Kyokushinkai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il kyokushinkai o kyokushin karate ("via della verità" o "verità assoluta" - kyokushinkai significa letteralmente "associazione per l'estrema verità") è uno stile di karate fondato dal maestro Masutatsu Ōyama (Grande Montagna) (1923-1994) e ufficialmente iniziato nel 1961 in occasione dell'apertura di un dojo a Los Angeles, sebbene Oyama fosse noto anche fuori dei confini del Giappone, e in particolare negli Stati Uniti già dagli anni cinquanta.

Ispirato al Confucianesimo e alla filosofia Zen, lo stile di karate è la sintesi delle esperienze del maestro Mas Oyama che sin da giovanissimo si è dedicato alle arti marziali praticando il judo e la boxe. Determinante per la sua formazione la frequentazione del dojo di Gichin Funakoshi (futuro fondatore del Karate Shotokan), presso l'università Takushoku, dove inizia a studiare con dedizione il Karate Okinawa. Tra le esperienze del fondatore del kyokushinkai l'ingresso nella Butokukai, l'accademia formativa dell'Arma Imperiale Giapponese, specializzata in guerriglia, spionaggio e combattimento a mani nude, dove Oyama passa 2 anni.

Lo stile è improntato ad una severa disciplina dei praticati e ad un allenamento particolarmente rigoroso. In gara si prevede il contatto pieno e nessuna protezione (sono vietati i pugni al volto).[1] I gradi di perfezionamento sono distinti con i vari colori delle cinture che gli allievi indossando su una divisa rigorosamente bianca e sono nell'ordine: bianca, gialla, arancione,verde, blu, marrone e nera.

L'associazione "karate kyokushinkai" conta oggi migliaia di allievi con scuole sparse in tutto il mondo[senza fonte] e sede principale a Tokyo. Al vertice dell'organizzazione il maestro Kancho Shokei Matsui ha sostituito Oyama dopo la sua morte nel 1994. L'organizzazione risulta comunque divisa perché altri illustri allievi ritengono di essere i veri eredi dello stile di Oyama. In Italia l'organizzazione di riferimento è la AIKK presieduta da Shihan Wakiuchi (uno dei più eclettici allievi di Mas Oyama) con sede principale a Messina

Storia[modifica | modifica sorgente]

Origini[modifica | modifica sorgente]

Il fondatore del Kyokushin, Masutatsu Oyama, nacque a Gimje il 27 luglio 1923 nella regione di Il-Loong, Corea, durante il lungo periodo di occupazione giapponese. Sin da giovane si era appassionato al combattimento sia in prima persona che come spettatore.. Nel 1938, emigrò in Giappone dove studiò il Karate di Okinawa sotto la guida di Gichin Funakoshi, conquistando il 2° dan. Successivamente, Oyama, si allenò inoltre sotto Yoshida Kotaro, un famoso maestro di Daito-ryu Aiki-jujutsu/Yanagi-ryu Aiki-jujutsu, da quale ha ricevuto un'antica forma di grado: menkyo kaiden - un rotolo di carta che significa dominio - da Kotaro. Questo rotolo di carta si trova ancora in mostra presso l'Honbu Dojo di Tokyo.

Lo scopo era quello di sviluppare una forma di Karate che sapesse contrapporsi al Kung Fu e al Taekwondo, al fine di ridare dignità allo spirito nipponico già pesantemente provato dal dopoguerra. Ispirato al Confucianesimo e alla filosofia Zen, il Kyokushin nella mente di Oyama Sosai (fondatore) era dunque un laboratorio dove dovevano confluire le tecniche più efficaci prodotte dalle varie Arti Marziali e Sport da Combattimento da lui studiate: dal Karate al Pugilato, dal Kung Fu al Taekwondo, dal Judo all'Aikido.

Il Kyokushin era in sostanza la sintesi delle esperienze di Oyama che sin da giovanissimo si era dedicato alle arti marziali praticando il judo e la boxe. Tra le esperienze del fondatore del Kyokushin si annovera anche l'ingresso nella Butokukai, l'accademia formativa dell'Arma Imperiale Giapponese, specializzata in guerriglia, spionaggio e combattimento a mani nude, dove Oyama passa 2 anni.

Negli anni degli esordi la durezza degli allenamenti promossa sotto Oyama era proverbiale. Non era infrequente assistere quotidianamente a incidenti come naso e denti, svenimenti ecc. Ciò se da un lato alimentava il mito del "karate più forte al mondo" d'altro ne impediva una reale diffusione di massa. Serviva una soluzione che Oyama trovò nel bandire i pugni al viso nel regolamento di gara.

Così facendo si evitarono gli incidenti ma con un effetto collaterale. Quella che infatti doveva essere nelle intenzioni di Oyama un intelligente strumento di diffusione tra gli amatori si trasformò negli anni a venire in un enorme limite soprattutto nelle occasioni di confronto con altre Arte Marziali e Sport da Combattimento che iniziarono a spopolare negli anni Novanta.

Con l'intenzione di ripristinare l'onore perduto del Kyokushin il M° Hatsuo Royama, uno dei più illuminati allievi di Mas Oyama, fonda così la Kyokushin-kai International, unica Organizzazione di Kyokushin giapponese a promuovere la pratica di combattimento con pugni al viso, lotta in piedi e a terra. Bandendo l'eccessiva commercializzazione, il M° Royama intende ripristinare lo spirito antico del Kyokushin Tradizionale preservando l'incolumità fisica del praticante, coltivandone al tempo stesso la formazione spirituale.

Tuttavia,è importante sapere che concettualmente il kyokushin karate, così come ideato e creato originariamente dallo stesso Oyama,prevede l'uso di proiezioni a terra dell'avversario(judo),leve articolari(aikido e jujitsu), pugni al viso nel kihon geiko (boxe)e altro ancora.Anche se apparentemente poco contemplate nel tradizionale allenamento quotidiano nei vari dojo, tali tecniche sono tanto frequentemente quanto inconsapevolmente allenate da ogni praticante in una forma esoterica, letteralmente cioè, "nascosta" alla vista più superficiale dell'osservatore esterno, così come del praticante inesperto o del principiante. È quindi errato ritenere che a tutt'oggi il kyokushin karate sia uno stile ormai "datato" o incompleto sebbene tale conoscenza superiore è, purtroppo o per fortuna, appannaggio di una minoranza di praticanti molto esperti.

Tecniche ed Addestramento[modifica | modifica sorgente]

L'addestramento del Kyokushin consiste di tre elementi principali: (1) le tecniche di base, (2) le forme, e (3) il combattimento. Questi sono assegnati come le tre "K" : il Kihon (tecnica), il Kata (forme), e il Kumite (combattimento).

Base o allenamento base o Tecniche di base (kihon geiko)[modifica | modifica sorgente]

Il sistema di Kyokushin è basato sul karate tradizionale come lo Shotokan e il Gōjū-ryū, ma incorpora molti elementi degli sport da combattimento e da altre arti marziali come Pugilato e Taekwondo nel Kumite. In questa forma di karate l'istruttore e tutti i suoi studenti devono prendere parte a un duro combattimento preparandosi per un pieno contatto. Diversamente dalle altre forme di karate, il Kyokushin pone ampia enfasi sul combattimento a contatto pieno che viene svolto a mani nude e senza protezioni(ad eccezione dei genitali/inguine)In fase di allenamento e/o preparazione a gare e tornei è previsto,in taluni casi o specifiche situazioni,l'uso di guanti ed attrezzatura protettiva. Questa apparente violenza si tempra in quanto non sono permessi pugni al viso degli avversari, puntando comunque a ridurre la possibilità di un danno serio, ginocchia e calci alla testa e al volto, sono permessi.

Il Kyokushin, come alcuni stili di Karate arti marziali tradizionali, è uno stile ispirato al concetto Taoista di circolo: comincia in un punto e termina in un cerchio; ed è proprio questo il significato del simbolo stesso della Kyokushinkai, il Kanku (観空), .Questo è in opposizione al karate Shotokan che è ritenuto uno stile lineare e più vicino al Gōjū-ryū, un altro stile quasi sempre circolare. Sebbene Oyama apprese il Karate studiando lo stile Shotokan è quando dopo pochi anni passa al Gōjū-ryū che ottiene l'idea di fondare una sua scuola (quindi un nuovo stile), e questa sua esperienza è riflessa nel Kyokushin dove il primo addestramento assomiglia allo Shotokan ma gradualmente diviene più vicino alle tecniche circolari e alle strategie del Gōjū-ryū.

