Vulcano 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vulcano 3
Titolo originale Vulcan's Hammer
Autore Philip K. Dick
1ª ed. originale 1960
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza
Lingua originale inglese

Vulcano 3 (Vulcan's Hammer) è un romanzo di fantascienza scritto nel 1960 da Philip K. Dick. Deriva da un racconto breve pubblicato nel 1956 sulla rivista americana Future Science Fiction.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In un mondo futuro in cui esiste un governo mondiale formato da un’entità che si definisce il Gruppo, le decisioni in materia di politica, economia e cultura vengono prese dal mega-computer Vulcano Tre, nascosto nelle profondità della Terra, che può essere consultato solo dal capo assoluto, Jason Dill. Esiste anche un Vulcano Due, il suo predecessore, un computer più lento e meno efficiente, che Dill ogni tanto consulta e che verrà fatto esplodere da mano ignota.

Nel frattempo il mondo è scosso dalla ribellione dei Guaritori, una specie di setta religioso-politica che predica la distruzione di Vulcano Tre e la partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica: il loro capo è Padre Fields. In mezzo a questo scontro, e indeciso da che parte stare, William Barris, uno dei direttori del Gruppo, che si indagando sulla strana morte di uno dei suoi uomini ne ha conosciuto la vedova, Rachel.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Edizioni di Vulcano 3 in Catalogo Vegetti della letteratura fantastica, Associazione culturale Delos Books.