Cilly Aussem

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cilly Aussem
Bundesarchiv Bild 102-09475, Cilly Aussem.jpg
Dati biografici
Nazionalità Germania Germania
Tennis Tennis pictogram.svg
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros V (1931)
Regno Unito Wimbledon V (1931)
Stati Uniti US Open
Doppio1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Miglior ranking
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros F (1931)
Regno Unito Wimbledon
Stati Uniti US Open
Doppio misto1
Vittorie/sconfitte
Titoli vinti
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open
Francia Roland Garros V (1930)
Regno Unito Wimbledon QF (1930)
Stati Uniti US Open
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
 

Cilly Aussem (Colonia, 4 gennaio 1909Portofino, 22 marzo 1963) è stata una tennista tedesca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver studiato a Ginevra ritorna a Colonia dove inizia la sua carriera tennistica.

Nel 1931 vinse l'Open di Francia singolare femminile, trionfando su Betty Nuthall con il punteggio di 8-6, 6-1. Nello stesso anno vinse anche il torneo di Wimbledon singolare femminile battendo Hilde Sperling con 6-2, 7-5.

Per quanto riguarda il suo numero di rank, fu fra le prime dieci negli anni 1928, 1930, 1931 e 1934, giungendo al numero 2 nel 1930 e 1931, dietro a Helen Wills Moody.[1]

Dopo aver perso al torneo di Wimbledon nei quarti di finale contro Helen Jacobs decise di ritirarsi, anche per via dei problemi di salute intercorsi, all'età di 25 anni.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Francobollo che ritrae l'atleta, 1988

Il suo volto venne scelto per la serie delle donne della storia tedesca (Frauen der deutschen Geschichte) una serie di francobolli speciale uscita dal 1986 al 1990.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Collins, Bud (2008). The Bud Collins History of Tennis: An Authoritative Encyclopedia and Record Book. New York, N.Y: New Chapter Press. pp. 695, 701–2. ISBN 0-942257-41-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 90888957