Devil Jin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Devil Jin
Devil Jin nel filmato conclusivo di Hwoarang in Tekken 5
Devil Jin nel filmato conclusivo di Hwoarang in Tekken 5
Universo Tekken
Nome orig. 仁 風間 (Devil Jin)
Lingua orig. Giapponese
Alter ego Jin Kazama
Studio Namco
1ª app. Estate 1997
1ª app. in Tekken Tekken 3
app. it. novembre 1998
app. it. in Tekken Tekken 3
Voce orig. Isshin Chiba Tekken 5, Tekken 6, Tekken Tag Tournament 2
Specie Demone
Sesso Maschio
Etnia Giapponese
Luogo di nascita GiapponeYakushima, Giappone
Data di nascita 14 marzo
Abilità
  • Poteri demoniaci
  • Volo (tramite le ali)
  • Raggio ottico (tramite il terzo occhio)
  • Forza e resistenza sovrumane
  • Esperto lottatore di karate in stile Mishima
  • Telecinesi
Parenti
(ja恐怖を教えてやろう!)
« Kyoufu wo oshiete yarou! »
(IT)
« Temi l'ira di Dio! »
(Devil Jin)

Devil Jin (仁 風間, Devil Jin) è un personaggio immaginario della celebre serie di videogiochi picchiaduro Tekken, prodotta dalla Namco, e comparso in Tekken 3, Tekken 4, Tekken 5, Tekken Dark Resurrection, Tekken 6 e Tekken Tag Tournament 2. Nonostante la sua prima apparizione risalga a Tekken 3, egli diventa un personaggio utilizzabile soltanto a partire da Tekken 5. Egli appare insieme a True Ogre ed alla controparte Jin Kazama anche nel minigioco "Tekken: Devil Within", un picchiaduro a scorrimento tridimensionale facente parte delle diverse modalità di Tekken 5.

Scheda del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

  • Nazione d'origine: Giappone
  • Stile di lotta: Karate in stile "Mishima" potenziato dai poteri demoniaci
  • Statura: 188 cm
  • Peso: 86 kg
  • Gruppo sanguigno: AB
  • Età: 22
  • Data di nascita: 14 marzo 1986
  • Razza: Demone
  • Colore: nero
  • Occhi: Bianchi
  • Terzo occhio sulla fronte: Rosso
  • Capelli: Neri
  • Alter ego: Jin Kazama

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Devil Jin è la forma demoniaca di Jin Kazama. Il suo aspetto fisico è molto simile a quello della forma umana di Jin, tuttavia si differenzia notevolmente per i suoi tratti demoniaci. Al contrario di Devil Kazuya in Tekken 2, la sua non è una trasformazione completa: infatti egli non ha la coda ed il suo corpo non è ricoperto di peli. Tale creatura ha la pelle grigia, grandi ali nere e piumate, corna da diavolo e tatuaggi tribali sul petto e sulla fronte simili al marchio di Jin sul braccio sinistro. Inoltre possiede un terzo occhio sulla fronte, come , da cui spara un potente laser avvolto da elettricità rossa. Inoltre è da notare che i tatuaggi tribali che compaiono sul suo fisico sono simmetrici. Nel suo filmato finale di Tekken 5, dopo aver assorbito il demone di Jinpachi Mishima, Devil Jin si trasforma ulteriormente, diventando più simile a Devil Kazuya: i tatuaggi tribali sul petto e sulla fronte scompaiono e la pelle del corpo diventa di color viola/grigio scuro, la schiena e la parte esterna delle braccia si ricoprono di peluria nera, i paravambracci vengono distrutti dal potenziamento muscolare; il resto del suo aspetto rimane invariato. Per quanto riguarda il suo costume, i suoi indumenti sono molto simili a quelli di Jin Kazama, ma in realtà vi sono molte differenze. Per cominciare, i pantaloni sono ugualmente di colore nero, ma sono fatti di pelle invece che di semplice stoffa. La decorazione a forma di fiamma è presente solo nella gamba destra ed è sempre rossa, al contrario di quella di Jin che a seconda del capitolo della saga varia continuamente colore, forma e posizione. Egli indossa, invece dei classici parastinchi di Jin, un paio di scarpe, la destra rossa e la sinistra nera, in concordanza con il colore dei pantaloni; inoltre la scarpa destra possiede ai lati della suola delle specie di borchie o chiodi. Al contrario del suo alter-ego umano, è avvolto da catene al braccio destro, allo stinco sinistro ed alla cintura. Infine i suoi avambracci sono ricoperti di protezioni corazzate di metallo con delle borchie sul dorso delle mani, da ciascuna delle quali fuoriesce una sorta di corno che punta verso la direzione del gomito, mentre Jin indossa agli avambracci delle protezioni notevolmente meno robuste. In Tekken 5 e Tekken 6, se pur con qualche sottile differenza, il costume di Devil Jin possiede sostanzialmente sempre queste caratteristiche, mentre in Tekken Dark Resurrection il colore nero dei pantaloni è sostituito da un verde mare scuro. Questo costume è utilizzato da Devil Jin soltanto a partire da Tekken 5: nelle precedenti apparizioni, infatti, compare sempre con gli stessi indumenti di Jin Kazama.
Nel minigioco "Tekken: Devil Within", un picchiaduro a scorrimento 3D incluso tra le varie modalità di Tekken 5, Jin Kazama possiede gli stessi abiti della sua controparte malvagia, in modo tale che quando si trasforma in Devil Jin, quest'ultimo possieda lo stesso aspetto che mostra nelle altre modalità del videogioco.

