Erker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Esempio di erker in val Pusteria

Un Erker è uno spazio per proiettare all'esterno di un edificio alcune finestre. Può essere a uno o due piani e parte, a differenza della bay window, da uno dei piani superiori[1]. Se è esagonale o rettangolare e sostenuto da una grossa mensola, è detto anche oriel[2]. Questa struttura è tipica delle case diffuse nei territori di lingua tedesca.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il termine Erker è di origine tedesca.

Questo maggiore spazio ottenuto, proiettando più all'esterno le finestre, permette di ottenere una "baia", quadrata o poligonale. Solitamente gli angoli usati sono di 90, 135 e 150 gradi. Spesso gli erker sono associati allo stile architettonico vittoriano. In Alto Adige sono invece molto comuni nei masi.

Gli Erker spesso sono usati per avere l'illusione di avere una stanza più larga. Sono inoltre utilizzati per aumentare l'ingresso della luce nei locali, oltre che per aumentare la visuale all'esterno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4152784-7
Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura