Annali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Annali del Vecchio Testamento, di James Ussher

Gli annali sono documenti d'archivio che narrano succintamente i maggiori eventi storici e le catastrofi naturali più rilevanti che coinvolgono un popolo. Si dicono così perché originariamente erano ordinati di anno in anno, ma in età moderna il termine si applica indipendentemente dal modo di ordinamento[1].

Erano spesso redatti e conservati da autorità religiose. Quelli di Roma antica erano gli annales pontificum: ciascun anno era indicato con i nomi dei due alti magistrati eponimi in carica. Da essi deriva l'annalistica medioevale. Gli annali romani rappresentano, in qualche modo, gli albori di un'attitudine storiografica. Esistono vari esemplari di tali narrazioni.

Ecco un elenco dei più importanti annali romani e medioevali:

  • Annali musulmani
    • Kitāb (o Taʾrīkh) al-rusul wa l-mulūk (Libro - o Storia - dei profeti e dei re) di Tabari: annali che coprono l'intero periodo dell'umanità, dall'epoca della creazione di Adamo fino al Califfato abbaside dei primi del IX secolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dizionario Garzanti

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]