Merseburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Merseburg
città
Merseburg – Stemma
Localizzazione
StatoGermania Germania
LandFlag of Saxony-Anhalt.svg Sassonia-Anhalt
DistrettoNon presente
CircondarioSaale
Territorio
Coordinate51°22′N 12°00′E / 51.366667°N 12°E51.366667; 12 (Merseburg)Coordinate: 51°22′N 12°00′E / 51.366667°N 12°E51.366667; 12 (Merseburg)
Altitudine88 e 98 m s.l.m.
Superficie54,73 km²
Abitanti34 441 (2006-12-31)
Densità629,29 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale06217
Prefisso03461
Fuso orarioUTC+1
Codice Destatis15 0 88 220
TargaSK, MER, MQ
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Merseburg
Merseburg
Sito istituzionale

Merseburg è una città della Germania di 34.441 (2006) situata nel Land della Sassonia-Anhalt. È stata sede dell'omonima diocesi fondata nel 968 dall'arcivescovo Adalberto di Magdeburgo e soppressa nel 1565.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Posta sulla riva sinistra del fiume Saale, circa 14 km a sud di Halle. Fino al 1º luglio 2007 è stato capoluogo del circondario di Merseburg-Querfurt, successivamente confluito nel Saalekreis. Anche di quest'ultimo circondario è divenuta capoluogo, oltre ad esserne il centro maggiore.

Comunità amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Merseburg è anche la sede del "Verwaltungsgemeinschaft" ("municipio collettivo") di Merseburg, che comprende i seguenti municipi (popolazione del 2005):

  • Geusa (1.488)
  • Merseburg (34.441)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Merseburg è una città molto antica, menzionata per la prima volta nell'850. Re Enrico I di Sassonia vi costruì il palazzo reale; nei pressi della città nel 934 ottenne una vittoria sugli Ungari.

Dal 968 e fino alla Riforma protestante (XVI secolo) Merseburg fu governata dai propri vescovi.

Dal 1657 al 1738 fu residenza dei duchi della linea collaterale di Sassonia-Merseburg.

Durante la seconda guerra mondiale Merseburg fu distrutta quasi completamente a causa dei pesanti bombardamenti alleati per la presenza di stabilimenti bellici come la Junkers GmbH, nel corso dei quali quasi due terzi della popolazione rimase uccisa.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN133714939 · GND (DE4038749-5 · BNF (FRcb11991366q (data)