Scorpione (astrologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scorpione
Simbolo dello Scorpione
Elemento Acqua
Qualità Fisso
Domicilio Plutone e Marte
Esilio Venere
Caduta Luna
Scorpione rappresentato in un libro di astrologia del XV secolo

Nell'astrologia occidentale, lo scorpione (♏) è un segno zodiacale d'acqua e fisso. È governato da Plutone e da Marte, quest'ultimo in qualità di co-governatore. Di recente alcuni astrologi hanno tuttavia suggerito di collocare nello scorpione il domicilio di Eris[senza fonte], il più grande pianeta nano del sistema solare attualmente conosciuto, scoperto nel 2005.[1] In questo segno Venere in esilio e la Luna in caduta con esaltazione di Mercurio. È opposto al segno del Toro.

I suoi colori portafortuna sono il rosso e il blu scuro. La sua pietra portafortuna è il rubino, il suo minerale è il ferro. Le sue piante sono l'orchidea, il rododendro e la tuberosa. Il suo giorno fortunato è il martedì.

Anatomicamente lo Scorpione è associato all'apparato uro-genitale.

Secondo l'astrologia occidentale, le persone con posizioni di rilievo in questo segno sono misteriose, ambiziose e dotate di un fascino a volte sinistro. Testarde (come tutti i segni fissi) e permalose, possiedono un'ironia sferzante e un intuito profondo. Sia il sesso che l'erotismo hanno un ruolo centrale nella loro vita, ma le relazioni amorose si rivelano a volte particolarmente complesse. In quanto governate da Marte e Plutone, tendono a dominare, soprattutto psichicamente, le persone che amano. Esigenti e contraddittorie, pretendono molto dagli altri, ma sanno dare altrettanto, spesso facendolo solo intuire. Orgogliose e consapevoli delle proprie qualità, nascondono una sensibilità profonda (come tutti i segni d'acqua) che può mettere a rischio le loro sicurezze e renderli preda del dubbio.

Il Sole si può trovare nel segno dello Scorpione circa nel periodo che va dal 23 ottobre al 22 novembre.[2] Il periodo esatto varia di anno in anno e per stabilire la sua posizione nei giorni estremi è necessario consultare le effemeridi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mike Brown, The discovery of 2003 UB313 Eris, the 10th planet largest known dwarf planet, Caltech, 2006. URL consultato l'8 agosto 2012.
  2. ^ scorpione in Treccani.it - Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]