Cloruro di ossalile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cloruro di ossalile
Formula di struttura del cloruro di ossalile
Modello 3D del cloruro di ossalile
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C2O2Cl2
Massa molecolare (u) 36,4609
Aspetto liquido incolore, odore penetrante
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 1.4785
Indice di rifrazione 1,429
Solubilità in acqua Reagisce
Temperatura di fusione −16 °C (257 K)
Temperatura di ebollizione 63-64 °C (336-337 K)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta corrosivo
Frasi H 314 - 331
Consigli P 261 - 280 - 305+351+338 - 310

Il cloruro di ossalile è un composto chimico appartenente alla famiglia degli alogenuri acilici, rappresentato dalla formula (COCl)2. È incolore ed è caratterizzato da un odore intenso. È utilizzato come reagente nella sintesi organica.[1] Può essere preparato attraverso il trattamento di acido ossalico con pentacloruro di fosforo.[2] Il cloruro di ossalile può esistere in due forme isomere, cis e trans. Quest'ultima forma è quella trattata in questa pagina.

Reattività[modifica | modifica wikitesto]

Il cloruro di ossalile reagisce con l'acqua producendo solo prodotti gassosi: cloruro di idrogeno, anidride carbonica e monossido di carbonio.

(COCl)2 + H2O → 2 HCl + CO + CO2

Questo comportamento differisce da quello degli altri cloruri acilici che per idrolisi producono cloruro di idrogeno e il rispettivo acido carbossilico.

Applicazioni nelle sintesi organiche[modifica | modifica wikitesto]

Sintesi di cloruri acilici[modifica | modifica wikitesto]

Questa sintesi è utilizzata principalmente nella sintesi organica per la preparazione di cloruri acilici a partire dai corrispondenti acidi carbossili utilizzando come catalizzatore la dimetilformammide . Come per il cloruro di tionile, SOCl2, la reazione è favorita dalla produzione di composti che, a pressione e temperatura normali, sono in stato gassoso:

RCO2H + (COCl)2 → RC(O)Cl + HCl + CO + CO2

Paragonato al cloruro di tionile, il cloruro di ossalile tende ad essere un reattivo meno energico e meno selettivo. Essendo anche più costoso del cloruro di tionile viene utilizzato su scala ridotta.

La reazione comporta la conversione del DMF in un immidoil cloruro, analogamente al primo stadio della reazione di Vilsmeier-Haack. L'immidoil cloruro è il vero afente clorurante.

Formilazione di areni[modifica | modifica wikitesto]

Il cloruro di ossalile reagisce con i composti aromatici in presenza di cloruro di alluminio per produrre il corrispondente cloruro di acile attraverso la acilazione di Friedel-Crafts. L'acido ottenuto più essere idrolizzato in acqua per formare il corrispondente acido carbossilico.

Preparazione di diesteri dell'ossalato[modifica | modifica wikitesto]

Il cloruro di ossalile può reagire con alcoli per dare un estere:

2 RCH2OH + (COCl)2 → RCH2OC(O)C(O)OCH2R + 2 HCl

Solitamente la reazione viene condotta in presenza di una base come per esempio la piridina. Il diestere che si ottiene dal fenolo è chiamato difenil ossalato ed è l'elemento attivo del Lightstick.

Ossidazione degli alcoli[modifica | modifica wikitesto]

Il trattamento con una soluzione di DMSO e cloruro di ossalile seguito da trattamento con trietilammina, converte gli alcoli nei corrispondenti aldeidi e chetoni, attraverso il processo conosciuto come Ossidazione di Swern.

Precauzioni[modifica | modifica wikitesto]

Come tutti gli alogenuri acilici, il cloruro di ossalile reagisce con l'acqua liberando HCl. I suoi effetti sono comparabili a quelli del fosgene.

Nel marzo 2000, Airbus A330 della Malaysia Airlines fu irreparabilmente danneggiato dopo una falsa dichiarazione del carico: nella stiva era stato caricato del cloruro di ossalile.[3]

Altre reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima sintesi del diossan tetrachetone è stato riportato l'utilizzo di ossalil cloruro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salmon, R. "Oxalyl Chloride" in Encyclopedia of Reagents for Organic Synthesis 2001, John Wiley & Sons, New York, DOI: 10.1002/047084289X.ro015.
  2. ^ Vogel, A.; Steffan, G.; Mannes, K.; Trescher, V. "Oxalyl chloride" DE 78-2840435 19780916.Chemical Abstracts Number 93:94818
  3. ^ Firm told to pay $65 mln for ruining plane, Reuters, 6 dicembre 2007. URL consultato il 6 dicembre 2007.
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia