Bollitura a morte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.

La bollitura a morte è un metodo di esecuzione che consiste nella bollitura fino alla morte di un condannato. Si hanno testimonianze sul suo uso in Europa, Asia e Nordafrica.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ricostruzione storica

Il primo documento sull'uso di questo metodo proviene dalla Cina ed è datato al 203 a.C. Vi è scritto che una spia venne condannata ad essere bollita viva. Pare che venne usato anche in Giappone nei primi millenni avanti Cristo. Secondo resoconti cristiani sulla persecuzione subita nell'impero romano, furono bollite vive diverse persone per la loro fede.

Nel Regno Unito nel 1531 una legge passata sotto il regno di Enrico VIII stabilì che gli avvelenatori venissero bolliti vivi. Fu emanata per punire Richard Roose, un cuoco che, avendo avvelenato i cibi, aveva causato la morte di 2 persone e serie lesioni ad altre. Fu giustiziato tramite bollitura il 15 aprile 1532. L'anno precedente un servo era stato bollito vivo per aver avvelenato la sua padrona. Un'altra persona giustiziata in questo modo fu Margaret Davy, una serva, il 28 marzo 1542 per avvelenamento delle persone con cui viveva. La legge che autorizzava la bollitura a morte fu abolita nel 1547, dopo la morte di Enrico VIII.

Oggi si hanno notizie dell'utilizzo di questa pratica in Uzbekistan, dove l'amministrazione del presidente Islom Karimov è stata messa sotto accusa dalle Nazioni Unite per aver praticato in modo sistematico l'utilizzo della tortura, tra cui la bollitura a morte dei suoi oppositori.