Nel Film Tekken: Blood Vengeance come Kazuya, Jin muta completamente raggiungendo lo stadio finale: in questa forma l'intero corpo è di colore viola/verde, mentre le ali diventano color oro; i capelli mutano in una sorta di elmo ed il terzo occhio si fa più grande. La coda è assente, mostrando sembianze più angeliche che demoniache.

Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Devil Jin è un essere crudele e spietato, capace di qualsiasi cosa pur di ottenere il potere assoluto. Infatti la ricerca di questo potere è l'unica ragione di vita di questo personaggio, che lo spinge a scontrarsi contro gli avversari più potenti e pericolosi (Jinpachi Mishima, Azazel) pur di spianarsi la strada e non avere alcuna concorrenza nella corsa al dominio del mondo. La sua mente è totalmente offuscata dall'indole demoniaca di Devil Kazuya. Nonostante anche il suo alter-ego Jin Kazama possieda un carattere abbastanza cinico e poco umano, come testimoniato dalla storia di Tekken 6, non può essere minimamente paragonato all'animo turpe della sua forma demoniaca. Inoltre Jin ha acquisito una personalità più malvagia in Tekken 6 rispetto ai capitoli precedenti proprio a causa della presenza di Devil nel suo corpo. La crudeltà di Devil Jin è testimoniata pure da un episodio riguardante Tekken 5.Infatti in questo capitolo della serie, se si svolge la "modalità storia" con Devil Jin, prima del penultimo scontro vi è un dialogo con Asuka Kazama: all'inizio il demone ostenta di ignorarla, ma poi, accecato d'ira a causa dell'impertinenza della ragazza, dà vita ad una violenta battaglia contro Asuka, in seguito della quale la sconfigge e la stende senza alcuna pietà. A Devil Jin non importa chi si trovi dinnanzi a lui, neanche se sia una donna o un bambino o un qualsiasi altro essere incapace di tenergli testa, gli interessa soltanto che nessuno interferisca coi suoi piani di conquista del potere supremo. Un aspetto che caratterizza la personalità di Devil Jin è la convinzione di avere il controllo assoluto sul suo demone interiore. Riguardo a ciò egli non si identifica come un altro essere che ha preso il possesso dell'anima di Jin, ma come il ragazzo stesso che ha ottenuto una potenza superiore (questo non vuol dire che non vi sia un reale sdoppiamento di personalità, poiché le differenze caratteriali tra Jin ed il suo alter-ego malefico sono molto evidenti). Questa convinzione di avere il totale controllo sul suo demone è testimoniata da un altro filmato di Tekken 5 riguardo alla storia di Devil Jin, posteriore a quello precedentemente citato: trovandosi di fronte a Jinpachi Mishima, prima dello scontro finale, quest'ultimo dice a Devil Jin che non ha alcuna possibilità di sconfiggerlo perché ormai ha ceduto al demone, mentre egli risponde di averne invece il totale controllo. Da ciò si evincono diversi paragoni con altri personaggi che si trovano in una situazione simile. In primo luogo bisogna paragonare Devil Jin allo stesso Jinpachi, il quale è consapevole di essere totalmente sottomesso al suo demone, mentre l'altro riguardo a sé stesso è persuaso del contrario. In secondo luogo dev'essere paragonato con l'alter-ego Jin Kazama, il quale non fa altro, almeno fino al Tekken 5, di cercare un modo per liberarsi del suo demone, mentre Devil Jin va quasi fiero di possederlo. In terzo luogo con Kazuya Mishima, padre di Jin, con cui condivide lo stesso atteggiamento di fierezza e di superiorità per il fatto di possedere un tale potere. Tuttavia Kazuya, come testimoniato dal suo prologo in Tekken 5, può trasformarsi in Devil Kazuya quando vuole, poiché non esiste alcuna scissione di personalità fra le due parti, mentre tra Jin e Devil Jin, come detto prima, vi sono due modi di reagire a tale situazione totalmente differenti, perciò il primo lotta con tutte le sue forze per trattenere il secondo, non permettendogli di prendere facilmente il sopravvento su di sé. Nella sua forma finale, Jin ha il completo controllo sulla sua personalità.

