Boris Michajlovič Šapošnikov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Boris Michajlovič Šapošnikov

Boris Michajlovič Šapošnikov in russo: Борис Михайлович Шапошников? (Zlatoust, 20 settembre 1882Mosca, 26 marzo 1945) è stato un generale e politico sovietico. Venne anche nominato maresciallo dell'Unione Sovietica.

Studi e carriera[modifica | modifica sorgente]

Entrò nell'esercito russo nel 1901 e si diplomò all'accademia militare nel 1910. Raggiunse il grado di colonnello durante la prima guerra mondiale. Nel 1918, cosa piuttosto rara fra ufficiali del suo grado appoggiò la rivoluzione russa e nel 1918 entrò nell'Armata rossa.

Era uno dei pochi comandanti dell'Armata rossa ad aver ricevuto un vero addestramento militare; nel 1921 entrò a far parte dello stato maggiore dell'esercito, dove servì fino al 1925, quando venne eletto comandante del distretto militare di Leningrado. Dal 1928 al 1932 fu comandante del distretto militare di Mosca e poi di quello di Privolzhsk. Nel 1932 divenne comandante dell'accademia militare Frunze, e nel 1935 tornò al distretto militare di Leningrado.

Nel 1937 fu eletto capo di stato maggiore dell'esercito, andando a sostituire Michail Nikolaevič Tuchačevskij, una delle vittime delle purghe staliniane. Nel 1940 venne eletto maresciallo dell'Unione Sovietica.

Nonostante il suo passato da ufficiale zarista, Šapošnikov godeva della fiducia di Stalin. Paradossalmente proprio il suo essere militare di carriera – non si iscrisse al partito comunista fino al 1930 – contribuirono a fugare i sospetti di Stalin. Il prezzo che dovette pagare tuttavia fu quello di collaborare al processo sommario ed all'eliminazione di Tuchačevskij e di altri alti ufficiali suoi colleghi. Un esempio della stima che Stalin nutriva nelle sue capacità militari deriva dal fatto che portasse sempre sul tavolo una copia del Mozg Armii (Мозг армии, Il cervello dell'esercito) (1925).

Per fortuna dell'Unione Sovietica Šapošnikov aveva non solo notevoli capacità militari ma anche capacità amministrative; utilizzò entrambe le doti per ricostruire i ranghi dell'armata rossa al termine delle purghe staliniane. Mozg Armii è stato per anni una lettura obbligata per ogni ufficiale sovietico. Nel 1939 Stalin accettò il piano di Šapošnikov per una rapida ricostruzione del potenziale dell'armata rossa; per quanto non terminato all'inizio dell'operazione Barbarossa, fu probabilmente decisivo nell'evitare una completa disfatta sovietica.

Šapošnikov si dimise dall'incarico di capo di stato maggiore nel 1940, ufficialmente per motivi di salute anche se probabilmente la vera ragione era il disappunto di Stalin era per la condotta di guerra dell'armata rossa durante la guerra d'inverno. Allo scoppio della guerra con la Germania venne richiamato a ricoprire nuovamente l'incarico di capo di stato maggiore, mantenendo il comando fino al maggio 1942, diventando anche commissario del popolo per la difesa. Abbandonò quest'incarico per motivi di salute. Fu anche direttore dell'accademia militare Voroshilov fino alla data della sua morte.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze russe[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di IV Classe con spade dell'Ordine Imperiale di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV Classe con spade dell'Ordine Imperiale di San Giorgio
— 2 novembre 1914
Cavaliere di II Classe con spade dell'Ordine di Sant'Anna - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di II Classe con spade dell'Ordine di Sant'Anna
— 1º novembre 1916
Cavaliere di III Classe con spade dell'Ordine di Sant'Anna - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III Classe con spade dell'Ordine di Sant'Anna
— 1915
Cavaliere di IV Classe dell'Ordine di Sant'Anna - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV Classe dell'Ordine di Sant'Anna
— 26 ottobre 1914
Cavaliere di III Classe con spade e arco dell'Ordine di San Stanislao - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III Classe con spade e arco dell'Ordine di San Stanislao
— 22 luglio 1916

Onorificenze sovietiche[modifica | modifica sorgente]

Ordine di Lenin (3) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin (3)
— 31 dicembre 1939, 3 ottobre 1942 e 21 febbraio 1945
Ordine della Bandiera Rossa (2) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera Rossa (2)
— 14 ottobre 1921 e 3 novembre 1944
Ordine di Suvorov di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Suvorov di I Classe
— 22 febbraio 1944
Ordine della Stella Rossa (2) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Stella Rossa (2)
— 15 gennaio 1934 e 22 febbraio 1938
Medaglia per la difesa di Mosca - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per la difesa di Mosca
— 1º maggio 1944
Medaglia per il giubileo dei 20 anni dell'Armata Rossa dei lavoratori e dei contadini - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il giubileo dei 20 anni dell'Armata Rossa dei lavoratori e dei contadini
— 22 febbraio 1938

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 32793431 LCCN: n84081066