Sagittario (astrologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sagittario
Simbolo del Sagittario
Elemento Fuoco
Qualità Mobile
Domicilio Giove
Esilio Mercurio
Sagittario rappresentato in un libro di astrologia del XV secolo

Secondo l'astrologia occidentale, il Sagittario è un segno zodiacale mobile e di fuoco. È governato da Giove. È opposto al segno dei Gemelli. In questo segno Mercurio è in fase di esilio.

Il Sole si può trovare nel segno del Sagittario circa nel periodo che va dal 23 novembre al 21 dicembre[1]. Il periodo esatto varia di anno in anno e per stabilire la sua posizione nei giorni estremi è necessario consultare le effemeridi.

Simbologia del segno[modifica | modifica wikitesto]

Il metallo del segno è lo stagno, l'animale è il cavallo, la pietra associata è il turchese, il colore il blu, le specie vegetali sono la rosa rossa e il garofano.

Nell'anatomia umana il segno del sagittario governa i fianchi, le cosce e la zona sacrale. Geograficamente è legato a Spagna, Arabia, Ungheria, Messico ed Australia.

Tratti caratteristici[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'astrologia occidentale, le persone il cui tema natale contiene questo segno zodiacale in posizioni di rilievo sono estroverse e dotate di uno spiccato sentimento comunitario, secondo le caratteristiche del pianeta Giove, governatore del segno. Proiettate verso l'esterno, hanno una mentalità aperta che le spinge a viaggiare e a dedicarsi agli altri, sui diversi piani dell'impegno sociale e politico o dell'attività religiosa. Vivono con entusiasmo (segno di fuoco) ma senza troppo radicarsi nelle loro esperienze (segno mobile).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ sagittario in Treccani.it - Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]