Duomo di Naumburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Duomo dei Santi Pietro e Paolo
Naumburger Dom St. Peter und Paul
Naumburg Dom 80479.JPG
StatoGermania Germania
LandSassonia-Anhalt
LocalitàNaumburg
ReligioneChiesa evangelica in Germania
TitolarePietro apostolo, Paolo di Tarso
DiocesiChiesa regionale della Germania centrale
Stile architettonicoRomanico-gotico
Inizio costruzione1213 su edificio dell'XI secolo
Sito web

Coordinate: 51°09′17″N 11°48′14″E / 51.154722°N 11.803889°E51.154722; 11.803889

La cattedrale Santi Pietro e Paolo (Dom St. Peter und Paul) è l'antica cattedrale della città di Naumburg, nella valle di Sassonia-Anhalt, anche sede episcopale dell'arcidiocesi cattolica di Naumburg. Fu dall'inizio della Riforma protestante la chiesa luterana-evangelica della città.

È situata nel luogo dell'antica cattedrale, datata XI secolo e per gran parte XIII secolo. Lo stile è tardo-romanico sassone. Il coro occidentale, datato XIII secolo, è di stile gotico. Vi sono varie statue, quale quella di Uta di Naumburg (1243-1249), opera del maestro di Naumburg.

Nicolas von Amsdorf instaurò nel 1542 il culto luterano. L'ultimo vescovo cattolico, residente a Zeitz, morì nel 1564 e il vescovado fu assorbito dal ducato di Sassonia. La cattedrale perse poi la sua sede episcopale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'antica cattedrale[modifica | modifica wikitesto]

Progetto della cattedrale.

Fu nel 1028 che il papa Giovanni XIX concesse il diritto al nuovo villaggio di Naumburg[1], costruito all'inizio del secolo attorno ad una roccaforte ai marchesati di Misnia, di accedere al rango di sede episcopale, fino allora solo di Zeitz. La costruzione della nuova cattedrale iniziò qualche mese dopo, ad est della collegiata di Santa Maria. Venne consacrata nel 1044 dal vescovo Hunold di Merseburg e disposta sotto il patrocinio di San Pietro e di San Paolo. Il primo edificio, più piccolo dell'attuale, era a tre navate a forma di croce e di struttura basilicale. Due torri furono costruite ad est, a 7 m dall'attuale pontile-tramezzo gotico. Una piccola abside venne costruita tra le due torri, servendo da coro, al di sotto di una cripta. Le torri furono cintate da un muro ad ovest, dissimulando così il coro. Il portale principale si trovava a sud.

La cattedrale romanica[modifica | modifica wikitesto]

Statue del margravio Eccardo II margravio di Meissen e di sua moglie Uta di Ballenstedt, nel coro occidentale.

Fu sotto l'episcopato (1206-1242) di Engelhard di Naumburg che cominciarono nel 1210 i lavori della nuova cattedrale in stile tardo-romanico. La navata fu costruita per prima, poi la costruzione proseguì ad ovest dell'edificio. Il coro è stato costruito ad oriente, preceduto da un transetto e di un crocevia, al di sotto dei quali si trova una nuova cripta in tre parti. La consacrazione ebbe luogo il 29 giugno 1242, giugno di festa dei santi patroni.

Il coro gotico[modifica | modifica wikitesto]

Vista del coro gotico con una delle due torri

Il marchese Enrico l'Illustre dispose la costruzione di un coro supplementare ad ovest della cattedrale verso il 1250[2]. È in un primitivo stile gotico e in pianta rettangolare con sei volte, ma il lato ovest forma un poligono di 5/8, illuminato da cinque finestre appuntite, dal quale emerge una torre dalla quale si può vedere la città di Meissen. Si accede al poligono da quattro alti passaggi.

Il coro occidentale è fermato da un pontile-tramezzo che lo separa dalla navata. È decorato da bassorilievi che rappresentano la Passione di Cristo e la Crocifissione. Il loro stile s'ispira allo statuario delle cattedrali di Noyon, di Reims e di Amiens, alle quali il maestro di Naumburg collaborò. Il maestro ha realizzato il coro e anche le sculture. Vi sono dodici statue dei fondatori e dei protettori della cattedrale lungo i muri. Celebre è quella della marchesa Uta, rappresentazione del gotico tedesco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ebbe il rango di città solo nel 1144
  2. ^ Alcuni storici citano la data del 1245.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN312808873 · LCCN (ENn82254957 · GND (DE4228478-8 · WorldCat Identities (ENn82-254957