Chelsea Clinton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chelsea Clinton a Philadelphia nel marzo 2008

Chelsea Clinton (Little Rock, 27 febbraio 1980) è un'imprenditrice statunitense, figlia unica del 42º Presidente degli Stati Uniti d'America Bill Clinton e dell'ex Segretario di Stato Hillary Clinton.

I primi anni[modifica | modifica sorgente]

Chelsea Clinton nasce a Little Rock nello stato dell'Arkansas. Il suo nome è stato ispirato dall'affezione dei suoi genitori per Judy Collins allorché nel 1969 incise la sua versione della canzone di Joni Mitchell Chelsea Morning[1].

Chelsea ha avuto una brillante carriera scolastica, il padre Bill Clinton mantenne per sua figlia una scrivania in miniatura nel suo ufficio, quando era Governatore dell'Arkansas.

Da ragazza Chelsea ha giocato a pallavolo, ping pong, amava giocare a carte e andare al cinema. Oggi è vegana.

Adolescente alla Casa Bianca[modifica | modifica sorgente]

Un ritratto della famiglia Clinton alla Casa Bianca

Chelsea si trasferì alla Casa Bianca il giorno dell'insediamento di suo padre il 20 gennaio 1993, quando aveva dodici anni. Il suo nome in codice dei servizi segreti era Energy.

A Washington, ha frequentato la Sidwell Friends School. Dopo aver preso lezioni di danza da quando aveva quattro anni, Chelsea cominciò a prendere corsi di danza classica presso la Scuola del Balletto di Washington nel 1993.

Il 5 febbraio 1999, appena prima del voto del Senato americano per l'impeachment di suo padre, i giornali la misero nelle loro copertine, cosa che irritò la sua famiglia, così come il servizio segreto.

Ha assunto il ruolo di hostess in alcune delle manifestazioni organizzate alla Casa Bianca dalla madre Hillary Clinton, nel periodo in cui era first lady ed era in campagna elettorale per il Senato degli Stati Uniti nel 2000, ha continuato fino alla fine della presidenza di suo padre il 20 gennaio 2001.

Vita dopo la presidenza Clinton[modifica | modifica sorgente]

Chelsea con i suoi genitori all'inaugurazione di una parata il 20 gennaio 1997

Ha svolto i suoi studi universitari alla Stanford University di Palo Alto (California), in questo periodo aveva manifestato un importante interesse per il settore della chimica e della medicina, prima di passare alla storia dopo due anni.

La commedia romantica Amori in corsa (2004) è stato detto che si sia ispirato ad una fotografia di Chelsea Clinton in una partita di basket Stanford, in cui lei cercava di confondersi con gli altri studenti[2]. Nel 2001, si è laureata a Stanford, discutendo una tesi di laurea sull'Accordo del Venerdì Santo di Belfast nel 1998 in Irlanda del Nord[3].

Ha continuato guadagnandosi un master in Relazioni internazionali presso la University College presso la Università di Oxford a Oxford (Regno Unito).

Nel 2003, Chelsea Clinton si è iscritta alla società di consulenza McKinsey & Company a New York City, ove è stata la persona più giovane assunta nella sua classe. Nell'autunno del 2006, ha lasciato McKinsey ed è andata a lavorare per l'Avenue Capital Group, una centro di raccolta fondi per beneficenza gestito da Marc Lasry, democratico e sostenitore di Hillary Clinton.

Fa parte del consiglio di amministrazione della School of American Ballet ed è stata anche co-presidente di una raccolta di fondi per l'associazione benefica di suo padre, la Clinton Foundation.

Il 31 luglio 2010 ha sposato il banchiere Marc Mezvinsky.

Campagna elettorale per la madre[modifica | modifica sorgente]

Chelsea Clinton in un discorso in Campagna elettorale in California nel febbraio 2008

Prima dell'inizio della campagna presidenziale della madre, la Clinton non aveva mai commentato pubblicamente le politiche o dichiarazioni pubbliche dei suoi genitori. Dopo ha cominciato ad impegnarsi in prima persona per sostenere la madre nella sua campagna. Nel maggio 2006, la madre si scusò pubblicamente con Chelsea per osservazioni critiche fatte sull'etica del lavoro dei giovani, dopo la Clinton privatamente disse di aver fatta eccezione per i commenti di sua madre.

Nel dicembre 2007, Clinton ha iniziato una raccolta fondi per la candidatura democratica alla presidenza di sua madre in Iowa. Dopo di che, ha condotto una campagna di sostegno per la madre in tutto il paese, in gran parte nei campus universitari. Ai primi di aprile 2008, aveva parlato in 100 campus universitari, a nome della candidatura di sua madre.

Altro episodio di rilievo sempre nel dicembre 2007, si è rifiutata di rispondere a una domanda di un bambino di nove anni, un "piccolo giornalista" di nome Sydney Rieckhoff della Scholastic News: ha chiesto se pensava che suo padre potesse essere un buon "first man" in caso di elezione alla Presidenza degli Stati Uniti d'America della madre Hillary. Chelsea rispose: «Mi dispiace, non parlo con la stampa, che si sta servendo di te, purtroppo, anche se penso che tu sia carino.»

Alla fine Chelsea Clinton ha introdotto la madre il 26 agosto 2008 alla Democratic National Convention.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) THE INAUGURATION; Shedding Light On a Morning And a Name
  2. ^ (EN) Just ask Chelsea, Jenna and Barbara: Escaping the glare of the spotlight isn't easy for kids whose dads work in the Oval Office
  3. ^ (EN) Chelsea Clinton, Still a Closed Book

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

(EN) Chelsea Clinton in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie