Ugo di Champagne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ugo di Champagne
vescovo della Chiesa cattolica
Incarichi ricoperti Vescovo di Bayeux (723-730)
Deceduto 9 aprile 730
Sant'Ugo di Champagne

Vescovo e abate

Nascita ?
Morte 9 aprile 730
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 9 aprile

Sant' Ugo di Champagne, o anche Ugo di Rouen (... – Jumièges, 9 aprile 730), è stato un abate e vescovo cattolico franco.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Era il figlio secondogenito del maggiordomo di palazzo di Burgundia e duca di Champagne, Drogone e di Adaltrude, figlia del maggiordomo di Neustria, Bertario e di Anstrude (figlia di un altro maggiordomo di Neustria, Warattone e di Ansflida). Ugo, da parte di padre, era nipote del Maggiordomo di palazzo di Austrasia ed in seguito maggiordomo di palazzo di tutti i regni dei Franchi[1], Pipino di Herstal e di Plectrude[2], figlia del conte palatino, Ugoberto (?-† 698) e di Sant'Erminia, fondatrice e prima badessa del monastero di Oehren, nei pressi di Treviri.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ugo fu educato dalla bisnonna, Ansflida, che, dopo essere rimasta vedova di Warattone, aveva fatto parecchie donazioni al monastero in cui poi Ugo sarebbe divenuto abate[3]. Ansflida educò Ugo fin da bambino, sia con le parole che con l'esempio ad essere prudente ed attivo e lo spinse a mettersi al servizio di Dio[4]. Crescendo, dopo che era rimasto orfano di padre, nel 708[3], si dedicò allo studio delle Sacre Scritture e si avvicinò alla vita religiosa[4].
Benché laico godette degli appannaggi delle abbazie di Saint-Wandrille e di Jumèges: in quest'ultima entrò nel 718 abbracciando la vita religiosa sotto l'abate Cochin.

Nel 722 l'arcidiocesi di Rouen divenne vacante ed Ugo venne strappato alla solitudine del chiostro e creato arcivescovo. Nel 723 accettò la carica di abate di Saint-Wandrille, al tempo di papa Gregorio II[3]. Rimase in carica per 9 anni 2 mesi e 13 giorni[3]. l'anno dopo divenne arcivescovo di Parigi e vescovo di Bayeux. Alla fine della sua vita si ritirò in monastero a Jumèges e morì il 9 aprile 730, venendo sepolto a Notre Dame a Parigi.

Culto[modifica | modifica sorgente]

Viene ricordato come santo e festeggiato il 9 aprile.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (LA) Annales Marbacenses, pag 4 15-20
  2. ^ Fredegario, Fredegarii scholastici chronicum continuatum, Pars prima, auctore anonymo, C
  3. ^ a b c d (LA) Gesta Abbatum Fontanellensium , Pag 280
  4. ^ a b (LA) Annales Mettenses, pag 16

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sant'Ugo di Rouen in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Abate di Jumièges Successore TerritorialAbbotCoA PioM.svg
Cochin
687 - 724
724 - 730 Hildegard
730 - 750
Predecessore Vescovo di Bayeux Successore BishopCoA PioM.svg
San Framboldo
691 - 722)
723 - 730 ?
Predecessore Vescovo di Parigi Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Bernecairio
? - 722
724 - 730 ?

Controllo di autorità VIAF: 141148552 LCCN: no2010163131