Combattimento (Kumite)[modifica | modifica sorgente]

Il combattimento, chiamato Kumite, è usato per addestrare le varie tecniche all'interno di una situazione di lotta. Il combattimento è un'importante parte dell'addestramento nelle tante organizzazioni di Kyokushin, specialmente ai livelli superiori e solitamente con gli studenti esperti.

Oltre a questi tre fattori principali,è bene sottolineare che,il kyokushin è basato su altri elementi distintivi,rispetto agli stili più tradizionali,come il marcato e rigoroso addestramento fisico e l'allenamento al sacco o ai colpitori. Elementi imprescindibili per il praticante di tale stile, al pari del Kihon e del Kumite. Nelle maggiori organizzazioni di Kyokushin, colpire con la mano e con il gomito alla testa ed al collo è proibito. Nonostante questo, i calci alla testa, i colpi di ginocchio, i pugni ed i calci così come i colpi di gomito e i colpi a mano aperta al tronco superiore e calci all'interno ed all'esterno della gamba sono consentiti. In alcune organizzazioni di Kyokushin, guanti e paratibie sono portati specialmente fuori di un ambiente di torneo. I bambini portano il caschetto per ridurre spesso l'impatto dei calci sulla testa. La velocità e il controllo sono strumentali nel combattimento ed in un ambiente di addestramento non vi è l'intenzione di entrambi i professionisti di ferire il proprio avversario tanto quanto lui di eseguire con successo il colpo corretto. In un combattimento da gara con KO le regole sono significativamente diverse dove l'obiettivo è di abbattere l'avversario. Nel Kyokushin l'ultima ed estrema prova di forza,resistenza e spirito è il combattimento contro 100 uomini(Hyakunin Kumite)che viene svolto,ai nostri giorni, solitamente in un solo giorno. La tradizione vuole che questa estrema prova di spirito nacque dopo che Sosai Oyama affrontò 300 uomini, gran parte (se non tutti) suoi allievi, per tre giorni consecutivi fin quando nessuno di loro fu più in grado di sostenere il combattimento. Reputando eccessivamente dura e difficilmente ripetibile la prova in tali termini, Sosai Oyama ritenne dunque che essa dovesse rappresentare il test definitivo per coloro che raggiungono nel Kyokushin i livelli massimi.

Tipologie di combattimento[modifica | modifica sorgente]

Jissen Kumite (Combattimento Sportivo)[modifica | modifica sorgente]

È la tipologia di combattimento tipica del Kyokushin attualmente praticata nelle maggior parte delle competizioni sportive. Si tratta di regolamento a contatto pieno dove è possibile colpire l'avversario con tecniche di pugno nudo al corpo (dunque non al viso), di calcio (su tutto il corpo) e di ginocchio (senza clinch).

Sogu Kumite (Combattimento Tradizionale)[modifica | modifica sorgente]

Il progetto Sogu Kumite vuole ricreare quello che nel tempo è andato perduto ovvero la prova di spirito, coraggio e forza che aveva dato al Kyokushin la fama di uno degli stili di Karate più forti e letali esistenti

L'atleta di Kyokushin-kan è un Budoka completo in grado di confrontarsi con i praticanti di qualsiasi Arte Marziale.

Il combattimento prevede tecniche di pugno (anche al viso), calci (su tutto il bersaglio, dalle gambe al viso), proiezioni, leve e strangolamenti.

Nel regolamento agonistico per dilettanti si utilizzano guantini, paratibie, conchiglia, paradenti e caschetto protettivo (con o senza grata). I professionisti combattono invece con guantini, conchiglia e paradenti.

