ordine Principesco di Hohenzollern
Croce di Ferro di II Classe (Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di II Classe (Prussia)
Croce di Ferro di I Classe (Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ferro di I Classe (Prussia)
Medaglia di III classe per lungo servizio nelle SS (8 anni) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di III classe per lungo servizio nelle SS (8 anni)
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine costantiniano di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine costantiniano di San Giorgio
— [12]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ray Riling Arms Books review of EMDEN - THE LAST CRUISE OF THE CHIVALROUS RAIDER, 1914. Retrieved on 2008-10-26.
  2. ^ Revell 1/350 SMS Emden, previewed by Kyle Bodily Retrieved on 2008-10-26
  3. ^ Junk-Emden in Time Magazine, 6 maggio 1929. URL consultato il 25 ottobre 2008.
  4. ^ a b c Darryl Lundy, Franz Joseph Prinz von Hohenzollern-Sigmaringen, thePeerage.com, 10 maggio 2003. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  5. ^ a b c Paul Theroff, HOHENZOLLERN, Paul Theroff's Royal Genealogy Site. URL consultato il 28 dicembre 2008.
  6. ^ Stammbaum der Hohenzollern
  7. ^ Heinz Zollin Höhne e Richard Barry, The Order of the Death's Head: the Story of Hitler's SS, 2001, p. 129, ISBN 0-14-139012-3.
  8. ^ Jonathan Petropoulos, Royals and the Reich, Oxford, Oxford University Press, 2006, p. 383, ISBN 0-19-533927-4.
  9. ^ Michael Burleigh e Wolfgang Wipperman, The Racial State: Germany, 1933-1945, New York, Cambridge University Press, 29 novembre 1991, p. 274, ISBN 978-0-521-39114-6.
  10. ^ Walter Lohmann e Hans H. Hildebrand, Die deutsche Kriegsmarine 1939 - 1945, vol. 3, Bad Nauheim, Hessen, Germany, Podzun-Verlag, 1956.
  11. ^ a b Petropoulos, 425.
  12. ^ Membership of the Constantinian Order su www.costantinianorder.org; consultato il 13 ottobre 2013

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Casimir Bumiller: Adel im Wandel. 200 Jahre Mediatisierung in Oberschwaben. Ausstellungskatalog Sigmaringen 2006. Thorbecke, Ostfildern 2006, ISBN 3-7995-0216-5, S. 264 f.
  • Hubert Krins: Das Fürstenhaus Hohenzollern. Kunstverlag Josef Fink, Lindenberg 2005, ISBN 3-89870-219-7, S. 34–37.
  • Günter Schmitt: Sigmaringen. In: Günter Schmitt: Burgenführer Schwäbische Alb. Band 3: Donautal. Wandern und entdecken zwischen Sigmaringen und Tuttlingen. Biberacher Verlagsdruckerei, Biberach 1990, ISBN 3-924489-50-5, S. 41–62.
  • Francesco Giuseppe Maria Luigi Antonio Tassilo di Hohenzollern-Emden, Emden: Meine Erlebnisse auf S.M Schiff Emden, Lipsia, Eckstein, 1925, ISBN 0-904256-45-6.