Aquario (astrologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aquario
Simbolo dell'Acquario
Elemento Aria
Qualità Fisso
Domicilio Urano e Saturno
Esaltazione Nettuno
Esilio Sole
Acquario rappresentato in un libro di astrologia del XV secolo

Secondo l'astrologia occidentale, l'Aquario è l'undicesimo segno zodiacale fisso e d'aria. È governato da Urano e da Saturno. In questo segno, secondo lo schema dei domicili tolemaici, il Sole si trova in esilio.

Si trova spesso scritto anche Acquario, ma la preferenza va alla forma Aquario in quanto è il nome della costellazione da cui il segno zodiacale prende il nome.

È opposto al segno del Leone.

Simbologia del segno[modifica | modifica sorgente]

I metalli del segno sono il platino, oro ed il piombo, uranio. Il giorno è il sabato, le pietre sono lo zaffiro e l'ametista, il fiore il geranio e l'orchidea, il colore il blu, l'animale il gabbiano.

Tratti caratteristici[modifica | modifica sorgente]

Le persone con posizioni di rilievo in questo segno zodiacale hanno un'intelligenza proiettata verso il futuro e uno spirito fortemente innovatore (tra i personaggi famosi nati con il sole in questo segno troviamo ad esempio Galileo Galilei, Alessandro Volta, Thomas Edison, Charles Darwin e Jules Verne). Questa stessa predisposizione per la dimensione speculativa e cerebrale li porta ad una forma di distacco dall'io che investe in modo non sempre positivo anche la sfera affettiva. Instabili dal punto di vista amoroso, hanno un forte senso dell'amicizia e del lavoro di gruppo. I nati sotto questo segno sentono molto la necessità di essere liberi e questo li porta ad assolvere meglio al loro destino nei rapporti basati sull'amicizia; le loro amicizie sono molto ponderate e sentite, non si tratta di qualcosa che essi concedono a tutti. Freddi, razionali, idealisti e dalla mente aperta, hanno uno spiccato spirito umanitario che li rende i più altruisti dello zodiaco.

Il segno dell'Aquario ha acquisito una particolare notorietà a partire dagli anni sessanta quando ha avuto inizio la cosiddetta Era dell'Aquario. Esistono tuttavia pareri discordanti riguardo all'inizio delle ere astrologiche: secondo alcuni astrologi quella dell'Aquario è iniziata il 21 dicembre 2012, nel 2150 o addirittura nel 2660.

Il Sole si può trovare nel segno dell'Aquario nel periodo che va dal 21 gennaio al 19 febbraio[1]. Il periodo esatto varia di anno in anno e per stabilire la sua posizione nei giorni estremi è necessario consultare le effemeridi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Aquario su Treccani online.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Omraam Mikhaël Aïvanhov: L'Acquario e l'arrivo dell'Età d'Oro – Ed. Prosveta 2008

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

astrologia Portale Astrologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astrologia