Speicherstadt (Amburgo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
La Speicherstadt e Distretto di Kontorhaus con la Chilehaus
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
TipoCulturali
Criterio(iv)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2015
Scheda UNESCO(EN) Speicherstadt and Kontorhaus District with Chilehaus
(FR) Scheda
Amburgo: la Speicherstadt
Amburgo: la Speicherstadt
Amburgo: Ponte nella Speicherstadt
Amburgo: Altra immagine della Speicherstadt
Un canale lungo la Speicherstadt
Un canale lungo la Speicherstadt
Speicherstadt: Il Deutsches Zollmuseum

La Speicherstadt (lett. “città dei magazzini”); ted. (Speicher “magazzino” + Stadt “città”) è un complesso di 17 magazzini - ora occupati da diversi musei (museo delle miniature,museo della marina, museo della dogana) ospita diversi uffici e case discografiche e agenzie per spettacoli, e molte altre cose , sono situati lungo i canali del centro e in prossimità del porto della città tedesca di Amburgo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costruito tra il 1884 e il 1927 su un'area di ca. 330.000 m2 complessivi e su progetto dell'ingegnere amburghese Franz Andreas Meyer[1], è il più grande complesso di magazzini mai realizzato al mondo. Dal 1991 è monumento protetto dai beni culturali e il 5 luglio 2015 è stato nominato come patrimonio dell'umanità dell UNESCO insieme alla Kontorhausviertel e la Chilehaus, storiche e uniche costruzioni nel loro genere.[2].

La costruzione della Speicherstadt si rese necessaria dopo il contratto doganale stipulato dalla città-stato di Amburgo con l'Impero tedesco nel 1881.[3] Per permettere la costruzione, dovettero essere abbattuti numerosi edifici e ca. 23.000 residenti, per lo più lavoratori portuali, vennero sfollati.[4] La storia della Speicherstadt è illustrata nello Speicherstadtmuseum, che in italiano si potrebbe tradurre come: Museo della città dei magazzini.

I magazzini, alti sette-otto piani[2], sorretti da palafitte di fondamento in legno di quercia, con la sovrastruttura di laterizio rosso (secondo l'architettura tipica delle città anseatiche) ed abbelliti con torrette e pinnacoli, servivano per lo stoccaggio di merci di vario genere, quali caffè, , spezie, cacao, tabacco, rum, tappeti orientali, ecc.[5]

Ubicazione[modifica | modifica wikitesto]

La Speicherstadt si trova nella zona sud-orientale della città. I suoi confini sono delimitati dal Binnenhafen, dal Zollkanal, dall'ex-Dovenfleet e dal porto dell'Altstadt. Dal 1º marzo, la Speicherstadt è inclusa nella nuova zona cittadina, denominata HafenCity.

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Superficie: 25 ettari
  • Lunghezza: 1,50 km
  • Larghezza: 150 – 250 m
La Speicherstadt nel 1890

Musei ed esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Ulteriori immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ cfr. p. es. Altrogge, Gudrun, Hamburg, ADAC Verlag, München, 2005, p. 48
  2. ^ a b cfr. p. es. ib.
  3. ^ Altrogge, Gudrun, op. cit., p. 46;
  4. ^ Altrogge, Gudrun, op. cit.
  5. ^ cfr. p. es. A.A. V.V., Germania del Nord, Touring Club Italiano, Milano;
    Altrogge, Gudrun, op. cit., p. 46;
    Joanna Egert-Romanowska - Małgorzata Omilanowska, Germania, Dorling Kindersley, London - Mondadori, Milano, 2002, p. 421;
    http://www.hamburg-tourism.de/sehenswertes/best-of-hamburg/speicherstadt/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN242128934 · LCCN (ENno2013092815 · GND (DE4113842-9 · WorldCat Identities (ENlccn-no2013092815

Coordinate: 53°32′36″N 9°59′31″E / 53.543333°N 9.991944°E53.543333; 9.991944