Yakutia (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Yakutavia)
Jump to navigation Jump to search
Yakutia
Yakutia Boeing 737-800 Ates-1.jpg
StatoRussia Russia
Fondazione2002 a Jakutsk
Sede principaleAeroporto di Jakutsk
SettoreTrasporto
Prodotticompagnia aerea
Slogan«Volate con il comfort!»
Sito web
Compagnia aerea regionale
Codice IATAR3
Codice ICAOSYL
Indicativo di chiamataAIR YAKUTIA
Primo volo2002
HubJakutsk
Flotta17
Destinazioni40
Voci di compagnie aeree presenti su Wikipedia
Tupolev Tu-154M nella livrea storica della Sacha Avia all'aeroporto di Tomsk nel 1999.
Tupolev Tu-154M nella livrea storica della Yakutsk Airlines all'aeroporto di Mosca-SVO nel 2001.
Tupolev Tu-154M nella livrea di Yakutia all'aeroporto di Mosca-Vnukovo (2005).
Boeing 757-200 nella livrea di Yakutia all'aeroporto di Mosca-Vnukovo.
Sukhoi Superjet 100-95LR nella livrea di Yakutia all'aeroporto di Vladivostok.

Yakutia (in russo: Якутия), già Aeroflot-Yakutia e già Yakutaviatrans, è una compagnia aerea russa con base tecnica all'aeroporto di Mosca-Vnukovo, con sede nella Repubblica autonoma della Russia Sacha-Jacuzia che si occupa sia del trasporto passeggeri che del trasporto merci.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La compagnia aerea attuale è stata fondata sulla base della fusione della compagnia aerea Sacha Avia e della compagnia aerea Jakutia Airlines nel 2002.

L'attività principale di questa compagnia è il collegamento della Repubblica Autonoma Sacha con la Russia europea e la Siberia mediante i voli di linea; essi costituiscono l'unico mezzo di trasporto nelle condizioni climatiche e geografiche della Siberia nord-orientale.

Nel 2008 la compagnia aerea Yakutia ha trasportato 547 475 passeggeri diventando il 21º vettore sul mercato russo.[1]

Nel 2009 Yakutia ha trasportato 661 820 di passeggeri, il 20,89% in più rispetto al 2008, diventando il 14º vettore più importante della Russia e la settima compagnia aerea sul mercato interno russo.[2]

Nel periodo gennaio-luglio 2010 Yakutia ha trasportato 463 200 passeggeri mostrando una crescita del 36,9% rispetto allo stesso periodo del 2009. La crescità è stata dovuta in gran parte alla modernizzazione della flotta con gli aerei Boeing 737 e Boeing 757.[3]

Nel 2010 la compagnia aerea russa Yakutia ha trasportato 903 283 passeggeri, il 36,5% in più rispetto al 2009. In particolare, nel 2010 la compagnia aerea ha trasportato sulle linee aeree internazionali 215 288 passeggeri, ovvero 4,9 volte di più rispetto all'anno precedente.[4]

Nel gennaio 2011 la compagnia aerea Yakutia in collaborazione con la statunitense Boeing ed il Comitato Interstatale di Aviazione ha partecipato nella procedura di certificazione degli aerei Boeing 737-700 a temperature dell'ambiente estremamente basse a -45 °C. Sugli aerei della flotta della compagnia aerea russa sono state condotte le prove dell'influenza delle basse temperature sulle prestazioni dei motori e dei sistemi di bordo dopo il loro congelamento per 48 ore presso l'aeroporto di Jakutsk, la base tecnica e la sede principale della Yakutia. Il volo di prova successivo al congelamento è stato effettuato il 29 gennaio 2011 alle ore 08:28 (ora UTC) ed è durato 1 ora e 30 minuti. Tutti i sistemi del Boeing 737-700 sottoposto alle prove hanno funzionato senza anomalie. Durante il volo, i piloti della Boeing e della compagnia aerea russa hanno eseguito con successo una serie di prove del funzionamento dei sistemi elettronici e del software installato sul velivolo.[5]

Il 23 gennaio 2013 il primo Sukhoi Superjet 100 della Yakutia ha ufficialmente entrato in servizio effettuando il suo primo volo di linea sulla rotta Jakutsk - Chabarovsk.[6]

Nel febbraio 2013 la compagnia aerea Yakutia è stata iscritta nel registro degli operatori IOSA (IATA Operational Safety Audit) fino al marzo 2014 in seguito all'ispezione passata con il successo nel marzo del 2012. È diventata così la 14ª compagnia aerea ad ottenere il certificato IOSA in Russia.[7]

Il 1º marzo 2013 il primo De Havilland DHC-8-400 ha effettuato i voli di linea sulle rotte Jakutsk - Chabarovsk e Chabarovsk - Ocha (Oblast' di Sachalin, Russia).[8]

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

Flotta attuale[modifica | modifica wikitesto]

