Atlantis (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Atlantis
Titolo originale Atlantis
Paese Regno Unito
Anno 2013 - in produzione
Formato serie TV
Genere fantastico
Stagioni 2
Episodi 26
Durata 42 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore colore
Audio Dolby Digital
Crediti
Ideatore Howard Overman, Johnny Capps, Julian Murphy
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzione Shine Limited, BBC Drama
Prima visione
Prima TV Regno Unito
Dal 28 settembre 2013
Al in corso
Rete televisiva BBC One
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 12 aprile 2015
Al in corso
Rete televisiva Rai4

Atlantis è una serie televisiva britannica in onda dal 28 settembre 2013 su BBC One. La seconda stagione è cominciata invece il 15 novembre 2014. In Italia verrà trasmessa su Rai 4 a partire dal 12 aprile 2015.[1]

Il 23 gennaio 2015, un portavoce della BBC ha confermato la cancellazione della serie TV, che non sarà rinnovata per una terza stagione. Nel comunicato, è stata confermata la messa in onda degli ultimi 7 episodi rimanenti della seconda stagione in primavera, a partire dall'11 aprile 2015, sempre su BBC One.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La serie racconta di Jason, un ragazzo che, volendo scoprire il luogo dove è affondato il sottomarino del padre, si ritrova ad Atlantide, una terra piena di figure storiche e mitologiche ambientata nell'antica Grecia. Egli si rivelerà un vero e proprio eroe per la città di Atlantide, e sarà amato e apprezzato da tutti. Ma sono anche molti i pericoli e le sfide che dovrà affrontare, ovviamente non da solo, ma insieme ai suoi compagni di viaggio: Ercole e Pitagora.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La serie è girata in Galles e Marocco.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV UK Prima TV Italia
Prima stagione 13 2013 2015
Seconda stagione 13 2014-2015 inedita

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]
  2. ^ (EN) Exclusive: Atlantis will not return for third series on BBC One, Digital Spy, 23 gennaio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]