Stile di combattimento[modifica | modifica wikitesto]

La tecnica combattiva di Devil Jin è il Karate in stile "Mishima", come Heihachi, Jinpachi, Kazuya e Devil Kazuya. Lo stile di combattimento risulta comunque molto differente dagli altri "Mishima", dato che è influenzato dai poteri demoniaci (questo è un punto in comune con Jinpachi, anche se i due si differenziano molto nel modo di combattere perché hanno poteri differenti), ma l'appartenenza ad una stessa origine di stili è molto evidente. La vera particolarità di Devil Jin è che il suo alter-ego Jin Kazama, al contrario suo, non utilizza le stesse mosse del padre Kazuya, ma combatte secondo il Karate tradizionale. Tuttavia quando il ragazzo si trasforma in demone, riacquisisce lo stesso stile della sua famiglia di origine. C'è da dire che Jin in Tekken 3, cioè nel primo capitolo della serie in cui è apparso, utilizzava lo stile "Mishima", sia perché era stato allenato dal nonno Heihachi, sia perché era stato pensato dagli sviluppatori della Namco come sostituto ideale del grande assente del gioco Kazuya. In seguito il giovane, spinto dall'odio verso le sue origini, avrebbe rinnegato la sua famiglia ed il corrispettivo stile di combattimento, optando per il Karate tradizionale. Allora c'è da chiedersi perché Devil Jin utilizzi ancora lo stile "Mishima". Una delle risposte plausibili potrebbe essere che, derivando tutti i poteri demoniaci dal "Gene del Diavolo" che Jin ha ereditato da suo padre, Devil Jin possieda lo stesso stile di combattimento per via ereditaria, e quindi ogni volta che prende il sopravvento sull'anima di Jin Kazama lo usi spontaneamente. Ciò è appoggiato dal fatto che Devil Jin e Devil Kazuya si somigliano tanto nei poteri demoniaci quanto nello stile di combattimento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fatti antecedenti al Tekken 3[modifica | modifica wikitesto]

Jin è il figlio di Kazuya Mishima e Jun Kazama, i quali durante il Tekken 2 ebbero una relazione. Dopo la fine del 2º Torneo del Pugno di Ferro, Kazuya era stato sconfitto dal padre Heihachi Mishima, il quale lo aveva gettato in un vulcano per vendicarsi della sconfitta subita dal figlio durante il primo Tekken. Devil, uscito fuori dal corpo di Kazuya, attaccò Jun, che in quel periodo era incinta di Jin, per impossessarsi del corpo del figlio. Jun, con il provvidenziale aiuto di Angel, lo sconfisse e lo fece fuggire, ma Jin, in quanto figlio di Kazuya, ha ereditato ugualmente dal padre il "Gene del Diavolo", che gli dà la facoltà di trasformarsi in demone.

