Gemelli (astrologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gemelli
Simbolo dei Gemelli
Elemento Aria
Qualità Mobile
Domicilio Mercurio
Esilio Giove
Caduta Plutone
Gemelli rappresentati in un libro di astrologia del XV secolo

Secondo l'astrologia occidentale, il segno dei Gemelli è un segno zodiacale mobile e d'aria, governato da Mercurio. In questo segno Giove si trova in esilio. È opposto al segno del Sagittario.

Il metallo del segno è il mercurio, gli animali sono lo scimpanzé, la gazza e il serpente, le pietre il topazio, l'agata e il quarzo citrino. Le specie vegetali associate ai Gemelli sono il garofano, la lavanda ed il rosmarino. Il suo colore caratteristico è il giallo. Le parti del corpo legate al segno dei Gemelli sono le vie aeree superiori e il sistema nervoso.

Secondo l'astrologia occidentale, le persone con posizioni di rilievo in questo segno zodiacale sono dotate di un'intelligenza rapida e brillante e di uno spirito lieve e, governate da Mercurio, sono in continuo movimento. Nel ciclo della vita i gemelli corrispondono all'età dell'apprendimento. Perciò sono considerati il segno più curioso dello zodiaco. Eterni adolescenti, nella loro continua ricerca di nuove esperienze possono far fatica ad instaurare rapporti affettivi profondi e duraturi. La loro doppia natura (rappresentata appunto dai due gemelli) può portarli a forme di ipocrisia e ambiguità.

Il sole si può trovare nel segno dei Gemelli circa nel periodo che va dal 21 maggio al 21 giugno[1]. Il periodo esatto varia di anno in anno e per stabilire la sua posizione nei giorni estremi è necessario consultare le effemeridi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ gemello in Treccani.it - Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

astrologia Portale Astrologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astrologia