Abbazia di Saint-Wandrille de Fontenelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abbazia di Saint-Wandrille de Fontenelle
Stato Francia Francia
Regione Normandia
Località Saint-Wandrille-Rançon
Religione cattolica
Stile architettonico Architettura carolingia
Inizio costruzione 649

L'abbazia di Saint-Wandrille de Fontenelle[1] sorge in Normandia presso il villaggio di Saint-Wandrille-Rançon. Il fondatore fu san Vandregisilo (in francese saint Wandrille), che la costruì su una terra ottenuta per intercessione dell'amico Audoeno di Rouen, arcivescovo di Rouen.

Le vicende del fondatore[modifica | modifica wikitesto]

Vandregisilo aveva goduto di una buona posizione presso la corte di Dagoberto I, ma volendo vivere una vita di devozione si era ritirato in un monastero a Montfaucon, nella regione della Champagne, nel 629. Più tardi Vandregisilo si diresse all'abbazia di San Colombano e poi presso il monastero di Romainmôtier, dove rimase per circa dieci anni. Nel 648 tornò infine in Normandia dove, adottando la regola di Colombano di Bobbio, costruì l'abbazia di Fontenelle. La data di donazione della terra dovrebbe risalire al 1 marzo 649.

Le molte nascite e le molte morti[modifica | modifica wikitesto]

La prima costruzione, in Architettura carolingia venne dedicata a san Pietro e venne consacrata da Audoeno nel 657, questa prima struttura venne distrutta da un incendio nel 756 e ricostruita con l'aggiunta di un nartece e di una torre. Se nei primi tempi il monastero si rivelò prolifico di prelati di alto profilo, dal 740 in poi una successione di abati commendatari portò l'abbazia verso il declino. Perché Fontenelle ritornasse ai fasti dell'inizio occorse aspettare Ansegiso di Fontenelle che, nell'823, avviò la stessa opera riformatrice che aveva già messo in pratica all'abbazia di Luxeuil.

La sua ricchezza fece diventare il luogo un buon obiettivo per le scorribande dei Vichinghi, che il 9 gennaio 852 bruciarono la chiesa costringendo i monaci a scappare insieme alle reliquie di Vandregisilio. Il secolo seguente vide i monaci peregrinare da una località all'altra: Chartres, Boulogne, Saint-Omer e Gand, e solo nel 966 poterono tornare alla loro casa-madre insieme all'abate Maynard, che iniziò a ricostruire il convento. Anche la nuova struttura tuttavia ebbe vita breve, infatti nel 1012 venne distrutta da un incendio, riconsacrata nel 1033, fu divorata di nuovo dalle fiamme nel 1250 e, a causa della mancanza di fondi, fu finita solo nel 1331.

I suoi abitanti[modifica | modifica wikitesto]

I monaci di Fontenelle godettero a lungo di grande fama per il loro fervore religioso e per la loro istruzione, erano anche numerosi tanto che nel periodo di massimo splendore arrivarono a superare i 300. La biblioteca e la scuola erano piuttosto rinomate e vi si studiava la letteratura, la scienza e l'arte della calligrafia. Il copista Sant'Hardouin (morto nell'811), copiò un Vangelo, una delle Lettere di san Paolo, un salterio e tre messali, oltre che a numerose biografie di santi ed opere matematiche. Il "capitolare del re dei Franchi" venne scritto nell'VIII secolo sotto l'abate Ansegisus. I monaci misero insieme anche diversi privilegi, come l'esenzione dal pedaggio fluviale, che era in vigore nella Senna, o la possibilità di riscuotere le tasse dalla vicina città di Caudebec, privilegi che si trovavano ancora in vigore nel 1420 sotto Enrico V d'Inghilterra e nel 1436 dopo il concilio di Basilea, Ferrara e Firenze.

La figura dell'abate commendatario venne in uso nel corso del XV secolo ed ebbe come risultato il declino dell'abbazia, nel 1631 la torre centrale cadde improvvisamente, senza tuttavia danneggiare il chiostro o gli edifici adiacenti. In quegli anni si stava diffondendo la Congregazione di San Mauro e l'ultimo commendatario, Ferdinand de Neufville, li pregò di prendere sotto il loro controllo il convento, sentendosi inadeguato al compito. I congregazionisti accettarono e nel 1636 iniziarono la riparazione delle mura danneggiate, costruirono anche nuove ali ed una sala del capitolo per accogliere il capitolo generale della congregazione mauriziana.

La morte e la seconda rinascita[modifica | modifica wikitesto]

Quando arrivò la Rivoluzione francese Fontenelle, come molte altre abbazie, fu soppressa e venduta all'asta nel 1792. Parte della chiesa venne demolita, gli edifici restanti vennero destinati in parte alla manifattura ed in parte per l'uso domestico della famiglia proprietaria. Nel 1896 George Stanislaus, III duca de Stacpoole, prelato di alto profilo e membro della famiglia che aveva acquistato Fontenelle, morì dopo avervi passato tutta la vita e nel testamento donò il vecchio convento ai benedettini ed in particolare a un gruppo di frati provenienti dall'Abbazia di Ligugè, che erano sotto la guida di Joseph Pothier. Pothier, uno studioso che aveva riformato il Canto gregoriano divenne il nuovo abate dell'abbazia, chiamata ora di San Vandregisilio, il 24 luglio 1898, il primo dall'avvio della Rivoluzione ed il primo regolare dopo circa tre secoli. Molti degli edifici originali o più antichi sono spariti, perché crollati o perché rimpiazzati da altre costruzioni, fa eccezione la cappella di San Saturnino, che è stata ristrutturata più e più volte nel corso dei secoli e la cui struttura è ancora abbastanza simile a quella che le diede San Vandregisilio. Molti degli edifici vennero danneggiati dai bombardamenti del 1944 ed una nuova chiesa venne consacrata nel 1970.

Abati e piori dell'abbazia[modifica | modifica wikitesto]

Abati[modifica | modifica wikitesto]

Abolizione delle abbazie da parte della Rivoluzione francese (1792)
Restaurazione del 1894
Con la restaurazione della vita religiosa nel 1894, Jean Martial Besse e François Chamard sono nominati superiori, poi Joseph Bourigaud, abate di Ligugé, è nominato amministratore apostolico nel 1895, fino alla nomina d'un abate nel 1898.
  • dom Joseph Pothier (18981923), (primo abate regolare di Saint-Wandrille dopo Jacques Hommet, del XVI secolo e primo dalla soppressione dell'abbazia da parte della Rivoluzione francese, priore di Saint-Wandrille (1895), poi abate mitrato)
  • dom Jean-Louis Pierdait (19231941) (abate mitrato)
  • dom Gabriel Gonthard (19431962 (abate mitrato)
  • dom Ignace Dalle (19621969) (abate mitrato)
  • dom Antoine Levasseur (19691996)
  • dom Pierre III Massein (19962009)
  • dom Jean-Charles Nault (2009 - )

Priori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'abbazia di Saint-Wandrille de Fontenelle non va confusa con l'abbazia cistercense di Fontenelle, fondata nel 1212 nel territorio del comune francese di Maing (Nord-Passo di Calais)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]