Wartburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la casa automobilistica, vedi Automobilwerk Eisenach.
Wartburg
Eisenach Wartburg 14.jpg
Ubicazione
Stato Banner of the Holy Roman Emperor (after 1400).svgSacro Romano Impero
Flag of Prussia (1892-1918).svgRegno di Prussia
Stato attuale Germania Germania
Land Turingia Turingia
Città Wappen Eisenach.png Eisenach
Coordinate 50°57′58″N 10°18′23″E / 50.966111°N 10.306389°E50.966111; 10.306389Coordinate: 50°57′58″N 10°18′23″E / 50.966111°N 10.306389°E50.966111; 10.306389
Mappa di localizzazione: Germania
Wartburg
Informazioni generali
Stile Medievale-Romanico
Inizio costruzione 1067
Materiale pietra e graticci
Primo proprietario Luigi il Saltatore
Condizione attuale ben conservata e restaurata
Proprietario attuale Land della Turingia
Visitabile
Sito web (DE) Sito ufficiale del Castello
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall’UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Castello di Wartburg
(EN) Wartburg Castle
Wartburg von Brücke.jpg
Tipo Culturali
Criterio (iii) (vi)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1999
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Wartburg è un castello che sorge negli immediati dintorni di Eisenach, nella Turingia, in Germania.

Sorge alla sommità di una collina a 441 m s.l.m. dominando tutto il paesaggio della Selva di Turingia e rappresenta uno dei più alti e vasti esempi dell'architettura fortificata europea del Medioevo[1]. Nel Medioevo è stato un grande fulcro culturale legato ai Minnesänger.

Il castello è punto di transito sia dell'antica Via Regia (a nord), sia del vecchissimo sentiero Rennsteig (a sud), lungo più di 150 km, in gran parte nella selva di Turingia.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il castello venne fatto costruire nel 1067 dal langravio di Turingia Luigi il Saltatore[2] e restò residenza dei langravi fino al 1440. Venne continuamente ampliato e modificato, inoltre profondamente restaurato dopo la Seconda guerra mondiale.

Durante la Lotta per le investiture il castello fu una base strategica che opponeva la Sassonia e la Turingia, alleate, all'imperatore Enrico IV.

Dal 1207 al 1231 fu dimora del langravio Ludovico IV e della principessa Elisabetta d'Ungheria, santificata nel 1235.

Nel 1999 il castello di Wartburg è stato dichiarato dall'UNESCO Patrimonio dell'umanità.

Minnesänger[modifica | modifica wikitesto]

Ermanno I di Turingia (1190-1217) vi creò una corte intellettuale e raffinata, facendo divenire la Warburg un fulcro fondamentale del Minnesang germanico. Inoltre, verso il 1207 fu sede del "Sängerkrieg", concorso di Minnesänger che vide affrontarsi partecipanti del calibro di Walther von der Vogelweide, di Wolfram von Eschenbach o di Albrecht von Halberstadt. Questa vicenda ispirò il grande compositore Richard Wagner per la sua Opera del Tannhäuser, e quindi il fantasioso re di Baviera Ludovico II nella costruzione del Castello di Neuschwanstein.

Martin Lutero[modifica | modifica wikitesto]

Il salvacondotto imperiale che il principe Federico il Saggio aveva ottenuto per il suo protetto, Martin Lutero, ne impedì l'immediato arresto a Worms. Per salvarlo dalla condanna che ormai era stata emessa, nel 1521 il principe organizzò un falso rapimento di Lutero allo scopo di tenerlo nascosto nel castello di Wartburg, dove rimase per dieci mesi, nel corso dei quali si dedicò alla sua più importante opera: la traduzione del Nuovo Testamento in lingua tedesca, reinterpretando la traduzione dal greco in latino che era stata compiuta da Erasmo da Rotterdam non molti anni prima (1516).

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN243482353 · LCCN: (ENsh89004664 · GND: (DE4122665-3 · BNF: (FRcb12048584f (data)
Patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità
  1. ^ "Germania", Guida TCI, 1996, pag. 210
  2. ^ "Germania", Guida TCI, 1996, pag. 210