Follia per sette clan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Follia per sette clan
Titolo originale Clans of the Alphane Moon
Autore Philip K. Dick
1ª ed. originale 1967
1ª ed. italiana 1970
Genere Romanzo
Sottogenere Fantascienza
Lingua originale inglese

Follia per sette clan (Clans of the Alphane Moon) è un romanzo di fantascienza scritto nel 1967 da Philip K. Dick. Deriva dal racconto breve Shell Game, pubblicato nel 1954 sulla rivista americana Galaxy.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il libro è composto da due filoni inizialmente autonomi che si intrecciano per concludere in un finale comune. Il primo filone è ambientato su un pianeta (o più correttamente su una luna) fittizio chiamato Alfa III L2. Tale pianeta era una ex-colonia terrestre, sui cui essi avevano posto in ricovero coatto degli individui affetti da svariati disturbi psicotici. Una volta lasciato il pianeta, i malati ne hanno preso possesso, dando vita a sette clan, uno per ogni disturbo. Essi si riuniscono in consiglio saltuariamente, ed è proprio da uno di questi consigli che si dirama il libro. Il secondo filone è formato dalla storia di Chuck Rittersdorf e sua moglie Mary, in procinto di separarsi. Chuck lavora per la CIA (Counter Intelligence Authority), acronimo con cui Dick sfrutta abilmente l'assonanza con la famosa agenzia americana, per la quale scrive discorsi di propaganda per il "mondo rosso". Sua moglie Mary invece è una consulente matrimoniale che si è offerta volontaria per partecipare ad un progetto che prevede di mandare una delegazione terrestre su Alfa III L2 a verificare la situazione sociale dei malati. Suo marito, in fuga dalla disfatta matrimoniale e dalla sua stessa vita (tenterà infatti il suicidio) si rifugia in un infimo motel dove incontra, tra gli altri un non-T (non terrestre): una muffa gelatinosa di Ganimede capace di leggere il pensiero, che si rivelerà fondamentale per il cammino del protagonista, che, accecato da una nuova rabbia nei confronti di sua moglie, si recherà anch'esso su Alfa III L2. A questo intrigo di personaggi si aggiunge anche Bunny Hentman, comico e showman terrestre, e amico degli alfani (nemici dei terrestri) le cui intenzioni reali resteranno mascherate fino alla fine.

I Sette Clan[modifica | modifica wikitesto]

Su Alfa III L2 sono quindi presenti sette clan, ognuno caratterizzato da un disturbo psicotico diverso; questi clan hanno formato una struttura sociale del tipo simile alle caste dell'antica India. A capo ci sono i Para, che sono quindi incaricati di sviluppare l'ideologia comune, anche se sono sempre in lotta con i Mani, detentori della forza fisica. Ogni clan ha anche un personaggio storico rappresentativo del disturbo (secondo Dick). A questi sette clan se ne aggiunge un ottavo, creato da Chuck Rittersdorf, obbligato alla permanenza su Alfa III L2 alla fine del libro.

Nome Clan Disturbo associato Rappresentate nel Consiglio Città Posizione nella casta Persona associata
Para Paranoia Gabriel Baines Adolfville Statisti Adolf Hitler
Mani Psicosi maniaco-depressiva Howard Straw Alture DaVinci Guerrieri Leonardo da Vinci
Skiz Schizofrenia Omar Diamond Giovanna D'Arco Poeti Giovanna D'Arco
Poli Schizofrenia simplex polimorfa
(forse Bouffee delirante)
Annette Golding Hamlet Hamlet Creativi Amleto
Os-Com Disturbo ossessivo-compulsivo Ingred Hibbler -- Impiegati --
Eb Ebefrenia Jacob Simion Ghandiville Intoccabili Gandhi
Dep Depressione Dino Watters Proprietà Cotton Mather -- Cotton Mather
Norm Nessuno Chuck Rittersdorf Jeffersonbourg -- Thomas Jefferson

i "- -" non sono stati citati nel testo

Alcuni malati di Alfa III L2 sono in grado di sfruttare i loro disturbi e le loro visioni per creare forme concrete visibili a tutti; in particolare tre malati: Ignatz Ledebur eb, Omar Diamond skiz e Sarah Apostoles eb, hanno formato un santo triumvirato, cercando di mediare le forze di conquista arrivate su Alfa III L2.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]