Tekken 3[modifica | modifica wikitesto]

La prima volta che il demone rinchiuso nel corpo di Jin si manifesta è alla fine di Tekken 3. Jin uccise Ogre e vinse il torneo, ma a sua insaputa la Tekken Force lo attaccò e lo stese a colpi di mitragliatrice. Heihachi Mishima, suo nonno, gli diede il colpo di grazia con un colpo di pistola, ma mentre stava facendo ritorno, vide i suoi soldati, i quali stavano controllando il presunto corpo senza vita di Jin, scagliati uno dopo l’altro contro la parete del tempio. A quel punto si trovò davanti Devil Jin, le cui ferite si erano completamente rimarginate, che lo scaraventò contro un muro, sfondandolo, ma, mentre Heihachi stava cadendo dal tempio, il demone spiegò le sue ali nere e lo afferrò in volo, salvandogli la vita. In seguito Devil Jin se ne andò volando, sotto lo sguardo incredulo del nonno. La prima trasformazione di Jin fu meno completa di quella attuale, infatti non possedeva ancora le corna ed il terzo occhio.

Tekken 4[modifica | modifica wikitesto]

La successiva trasformazione avvenne alla fine di Tekken 4. Jin venne rapito dal nonno Heihachi prima della fine del torneo, consegnando dunque la vittoria per abbandono al padre Kazuya Mishima, sopravvissuto dopo la caduta nel vulcano grazie all’intervento dell'azienda biotecnologica G Corporation. Jin dormiva incatenato a un muro dell'Honmaru, sino a che non lo svegliò la voce di Kazuya. Costui infatti voleva uccidere il figlio ed assorbirne l’energia demoniaca per riportare i suoi poteri di Devil a quelli di un tempo, poiché essi si erano molto ridotti dopo l’intervento della "G-Corporation" per mantenerlo in vita. A causa del sangue "Kazama" dentro Jin, Kazuya non riuscì ad assorbirne il demone, anzi il ragazzo si liberò dalle catene e si batté col padre, sconfiggendolo. In seguito anche Heihachi si fece avanti con l'intenzione di eliminare Jin per impadronirsi del suo potere, ma venne anch'egli sconfitto. Dopo essersi trasformato in demone, deciso a dare al nonno il colpo di grazia, venne fermato da una sorta di apparizione della madre Jun, che lo riportò alla lucidità. Devil Jin dunque volò via distruggendo il soffitto, lasciando Kazuya ed Heihachi in balia dei Jack-4. Mentre volava via, una piuma bianca cadde dal corpo di Devil Jin, segno che la parte buona del ragazzo era ormai svanita. Anche in Tekken 4 la trasformazione fu solo parziale rispetto a quella attuale, dato che riuscì a mantenere in parte il controllo: infatti possedeva solo le ali nere ed i tatuaggi tribali sul petto.

Tekken 5[modifica | modifica wikitesto]

È il capitolo in cui vi è una divisione tra la storia di Jin e la sua parte demoniaca, infatti i finali dei due sono differenti. In realtà l’epilogo che si realizza veramente, come testimoniato dalla storia di Tekken 6, è quello della forma umana di Jin, dato che diventa capo della Mishima Zaibatsu. In Tekken 5 Devil Jin ha raggiunto rispetto ai capitoli precedenti una forma della trasformazione più radicale, esposta precedentemente nella descrizione del suo aspetto, segno che la sua anima ormai è stata consumata dall’odio e dalla vendetta. Egli si iscrive al Tekken 5 col solo intento di assorbire i poteri di Jinpachi Mishima e distruggere chiunque gli si pari dinnanzi. Nel suo filmato finale possiamo vedere che, dopo aver sconfitto Jinpachi ed averne assimilato il demone, completa la sua trasformazione, ottenendo un aspetto molto simile al Devil di Tekken 2 ed un'immensa potenza distruttiva, testimoniata dal fatto che con un solo battito d’ali spazza via tutto ciò che si trova intorno a lui.