Autodifesa[modifica | modifica sorgente]

Anche conosciuto come Goshin-jutsu, le specifiche tecniche di autodifesa unite alla strategia derivano dagli studi di Mas Oyama Daitō-ryū Aiki-jūjutsu sotto Kōtarō Yoshida. Queste tecniche non furono mai costituite nel sistema di classificazione formale, e il Kyokushin crebbe orientato come sport mentre l'addestramento all'autodifesa cominciò a cadere nell'oblio. Oggi viene praticata solamente in un numero limitato di Dojo.

Kyokunshinkai oggi[modifica | modifica sorgente]

Esisteva una sola organizzazione sotto il controllo della fondatore, Mas Oyama, ma dopo la sua morte questa si ruppe e si formarono vari gruppi ognuno dei quali si proclamava rappresentante dell'Honbu originale. Le varie altre organizzazioni sono scaturite dal Kyokushin e hanno insegnato tecniche simili ma usando nomi diversi. Anche, numerosi dojo sparsi per il mondo affermano di insegnare un curriculum di Kyokushin senza collegamento formale all'organizzazione. Anche se difficile da quantificare, si pensa che il numero di studenti ed istruttori coinvolti in tutto il mondo nell'imparare o insegnare lo stile o una delle sue variazioni vicine è significativo e si conti nei milioni. La vedova di Oyama morì a giugno 2006 dopo una lunga malattia. Secondo il sistema legale giapponese, il custode della proprietà intellettuale di Oyama e lascito è la più giovane delle sue figlie, Kikuko (anche noto come Kuristina), che ora dirige l'IKO Hombu.

Gradi[modifica | modifica sorgente]

Ordine di cintura nel Kyokushinkai
Bianca MUKYU  
Arancione 10 & 9 KYU  
Blu 8 & 7 KYU  
Gialla 6 & 5 KYU  
Verde 4 & 3 KYU  
Marrone 2 & 1 KYU  
Nera DAN (tutti i gradi)  

Il colore delle cinture tra origine dallo Judo, così l'addestramento 'gi', o più correttamente in giapponese, 'dōgi'. Nel Kyokushin l'ordine delle cinture è il seguente:

10º kyu Arancione Jokkyu

9º kyu Arancione + Kyuku

8º kyu Blu Hachikyu

7º kyu Blu + Nanakyu

6º kyu Gialla Rokukyu

5º kyu Gialla + Gokyu

4º kyu Verde Yonkyu

3º kyu Verde + Sankyu

2º kyu Marrone Nikyu

1º kyu Marrone + Ikkyu

Ogni cintura colorata prevede due livelli, con il secondo indicato mediante una striscia sulla medesima cintura. La cintura bianca, comunque, non rappresenta un livello e serve solamente per tenere il 'gi' a posto. In altre parole, la cintura bianca è usata da principianti ancora non classificati. A partire dalla cintura nera, invece, la classificazione avviene tramite i DAN e non più i kyu.

Esistono molte idee su come si codificarono i colori delle cinture, qualcuna più romantica di altre. Una storia caratteristica afferma che agli studenti di una scuola di karate veniva data una cintura bianca. A seguito dell'uso, le cinture degli allievi si sarebbero gradualmente macchiate di scuro ed eventualmente una persona che era di un livello elevato e che si era addestrato per molto tempo ne avrebbe quindi avuta una nera/marrone/sporca. Questo è un modo ispiratore per incoraggiare gli studenti ad addestrarsi più duramente, ed avrebbe la sua base, in verità, nel fatto che chi pratica arti marziali, come regola generale, non lavi la cinture dopo essersi allenato. Anche se non esiste prova assoluta di questo, così come non c'è alcuna regola rigida secondo i giapponesi, l'idea che la cintura contenga lo spirito di addestramento e la fatica di anni è intrisa sicuramente di un'aria romantica in oriente così come in occidente ma, ha molto più che una base di verità e, chiari origini, soprattutto in oriente. La tradizione di lavare solo lievemente la cintura è basata più probabilmente sulla motivazione pratica che perdono il loro colore se lavate spesso (invece che con l'allenamento, come previsto) e comunque per ovvie motivazioni di natura igienica.