Flotta di Yakutia
Aereo In flotta Ordini Passeggeri
C Y Totale
Boeing 737-800 5 8 162 170
Bombardier Dash 8 Q300 3 50 50
Bombardier Dash 8 Q400 3 72 72
Sukhoi Superjet 100-95 5 8 85 93
Flotta di Yakutia Cargo
Boeing 757-200PCF 1
Cargo
Totale 17

Flotta storica[modifica | modifica wikitesto]

Aereo In flotta Anno di introduzione Anno di ritiro Note
Antonov An-26 N.D. 2002 2012 Velivolo cargo
Antonov An-140-100 4 2010 2015
Boeing 737-700 5 2005 2015
Boeing 757-200 5 2009 2015
Boeing 757-200APF 1 2011 2015
Tupolev Tu-154M N.D. 2002 2014

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 gennaio 2007 un volo locale della Yakutia operato con un Antonov An-24 Žigansk - Jakutsk ha effettuato un atterraggio d'emergenza a Jakutsk in seguito allo spegnimento di uno dei due motori del velivolo in volo. Dei 18 passeggeri e 5 membri d'equipaggio nessuno è rimasto ferito.

Il 7 aprile 2009 un volo nazionale della Yakutia operato con un Boeing 757 Mosca-Vnukovo - Jakutsk ha effettuato un atterraggio d'emergenza alle 21:45 (ora locale) all'aeroporto di partenza dopo la decisione del comandante dovuta alle cause tecniche del velivolo.[9]. I 174 passeggeri non hanno riportato i danni in seguito all'incidente e sono partiti con un volo di linea operato con un Tupolev Tu-154M dalla Yakutia[10].

Il 16 agosto 2010 un Antonov An-24 della Yakutia diretto a Chabarovsk subito dopo il decollo dall'aeroporto di Jakutsk è stato costretto di effettuare un atterraggio d'emergenza a Jakutsk in seguito al malfunzionamento di uno dei due propulsori del velivolo. In seguito all'atterraggio d'emergenza nessuno ha riportato i danni, ma alcuni di passeggeri del volo hanno rifiutato il volo sostitutivo programmato con un altro An-24 della compagnia aerea russa verso l'aeroporto di destinazione e hanno deciso di non partire più con Yakutia in seguito all'incidente.[11]

Il 1º dicembre 2012 un Boeing 737-800 marche VQ-BMP della Yakutia partito da Aeroporto di Rimini-Miramare diretto a Aeroporto di Rostov sul Don è andato fuori pista durante l'atterraggio pare a causa di un malfunzionamento dei freni. Nessun ferito tra i 164 passeggeri e i 7 membri dell'equipaggio. L'aereo ha riportato danni minori e al motore sinistro.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.tch.ru/doc/1460/30_AK_pass_ITOG_1-12-2008.pdf?PHPSESSID=5da9bd6ee818e8781ee5eaf6ffdebb53[collegamento interrotto].
  2. ^ (RU) ATO.Ru - 10-02-2010 - Рейтинг 20 ведущих авиакомпаний России по объему перевозок пассажиров за 2009 г. URL consultato il 19-01-2011.
  3. ^ (RU) AviaPort.Ru - 19-08-2010 - Демпинговые налеты - "Владивосток авиа" показало убыток за первые полгода. URL consultato il 19-01-2011.
  4. ^ (RU) AviaPort.Ru - 19-01-2011 - "ЯКУТИЯ" В 2010 Г. УВЕЛИЧИЛА ПАССАЖИРОПОТОК НА 37%. URL consultato il 19-01-2011.
  5. ^ (RU) AviationEXplorer.Ru - 01-02-2011 - проведению низкотемпературных испытаний самолета Boeing 737-700 авиакомпании "Якутия". URL consultato il 01-02-2011.
  6. ^ (RU) AviationEXplorer.Ru - 23-01-2013 - Sukhoi SuperJet 100 авиакомпании "Якутия" выполнил первый пассажирский рейс . URL consultato il 23-01-2013.
  7. ^ (RU) Ato.Ru - 07-02-2013 - Авиакомпания "Якутия" получила сертификат IOSA. URL consultato il 07-02-2013.
  8. ^ (RU) Yakutia.Aero - 01-03-2013 - Bombardier Dash 8 Q400 расширяет карту полётов. Archiviato il 3 marzo 2013 in Internet Archive. URL consultato il 01-03-2013.
  9. ^ (RU) Pda.Avia.Ru - 08-04-2009 - Самолет Boeing 757 авиакомпании "Якутия" совершил аварийную посадку в аэропорту "Внуково". URL consultato il 18-08-2010.
  10. ^ (RU) Pda.Avia.Ru - 08-04-2009 - В Москве дожидаются вылета в Якутск еще около 15 пассажиров авиакомпании "Якутия". URL consultato il 18-08-2010.
  11. ^ (RU) Pda.Avia.Ru - 16-08-2010 - Ан-24 авиакомпании "Якутия" совершил аварийную посадку в Якутске. URL consultato il 18-08-2010.
  12. ^ (EN) The Aviation Herald - 02-12-2012 URL consultato il 23-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]