Tekken 6[modifica | modifica wikitesto]

Devil Jin è presente anche tra la schiera di personaggi giocabili nel sesto capitolo della serie di Tekken. Egli è diventato ancora più forte di prima e possiede un potere che eguaglia quello di un demone puro. Il motivo per cui partecipa al torneo è quello di scovare Azazel, il boss del videogame, per annientarlo e non avere più alcun rivale nella conquista del potere supremo.[1][2]

Ruoli di Devil Jin nelle modalità del videogioco[modifica | modifica wikitesto]

Prologhi ed epiloghi di Devil Jin[modifica | modifica wikitesto]

Tekken 5[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver preso il sopravvento sulla parte umana del figlio di Kazuya, Devil Jin partecipa al torneo con lo scopo di uccidere chiunque gli si pari davanti e impadronirsi del potere di Jinpachi. È stato proprio il risveglio di Jinpachi e del suo immenso potere ad attivare il demone sviluppatosi nel corpo di Jin.

[modifica | modifica wikitesto]

Devil Jin vince il torneo, uccide Jinpachi ed assorbe il suo potere trasformandosi ulteriormente e diventando immensamente forte, tanto da devastare quasi interamente la valle in cui si trova solamente distendendo le sue ali.

Finale reale[modifica | modifica wikitesto]

In realtà è il suo alter-ego Jin Kazama a vincere il torneo, il quale in seguito diventa il nuovo leader della Mishima Zaibatsu.

Tekken 6[modifica | modifica wikitesto]

Prologo[modifica | modifica wikitesto]

Il demone presente nel corpo di Jin lo ha reso molto più potente di un normale umano, donandogli un potere prossimo a quello di un demone puro. Devil Jin partecipa al torneo per incontrare ed annientare Azazel.

Epilogo[modifica | modifica wikitesto]

Devil Jin sconfigge Azazel e ne estrae quello che sembra essere il suo cuore, una sorta di sfera nera circondata da un'aura viola. Devil Jin raccoglie la sfera, ma non appena la tocca, essa si attiva ed il demone che da anni risiede nel corpo di Jin viene risucchiato dentro di essa, liberando finalmente il ragazzo dalla sua parte malvagia e riportandolo definitivamente alla sua forma umana. In seguito Zafina soccorre Jin e le rovine nelle quali riposava Azazel crollano nuovamente.

Altri epiloghi in cui è presente Devil Jin[modifica | modifica wikitesto]

Come visto precedentemente, Devil Jin compare, oltre che nei suoi propri epiloghi di Tekken 5 e Tekken 6, anche nel filmato finale di Asuka Kazama. Tuttavia vi sono altri due filmati in cui è presente, gli epiloghi di Hwoarang e Sergei Dragunov in Tekken 5/Tekken Dark Resurrection.

Epilogo di Hwoarang in Tekken 5/Tekken Dark Resurrection[modifica | modifica wikitesto]

Devil Jin appare anche nell’epilogo di Hwoarang in Tekken 5. In questo video, il giovane coreano sta cavalcando la sua moto in strada. Ad un certo punto compare inaspettatamente Devil Jin che, provocando con i suoi poteri demoniaci uno spostamento d’aria, colpisce a distanza la moto di Hwoarang e la fa esplodere, scaraventando così il ragazzo per terra. In seguito questo si rimette in piedi e tra i due sembra stia per cominciare un ultimo fatidico scontro. Questo avvenimento in realtà non è mai accaduto nella storia della serie, dato che è Jin Kazama a vincere il Tekken 5. E’ soltanto la rappresentazione di un probabile futuro nel caso in cui Hwoarang avesse vinto il “5º Torneo del Pugno di Ferro”.

Epilogo di Sergei Dragunov in Tekken Dark Resurrection[modifica | modifica wikitesto]

Un altro epilogo in cui Devil Jin è presente è quello di Sergei Dragunov in Tekken Dark Resurrection. Il militare russo lo ha catturato durante il torneo, e lo ha fatto imprigionare dentro una capsula piena d'acqua di un laboratorio, dove alcuni scienziati russi lo stanno studiando. Ad un certo punto Dragunov dà un segnale ed uno scienziato spinge un interruttore, a causa di cui parte una violenta scarica elettrica dalla capsula di Devil Jin, mentre il ragazzo/demone comincia ad urlare di dolore e paura. La scarica elettrica finisce in un'altra capsula nel lato opposto del laboratorio, da cui prende vita una misteriosa creatura, di cui vengono mostrati soltanto gli occhi vermigli. Di questa creatura non si conosce l'identità, ma alcuni fan hanno ipotizzato che si tratti del demone dentro Devil Jin, estratto dal suo corpo tramite l'esperimento. Questo finale non è considerabile canonico, perché nella storia vera della serie Dragunov non ha mai catturato fino ad ora Devil Jin.

