Andrea Sartoretti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando attore italiano, vedi Andrea Sartoretti (attore).
Andrea Sartoretti
Andrea Sartoretti.JPG
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 194 cm
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore, ex opposto
Carriera
Giovanili
1987-88 PV Città di Castello PV Città di Castello
Squadre di club
1988-1991 PV Città di Castello PV Città di Castello
1991-1996 Porto Ravenna Porto Ravenna
1996-1997 Pallavolo Modena Pallavolo Modena
1997-2000 Gabeca Montichiari Gabeca Montichiari
2000-2001 Cuneo VBC Cuneo VBC
2001-2002 PV Cuneo PV Cuneo
2002-2005 Trentino Volley Trentino Volley
2005-2009 Pallavolo Modena Pallavolo Modena
Nazionale
1993-2004 Italia Italia 328
Carriera da allenatore
2009 Perugia Volley Perugia Volley
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Atlanta 1996
Bronzo Sydney 2000
Argento Atene 2004
Transparent.png Campionati mondiali di pallavolo maschile
Oro Tokyo 1998
Transparent.png World League
Oro Milano 1994
Oro Rio de Janeiro 1995
Oro Mosca 1997
Oro Mar del Plata 1999
Oro Rotterdam 2000
Transparent.png Coppa del Mondo di pallavolo maschile
Oro Giappone 1995
Transparent.png Campionati europei di pallavolo maschile
Oro Austria 1999
Oro Germania 2003
Statistiche aggiornate al luglio 2010

Andrea Sartoretti (Perugia, 19 giugno 1971) è un dirigente sportivo, allenatore di pallavolo ed ex pallavolista italiano.

Membro della cosiddetta generazione di fenomeni, è stato un opposto mancino dal servizio potente, preciso e veloce. Ha realizzato in carriera oltre mille ace ed è considerato uno dei migliori giocatori della storia del volley nel suo ruolo.[senza fonte]

Attualmente è il direttore sportivo della Pallavolo Modena.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Un attacco di Sartoretti con la maglia della Nazionale italiana

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel Città di Castello, esordì diciassettenne in Serie A2 con la prima squadra nella stagione 1988-89; nel 1990-91 il club umbro centrò la promozione in Serie A1 e l'approdo alla Final Four di Coppa Italia.

Sartoretti fu ingaggiato, per la stagione successiva, dalla Messaggero Ravenna, allora una delle più forti compagini del panorama pallavolistico mondiale. Con la squadra romagnola vinse tre Coppe dei Campioni e due Supercoppe europee.

Nella stagione 1996-97 passò alla Las Daytona Modena, con cui vinse l'unico scudetto della sua carriera, imponendosi anche in Coppa Italia e Coppa dei Campioni. Negli anni seguenti vestì le maglie di Montichiari, Cuneo e Trento, per poi tornare a Modena e lì chiudere la sua carriera al termine del campionato 2008-09.

Nelle regular season della massima serie del campionato italiano ha disputato un totale di 358 partite, mettendo a segno 5.932 punti (7° in classifica generale) e 649 battute vincenti (1° in classifica); nei play-off ha giocato 74 partite mettendo a segno 1.071 punti (14° in classifica generale) e 124 ace (1° in classifica). In totale, quindi, ha giocato 432 partite, mettendo a segno 7.003 punti (9° in classifica) di cui 773 ace (1° in classifica).[senza fonte]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

L'esordio in Nazionale è datato 21 maggio 1993, in una partita giocata a Bologna contro l'Olanda e terminata 3 a 0 per gli azzurri. Fece parte della Nazionale italiana per oltre un decennio, vivendo una delle stagioni più floride per la compagine azzurra, e rientrando in quel gruppo di giocatori definito generazione di fenomeni.

A tre medaglie olimpiche si aggiungono il gran numero di piazzamenti in tornei continentali e mondiali. Fu nominato MVP in due diverse edizioni della World League, imponendosi, nel 2004, come miglior realizzatore del torneo.

Allenatore e direttore sportivo[modifica | modifica wikitesto]

Ingaggiato come allenatore dalla RPA LuigiBacchi.it Perugia il 31 maggio 2009, conquistò la qualificazione alla Coppa Italia 2009-2010, ma venne esonerato dall'incarico il 24 dicembre, sostituito da Vincenzo Di Pinto[1]. Sartoretti restò tuttavia in società in qualità di direttore sportivo. Dopo il passaggio del titolo sportivo dell'Umbria Volley all'Altotevere Volley, venne confermato nello stesso ruolo nella nuova società di San Giustino[2]. Nella stagione 2013-14 è passato inizialmente all'Altotevere Città di Castello in qualità di general manager[3], e successivamente (novembre 2013) si è accasato alla Pallavolo Modena[4].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Modena: 1996-97
Modena: 1996-97
Cuneo: 2001-02

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Ravenna: 1991-1992, 1992-1993, 1993-1994
Modena: 1996-1997
Cuneo: 2001-2002
Modena: 2007-2008
Ravenna: 1992, 1993

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 25 luglio 2000. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[5]
Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 settembre 2004. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cambio in panchina. Torna Di Pinto. URL consultato il 26-12-2009.
  2. ^ San Giustino, Nocentini presenta l'organigramma societario. PianetaVolley, 6 luglio 2012.
  3. ^ Altotevere Città di Castello, in LegaVolley.it.
  4. ^ Presentato il Ds Andrea Sartoretti: "Modena è la mia seconda casa...". LegaVolley.it, 25 novembre 2013.
  5. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Andrea Sartoretti. URL consultato l'8 aprile 2011.
  6. ^ Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Andrea Sartoretti. URL consultato l'8 aprile 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Trentino Volley 2002-2003
Trentino Volley 2003-2004
Trentino Volley 2004-2005

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]