Influenza sugli altri stili con a contatto pieno.[modifica | modifica sorgente]

Il Kyokushin ha avuto una grande influenza su molti altri stili, e sul karate il modo di competere è usato ampiamente. Come gruppo questi stili sono chiamati stili di atterramento, o stili di karate da K.O. Molti altri stili di karate originati dal Kyokushin, come Ahihara, Budokai, Godokai]], Enshin, Seidō-Juku, Shidōkan e Seidokaikan sono anche stili da KO che utilizzano delle variazioni nelle regole di gara. Indipendentemente da pochi altri stili come il [[Kansuiryu. Degli stili che originano dal Kyokushin come il Daido-Juku e i suoi derivati, come il giapponese Zendokai che è stato influenzato fortemente dalle tecniche del Kyokushin.

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Le mosse di Ryu e Ken nel Street Fighter della Capcom si basano sul Kyokushin; si narra che Ryu fosse basato su Yoshiji Soeno, un allievo di Mas Oyama. Nella serie Tekken della Namco Jin Kazama si dice che viaggiasse per Brisbane, in Australia, per imparare il karate.[2] Al tempo della creazione di Tekken, Cameron Quinn[3] – un noto istruttore di Karate Kyokushinkai, interpretò Mas Oyama, e autore del Il Budo Karate di Mas Oyama – fu insegnante ed ebbe allievi come Garry O'Neill e Walter Schnaubelt nel suo ben noto dojo Kyokushin nella città di Brisbane.

Nei videogiochi della SNK, Ryuuko No Ken e The King Of Fighters, lo stile di lotta della famiglia Sakazaki (Takuma,Ryo,Robert e Yuri), ossia lo stile Kyokugen,è chiaramente ispirato al Kyokushin.Il fondatore del Kyokugenryu, Takuma Sakazaki, è un chiaro omaggio a Masutatsu Oyama soprattutto nelle fattezze fisiche.In The king of fighters XIII nello stage del Kyokugenryu dojo, appeso al muro, nella parte sinistra dello stage, si vede chiaramente un manifesto con la foto di Takuma Sakazaki che colpisce con uno shuto un toro,chiaro riferimento al famoso video che vede Mas Oyama lottare contro appunto un toro.

Film[modifica | modifica sorgente]

Nel 2004 è stato girato in Corea un film intitolato "Fighter in the Wind" che tratta la vita di Masutatsu Oyama, a partire dalle sue esperienze nell'aviazione giapponese, passando per il suo periodo di allenamento solitario, per giungere infine ai combattimenti che lo hanno reso celebre. Il film ha riscosso molto successo nel mondo cinematografico orientale, ma non è mai stato tradotto in lingua italiana.

Nella trilogia di films con protagonista Sonny Chiba e diretti da Kazuhiko Yamaguchi furono prodotti in Giappone fra il 1975 e il 1977: Champion of Death, Karate Bearfighter e Karate for Life. Chiba interpretò il Maestro Oyama che inoltre compare anche in due film.

Il film di James Bond "Si vive solo due volte", con protagonista Sean Connery, fu maggiormente girato in Giappone, rappresentava una dimostrazione di karate compiuta da un numero di noti studenti di Kyokushin, inclusi Shigeo Kato (che introdusse il Kyokushin in Australia e fu originariamente insegnante di Shokei Matsui) ed il noto Akio Fujihira che fu uno dei tre combattenti che raccolsero la sfida di Muay Thai nel 1964; e che ha combattuto sul ring con il nome di Noboru Osawa.

Nel film Never Back Down - Combattimento leale, il maestro di MMA Case Walker, interpretato dall'attore Michael Jai White (noto praticante di Karate) ha sul pettorale il tatuaggio rappresentante il simbolo del kanjii caratteristico del Kyokushinkai.

Famosi praticanti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Margherita Tassinari, Arti marziali: come orientarsi nella scelta, Demetra, 2002, p. 66, ISBN 88-440-2510-8.
  2. ^ Jin Kazama, Tekkenpedia.com. URL consultato il 25 novembre 2011.
  3. ^ budokarate.com, budokarate.com. URL consultato il 25 novembre 2011.
  4. ^ Moskovsky Komsomolets: “Putin becomes sixth-level black belt” by Oleg Fochkin. premier.gov, re-publication of a Moskovsky Komsomolets article.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sport Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sport