Come sbloccare Devil Jin[modifica | modifica wikitesto]

Tekken 5[modifica | modifica wikitesto]

Per sbloccare Devil Jin si può procedere in tre diversi modi:

  • Vincere 200 incontri nella modalità "Arcade";
  • Completare la modalità "Tekken: Devil Within";
  • Finire la modalità "Storia" almeno sei volte dopo aver sbloccato Heihachi Mishima.

Tekken 6[modifica | modifica wikitesto]

Per sbloccare Devil Jin nella modalità "Campagna" bisogna sconfiggerlo nel livello "Treno Incubo".

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Devil Jin è l’unico personaggio di Tekken, insieme a Jinpachi, a possedere una sola animazione introduttiva prima del combattimento, mentre ogni altro personaggio possiede due o più animazioni introduttive. L’unica animazione d’entrata di Devil Jin prevede che dica la frase "Kyoufu wo oshiete yarou!", che in italiano significa "Ti insegnerò ad avere paura!”, anche se sottotitolata come "Trema di fronte all'ira di Dio!". Questo vale anche per la versione inglese del gioco; è stato però corretto in Street Fighter X Tekken.
  • Jin Kazama non riesce a controllare la sua trasformazione demoniaca, mentre suo padre Kazuya Mishima ne è capace. Il livello di autocontrollo durante la trasformazione è molto maggiore in Kazuya che in Jin.
  • Devil Jin è l’unico personaggio in Tekken 5, insieme a Jinpachi, ad avere un suo proprio stage. In Tekken 5 è una cattedrale. In Tekken Dark Resurrection è il “Winter Palace”, ma a quanto pare anche i due nuovi personaggi introdotti in questo capitolo, Emily Rochefort e Sergei Dragunov, hanno degli stage personali.
  • Nella modalità “Storia”, nel penultimo combattimento contro Devil Jin l’ambientazione è una cattedrale. Tuttavia, utilizzando Asuka Kazama in questa stessa modalità, l’ambientazione in cui si svolge tale combattimento diventa la stessa di quella di Jinpachi Mishima.
  • In Tekken 5, il ruolo di Devil Jin nella vittoria di Jin Kazama contro Jinpachi non è ancora ben noto; comunque, il comportamento in Tekken 6 del ragazzo (egli usa la "Mishima Zaibatsu" per impadronirsi del mondo) fa ipotizzare che la sua mente sia sotto il controllo del suo alter-ego demoniaco.
  • Le motivazioni che hanno spinto Devil Jin ad iscriversi al torneo sono le stesse sia in Tekken 5 che in Tekken 6: assorbire i poteri demoniaci del boss finale e divenire infinitamente potente, in Tekken 5 uccidendo Jinpachi Mishima, mentre in Tekken 6 Azazel.
  • Nel crossover Street Fighter X Tekken di Capcom, Devil Jin non è un personaggio selezionabile, tuttavia viene brevemente visto nel filmato di apertura della coppia Jin/Xiaoyu (e la loro storia parla spesso del potere del Gene del Diavolo, che è temporaneamente sotto controllo, ma rende il giovane piuttosto irritabile e sensibile ai poteri del manufatto Pandora e presumibilmente anche al Satsui No Hado). Sempre in questo gioco, mentre esegue la sua Super Art "Devil Beam", Jin, dopo aver colpito diverse volte il nemico, salta in aria e si sostiene con delle ali dal potere oscuro, spalanca i suoi occhi diventati dorati in una espressione truce e rilascia dalla fronte il suo raggio demoniaco. A testimonianza della sua doppia natura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tekken-Series.com
  2. ^ Devil Jin Tekken 6 Character Profile - Tekken Zaibatsu

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi